Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Libri
Categoria: Mafia
Editore: Imprimatur
Pagine: 204
Prezzo: € 13,00
ISBN: 9788804678328
Anno: 2017
Visite: 1283

Recensione

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta a Saverio Lodato
di Giorgio Bongiovanni


Tommaso Buscetta, il primo grande pentito di mafia che ha tolto il velo a Cosa Nostra quando questa conquistava potere a suon di bombe e omicidi, torna in libreria attraverso la nuova edizione di “La mafia ha vinto” (Ed. Mondadori). E' la penna dello scrittore e giornalista Saverio Lodato che permette a Buscetta, un anno prima di morire nel 2000 a New York, di lasciare una sorta di testamento intervista in cui traccia un quadro disarmante e pessimista della lotta alla mafia in cui non risparmia la responsabilità politica.
Un libro quanto mai attuale e, senza voler essere “fanatici” ma semplicemente realisti, un libro purtroppo “profetico”.
Diciotto anni fa, mentre i maggiori boss criminali e sanguinari sono dietro le sbarre e in molti vanno dicendo che la mafia aveva perso, Buscetta, mette nero su bianco che la mafia è invece riuscita a salire al potere e fa ben intendere che quella dietro le sbarre altro non è che la parte militare.
Oggi infatti possiamo constatare come la mafia ha vinto dal punto di vista politico, economico e strategico, basti pensare che secondo le stime (per difetto) possiede un capitale economico pari a tre volte tutte le società quotate in Borsa. Da qualche anno ci sono indagini e processi a Palermo come a Reggio Calabria che cercano di togliere la maschera alla mafia degli “invisibili” che siedono in posti di potere, ma già alla fine del 1999, nell'intervista, Buscetta spiega il salto evolutivo della mafia. All'epoca il collaboratore di giustizia Salvatore Cancemi aveva già fatto i nomi di Dell'Utri e Berlusconi, e Buscetta lo indica come un pentito chiave da spremere per comprendere le nuove evoluzioni.
Leggendo il testamento di Tommaso Buscetta si capisce che i nuovi mafiosi sono i successori dei grossi boss siciliani e americani: i Provenzano, i Riina, i Gambino, i Genovese, i Lucchese ecc.; divenuti avvocati, dottori, sindaci, banchieri e finanzieri che pensano e agiscono però come dei feroci e spregiudicati capimafia. Un libro che fa capire in modo chiaro ed incalzante come il sogno della mafia italoamericana di entrare nella testa di comando si è avverato in silenzio, mentre molti erano impegnati a sventolare ciecamente la bandiera della vittoria contro la mafia.  
Lo storico pentito svela i nomi di cui era venuto a conoscenza nei salotti mafiosi di Palermo e in quelli oltre oceano dove per anni aveva vissuto, smascherando un sistema di potere che va ben oltre la coppola e la lupara e che si basa nel secolare patto tra la mafia e parti dello Stato. In “La mafia ha vinto” Buscetta ci indica dove cercare i probabili mandanti esterni della strage di via Carini, dove morirono il Generale dalla Chiesa, la moglie e l'agente di scorta; delle stragi di Capaci e via d'Amelio che fecero saltare in aria il giudici Falcone e Borsellino assieme alla moglie di Falcone e ai rispettivi agenti di scorta e delle successive bombe e stragi in continente.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi sono Loro? E chi siamo noi?
La rubrica di
Saverio Lodato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta