Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Il fiume che scorre

Giorgio Bongiovanni

Il fiume che scorre

maniaci pino copyright igor petyxLa difesa di Pino Maniaci: una controffensiva senza esclusione di colpi
di Giorgio Bongiovanni e Lorenzo Baldo
Palermo. Un fiume. Che scorre veloce. E' questa l'immagine che rimane impressa dopo la conferenza stampa di Pino Maniaci e dei suoi legali Antonio Ingroia e Bartolo Parrino. Sì, perchè, al di là delle tante parole gridate oggi dal direttore di Telejato e dai suoi avvocati, è come se ci fosse un corso d'acqua che continua a scorrere portandosi via ogni cosa. Ed è soprattutto la disillusione di tanti ragazzi ad essere trascinata via dalle correnti. Quei ragazzi che hanno visto in Maniaci un punto di riferimento e che di fronte alle notizie delle indagini su di lui speravano si potesse sgombrare definitivamente il campo dalle accuse pesanti che gli sono piovute addosso. Dal canto suo il direttore della combattiva televisione di Partinico ha negato tutto. Le estorsioni? “Nessuna, solo la riscossione di quanto dovuto per la vendita di spazi pubblicitari, porterò le registrazioni di 3 anni di telegiornali”. Le intercettazioni in cui accusa il marito dell'amante di avergli ucciso i due cani (spacciando poi il vile atto per una minaccia mafiosa)? “Un video montato ad arte”, solo una “boutade” buttata là per un “tornaconto personale” perché voleva “vantarsi” con la donna. E l'assunzione di quella stessa signora imposta al Comune? Ma quale imposizione, “era solo un modo di aiutare una persona in difficoltà”. Chiedere scusa per quello che ha fatto? Ma quando mai, questo è solo “gossip”! Questa parola ritorna spessissimo in una conferenza stampa a dir poco affollata. Ma davvero si può ridurre a “gossip” tutto quello che è emerso finora? E' indubbio che siamo alle battute iniziali di un procedimento giudiziario e che sarà un giudice a stabilire la solidità dell'impianto accusatorio della Procura di Palermo nei confronti di Pino Maniaci. Allo stesso modo saranno vagliate le posizioni dei due sindaci che accusano Maniaci. Così come bisognerà fare luce su chi informava Silvana Saguto delle indagini in corso sul direttore di Telejato. E' fuori discussione che le sue inchieste sulla gestione dei beni confiscati hanno svelato un mondo sommerso procurandogli nemici pericolosi dentro e fuori gli ambienti giudiziari. Nessuno cancella quindi anni di lavoro e di sacrificio della sua famiglia, dei tantissimi volontari che hanno sostenuto Telejato, né tanto meno le minacce di morte (vere) della mafia. Ma rileggendo l'ordinanza, a tutto si può pensare meno che al “gossip”. Risentendo alcuni passaggi delle intercettazioni sembra piuttosto di calarsi nell'ambito del “non detto” che in una terra come la Sicilia rappresenta un campo minato dove possono saltare in aria parametri e punti di riferimento. E se i soldi presi da Pino dai due amministratori comunali sono solo “atti di liberalità”, come li ha definiti Maniaci davanti al Gip, sarà lo stesso magistrato a chiarirlo. Restano però da chiarire quelle che il direttore di Telejato definisce le “boutade” sui cani ammazzati e sui “premi del cazzo” che gli avrebbero garantito ulteriore “potenza” e una sorta di intoccabilità. E' lo “stile” di Pino, si potrebbe obiettare: dissacrante e fuori dalle regole. Ma questa storia lascia un retrogusto amaro che non si può cancellare con una battuta. L'antimafia è ferita a tutti gli effetti. E in questo fiume che continua a scorrere rischia di caderci dentro chi, nonostante tutto, si ostina a credere nell'ideale della lotta alla mafia. Che perde ogni valore se non racchiude in sé l'umiltà di riconoscere i propri errori per poter ricominciare daccapo.

Foto tratta da palermo.repubblica.it © Igor Petyx

ARTICOLI CORRELATI

Maniaci in conferenza stampa: “gossip” e “processo mediatico”

Una grave ferita (da sanare)

Maniaci indagato, bufera su Telejato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa