Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni ''Tu ammazzasti a me figghiu''

Giorgio Bongiovanni

''Tu ammazzasti a me figghiu''

savino felicia rai1Felicia Impastato, boom di ascolti per il film di Rai1
di Giorgio Bongiovanni
“Ammazzasti a me figghiu”. Sono le parole toccanti che Felicia Impastato, madre di Peppino, pronuncia puntando il dito contro il boss Tano Badalamenti, condannato per essere stato il mandante dell'omicidio del figlio, così scomodo per la Cosa nostra degli anni '70. Parole che emergono nel film diretto da Gianfranco Albano (Felicia Impastato è magistralmente interpretata da Lunetta Savino) andato in onda ieri, 10 maggio, in prima serata su Rai 1.
Un film elegante e commovente, a giudicare dai dati la dimostrazione che certi temi e valori, a maggior ragione se veicolati dal servizio pubblico, fanno presa sugli italiani (6 milioni 871 mila spettatori e il 26.98% di share vincendo la sfida degli ascolti della prima serata). Ma anche di denuncia, che racconta ai telespettatori la storia di Peppino Impastato e la rivoluzione da lui portata avanti, insieme al suo gruppo di amici, per combattere la mafia di Cinisi attraverso l'irriverente Radio Aut. Una cultura mafiosa da Peppino rifiutata in toto sebbene lui stesso avesse respirato quell'aria fin dalla nascita, in famiglia. Unica pecca, a dire il vero, la totale assenza nel film della figura di Salvo Vitale, amico fraterno e compagno di Peppino che con lui visse, tra le tante esperienze, quella di Radio Aut.

Ma il grande pregio è il fatto che emerge tutta la responsabilità dello Stato-Mafia nelle indagini depistate sulla morte di Peppino, fatto passare per terrorista suicida da carabinieri vigliacchi e intellettualmente corrotti, sostenitori di quella parte di Stato criminale che obbediva alla legge del dialogo e della convivenza con la Cosa nostra di Badalamenti e Bontate, prima che questa fosse scalzata via dai corleonesi di Totò Riina. Una mafia che non coltivava un rapporto trattativista con pezzi di istituzioni, ma un vero e proprio accordo. Proprio per questo la morte di Peppino è un omicidio di Stato, per il quale mamma Felicia ha chiesto incessantemente giustizia. E quando puntava il dito contro don Badalamenti non si rivolgeva solo a lui, ma a tutto lo Stato-Mafia.

ARTICOLI CORRELATI

Felicia? E' solo una fiction

Impastato e i presunti depistaggi. No all'archiviazione per Subranni

Omicidio Impastato, approfondire i reati oltre la prescrizione

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa