Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Rubriche Giorgio Bongiovanni Attentato a Di Matteo: evitarlo, o esserne complici

Giorgio Bongiovanni

Attentato a Di Matteo: evitarlo, o esserne complici

di-mateto-sceltadi Lorenzo Baldo e Giorgio Bongiovanni - 16 dicembre 2014
Leggendo i primi stralci delle dichiarazioni del neo pentito, Vito Galatolo, c'è poco spazio per l'immaginazione. Con l'arresto odierno del boss Vincenzo Graziano le parole del figlio dello stragista Vincenzo Galatolo acquisiscono ulteriore gravità. “Mio padre - ha dichiarato Galatolo jr agli inquirenti - mi riferì che Vincenzo Graziano, sottocapo della famiglia dell'Acquasanta, mi doveva parlare. In occasione di questo incontro mi disse che Girolamo Biondino voleva organizzare un incontro urgente”. Secondo il racconto del collaboratore di giustizia Vito Galatolo, quel summit tra mafiosi risale al 13 settembre 2012. Ma è l'8 dicembre di quello stesso anno quando il capomafia di Porta Nuova, Alessandro D'Ambrogio, spiega allo stesso Galatolo che “bisognava fare una riunione con Biondino (Girolamo, ndr) nella quale si doveva affrontare l'argomento dell'attentato nei confronti del dottore Di Matteo voluto dal 'fratellone' e cioè da Matteo Messina Denaro”. “L'intento di organizzare l'attentato non è mai stato messo da parte - ha sottolineato Vito Galatolo -; una volta ne parlai con Graziano Vincenzo all'interno del Tribunale ed avevamo pensato di posizionare un furgone nei pressi del Palazzo di Giustizia ma non ritenemmo di procedere perché ci sarebbero state molte vittime. Pensammo anche, data la disponibilità della famiglia mafiosa di Bagheria, di valutare se procedere in località Santa Flavia, luogo dove spesso il dottore Di Matteo trascorre le vacanze estive... la presenza di tritolo sul territorio palermitano rende ancora attuale, a mio avviso, il pericolo dell'attentato nei confronti del dottore Di Matteo”.

Di quel tritolo al momento non c'è traccia. E' evidente che, dopo le prime fughe di notizie sul progetto di attentato al magistrato palermitano, l'esplosivo sia stato spostato da dove inizialmente era custodito. Fin qui la cronaca dei fatti. Che, a rigor di logica, dovrebbe quanto meno evitare analisi affrettate. Nella terra del Gattopardo, però, può accadere anche questo. Al di là dei primi attestati di attendibilità da parte degli inquirenti nei confronti dello stesso Galatolo, tra alcuni addetti ai lavori serpeggiano parecchi “dubbi” sulla “genuinità” di quelle confessioni. Lo stesso ruolo di Matteo Messina Denaro nella realizzazione dell'attentato a Di Matteo viene pesantemente messo in discussione. Quello che sta accadendo attorno a questa vicenda è a dir poco paradossale. Non sono bastati gli esempi in negativo dell'isolamento subìto da Falcone e Borsellino più di vent'anni fa. Certi scenari continuano a ripetersi, cambiano solo i volti dei protagonisti. Allo stesso modo non è cambiato quel silenzio complice di chi avrebbe il dovere di tutelare con ogni mezzo chi, su indicazioni “esterne”, è stato condannato a morte da Cosa Nostra. In una terra pirandelliana come la Sicilia quegli stessi “sepolcri imbiancati” che oggi, con parole o omissioni, contribuiscono alla sovraesposizione di Nino Di Matteo, saranno i primi a presenziare ai funerali di Stato se dovesse verificarsi una nuova strage. In un momento storico tanto critico, nel bel mezzo di una crisi economica senza precedenti, nessuno è immune dalla responsabilità di dover evitare che si possa verificare un nuovo attentato. L'alternativa è quella di esserne complici.

ARTICOLI CORRELATI

Quando di trattativa si muore

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa