Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: La rivista Terzo Millennio Terzo Millennio N29 Febbraio 2003

Terzo Millennio

Terzo Millennio N29 Febbraio 2003 - La guerra dell'impero



La guerra dell’Impero


Non nel mio nome


Francia, Germania, Belgio e Russia hanno detto no alla Nato.
Nelle ultime ore i tre Paesi dell’Allenza Atlantica hanno posto il veto al piano di rafforzamento del dispositivo militare a difesa della Turchia, infrangendo la procedura di silenzio-assenso e frenando l’avvio automatico dei sistemi di difesa decisi dal segretario generale dell’Alleanza George Robertson. Da parte loro non vi sarà alcun sostegno all’operazione bellica statunitense contro Saddam Hussein, di cui Ankara rappresenta il fronte nord.
La prima telefonata alla Nato, quella francese, è arrivata soltanto un’ora prima del termine concesso agli Stati membri per manifestare la propria contrarietà suscitando la collera del segretario alla Difesa Donald Rumsfeld. <<Una vergogna>>, ha detto, minacciando <<ripercussioni. Chi pone il veto sarà giudicato dal proprio popolo e dagli altri Paesi della Nato>>.
Ma nessun popolo, quello americano a parte, sembra chiedere guerra.
Sono già 42 i paesi che hanno risposto all’appello del Forum Sociale Europeo per fermare la guerra all’Iraq. Tra questi, inutile dirlo, quello iracheno.
Che solo a causa dell’embargo conta già quasi due milioni di morti. Gli americani li chiamerebbero <<effetti collaterali>>.
Nel 1996, all’allora ambasciatore Usa all’Onu Madeleine Albright venne posta una domanda: <<Abbiamo sentito che mezzo milione di bambini sono morti in conseguenza dell’embargo. Ne valeva la pena, era necessario?>>. La risposta fu affermativa.
Oggi con il primo cittadino americano il nostro Presidente del Consiglio trascorre ore al telefono in quelli che nei comunicati di Palazzo Chigi sono definiti “lunghi colloqui di lavoro”. Insieme parlano della “necessità di perseguire ogni possibile tentativo per evitare un intervento militare in seguito al persistente rifiuto opposto da Saddam Hussein alla neutralizzazione dei suoi arsenali chimici e biologici di distruzione di massa”.
Nel frattempo il capo degli ispettori Onu in Iraq, Hans Blix, di rientro da Baghdad, dichiara che <<non vi è nessuna nuova prova nei documenti che gli iracheni hanno consegnato ai capi ispettori Onu nello scorso fine settimana>>, ma soltanto il segno di una maggiore collaborazione del regime. <<I documenti – ha aggiunto – sono focalizzati su aspetti aperti davvero e questo fatto è benvenuto>>.
Segnali di fiducia anche dal capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) Mohammed el-Baradei: <<Lasciamo l’Iraq con un senso di cauto ottimismo, e spero che avremo azioni concrete entro tre giorni>>.
Come a dire che LE PROVE per bombardare l’Iraq NON CI SONO.
Eppure, di tutta risposta, il Presidente Bush parla di Saddam Hussein come di un feroce sanguinario che userà la sua gente come scudo <<mentre noi li tratteremo come esseri umani>>.
Di tutta risposta l’America si dichiara pronta all’invio di altri 200mila uomini della 101esima Divisione Aerotrasportata, noti anche come “Screaming Eagles” (Aquile urlanti).
La 101esima Divisione, dotata di 270 elicotteri, è specializzata in operazioni aeree d’assalto. In partenza per il Medio Oriente anche la portaerei Kitty Hawk, attualmente basata in Giappone, che raggiungerà la Constellation, già nel Golfo Persico, la Harry Truman, nel Mediterraneo orientale, la Abraham Lincoln, attualmente nel Mar Caraibico, ma diretta nel Golfo, la Theodore Roosevelt, diretta verso il Mediterraneo orientale.
In caso di un persistente mancato appoggio degli alleati Washington si dice anche pronta a cambiare le proprie strategie militari sul vecchio continente, convertendole in una <<forza di spedizione>> più agile e di rapido dispiegamento.
In sostanza nulla sembra poterla fermare.
Né il dissenso dell’opinione pubblica, né gli accorati appelli del Papa, né l’opposizione degli alleati, né la pietà per milioni di vittime innocenti che verranno strappate alla vita con feroce barbarie.
La dottrina Bush getta un colpo di spugna su qualsiasi intermediazione internazionale e suona come un vero e proprio editto imperiale che va oltre l’attacco in sé stesso e di fronte al quale cominciano a preoccuparsi Russia, Cina, Francia e Germania.
<<Perseguiremo i nostri intenti anche se dovessimo farlo da soli>>, continua Rumsfeld, forte di una potenza economica e militare sicuramente impareggiabile.
Ma “se per scatenare un’invasione basta che non piaccia a Dick Cheney la foggia dei baffi di Saddam Hussein – scrive Marco D’Eramo su il Manifesto – allora la marcia su Baghdad è solo la prima tappa della <<guerra dei trent’anni>> che ci è stata promessa”.
Una guerra dove i “buoni” non esitano a promulgare leggi che autorizzino ogni forma di tortura contro ogni presunto terrorista. Così come è avvenuto per i terroristi di Guantanamo che solo oggi, troppo tardi, scopriamo essere quasi tutti vittime innocenti.
Quella contro Saddam, in sostanza, sarà l’inizio di una battaglia contro i diritti umani, contro la libertà, contro la libera informazione. Anche contro di noi.
“Il Presidente del pianeta annuncia il suo prossimo crimine in nome di Dio e della democrazia – sostiene Eduardo Galeano nel testo scritto per la Rete Sociale Mondiale nata a Porto Alegre -. Così calunnia Dio. E calunnia anche la democrazia, che è sopravvissuta con fatica nel mondo nonostante le dittature che gli Stati Uniti vanno seminando dappertutto da più di un secolo”.
“L’unico paese che ha usato armi nucleari contro la popolazione civile, il paese che ha lanciato le bombe atomiche che cancellarono Hiroshima e Nagasaki, pretende di convincerci che l’Iraq sia un pericolo per l’umanità. Se il presidente Bush ama tanto l’umanità, e davvero vuole scongiurare quella che è la più grave minaccia per l’umanità, perché non si bombarda da solo, invece di pianificare un nuovo sterminio di popoli innocenti?
Il prossimo 15 febbraio immense manifestazioni invaderanno le strade del mondo.
L’umanità è stufa di essere usata come alibi dai suoi stessi assassini. Ed è stufa di piangere i suoi morti alla fine di ogni guerra. Questa volta vuole impedire la guerra che li ucciderà”.
Ed è per questo che anche noi di Terzomillennio, insieme a tante altre associazioni, diciamo NO alla guerra.
In particolare ad una guerra pensata e voluta per tutelare gli interessi di pochi a discapito di molti, troppi innocenti.
Diciamo NO ad una guerra pensata e voluta per affermare il dominio dell’Impero nel mondo.

«L’Italia di Berlusconi ha ormai stretto un patto con l’Impero: il Presidente chiede all’Impero di  essere libero, di fare in Italia quello che vuole e in cambio offre una Italia completamente antieuropea che spacca l’Europa in due pezzi a favore della strategia degli Stati Uniti d’America>>. Spiega così Giulietto Chiesa la netta posizione di Berlusconi a favore della guerra americana contro il terrorismo internazionale. Una posizione rischiosa, aggiunge il giornalista, che coinvolgerà il nostro Paese <<sia moralmente che politicamente che militarmente in una guerra>>. E intanto Washington si prepara ad attaccare l’Iran.

Dottor Chiesa, secondo la logica del potere dell’impero qual è il significato dell’assetto Francia, Germania, Russia, perché si oppongono all’attacco e chiedono nuove ispezioni Onu?
Secondo me ci sono ragioni diverse a tale opposizione. Tutti e tre i Paesi, in ogni caso e in varia misura, sono però preoccupati che la linea degli Stati Uniti cancelli tutti gli accordi internazionali e tutte le regole della convivenza internazionale. E’ infatti evidente che gli americani stanno facendo da soli, contro tutti i criteri della diplomazia e dei rapporti internazionali; di quelle regole, in sostanza, che hanno finora presieduto al funzionamento della comunità internazionale. O almeno dalla fine della seconda guerra mondiale. E’ quindi chiaro che tutti gli altri interlocutori di peso sulla scena mondiale tendono a frenare il ruolo autonomo e unilaterale intrapreso dall’amministrazione degli Stati Uniti d’America guidata da George Bush. Questa è una delle ragioni. Poi, naturalmente, ci sono anche dei motivi speciali: i tedeschi di Schroeder la pensano in un modo, i francesi e i russi sono preoccupati per i loro interessi nell’area perché, sia gli uni che gli altri, hanno appunto ampi interessi, in particolar modo petroliferi, nel rapporto con l’Iraq e sono ben consapevoli che se gli americani si impadroniscono dell’Iraq l’intera politica energetica del mondo sarà ormai sotto diretto controllo degli Usa. E quindi tendono entrambi a tutelarsi essendo chiaro che nel momento in cui il governo di Saddam Hussein verrà abbattuto e verrà sostituito da un governo filoamericano i francesi e i russi dovranno chiedere il permesso all’America - che potrà anche essere loro negato - nell’accesso ai 115 miliardi di barili di petrolio che stanno sotto al territorio iracheno. Quindi, sostanzialmente, sono queste le ragioni corpose per cui Russia e Francia sono in disaccordo. Ripeto, però, che la cosa più importante è quella generale e cioè che la superpotenza americana non chiede più niente a nessuno e fa quello che ritiene opportuno: un modo diverso di concepire il rapporto con gli alleati che passa da un rapporto di partnership a un rapporto di dominio e di comando.
Il vero pericolo di questa guerra deriva quindi dal fatto che l’attacco all’Iraq rappresenterebbe un ulteriore passo in avanti nell’affermazione del dominio dell’Impero?
Sì, esattamente.
Il presidente Berlusconi sembra invece più deciso ad appoggiare l’America in questa fase delicata della guerra al terrorismo.
Il governo Berlusconi, e Berlusconi in particolare, ha già dichiarato il suo appoggio. E questo non stupisce. Del resto si sa benissimo che la posizione di Berlusconi è totalmente pro-americana, senza nessuna oscillazione. Berlusconi sta però ora cercando di dare l’impressione di essere un po’ collaterale, di non volere cioè un impegno diretto delle truppe italiane, secondo il solito criterio italiota di fare il furbo. La sua è sostanzialmente una posizione furba, di appoggio agli Stati Uniti, ma che cerca, contemporaneamente, di far capire agli elettori italiani che l’Italia non correrà dei rischi. Naturalmente è una posizione ingannevole, falsa, perché l’Italia correrà dei rischi e si coinvolgerà sia moralmente che politicamente che militarmente in una guerra. Ciò detto, è chiaro che l’Italia di Berlusconi ha ormai stretto un patto con l’Impero: il presidente chiede all’Impero di  essere libero, di fare in Italia quello che vuole e in cambio offre una Italia completamente antieuropea che spacca l’Europa in due pezzi a favore della strategia degli Stati Uniti d’America.
Cosa pensa della forte opposizione del Vaticano, e del Papa in particolare, all’attacco?
Penso che la Chiesa si renda conto sempre più fortemente, sempre più chiaramente che non può seguire gli Stati Uniti su questa linea di completa e totale rottura degli equilibri internazionali. Se la Chiesa si schierasse dalla parte degli Stati Uniti d’America si precluderebbe, strategicamente, ogni possibilità di evangelizzazione di 5/6 del pianeta. La Chiesa è una grande istituzione, che ha una grande storia e ha una sua propria strategia. Il fatto che ci siano cinque miliardi di persone che vivono male a fronte di un solo miliardo di persone che vive bene e che è guidato dagli Stati Uniti d’America nel modo che abbiamo detto prima, non le permette di stare al fianco degli americani poiché, così facendo, si precluderebbe la possibilità di parlare ai poveri del mondo che sono i suoi interlocutori privilegiati. Anzi, che dovrebbero essere i suoi interlocutori assoluti. Io credo che il Papa si sia reso conto che con la fine del bipolarismo e l’arrivo sulla scena di una sola superpotenza mondiale, seguire questa linea sarebbe un suicidio strategico.
Sembra che adesso Tariq Aziz voglia in qualche modo giocare la carta del Papa che forse incontrerà nel corso della sua prossima visita in Italia.
Mi pare che sia il Papa che voglia giocare la carta sua. Se il Papa non avesse deciso di incontrarlo, Tariq Aziz non avrebbe potuto fare nulla e quindi la decisione, alla quale ovviamente l’Iraq acconsente volentieri, è stata una decisione del Papa. E’ qui il punto chiave. E se l’incontro del Papa con Tariq Aziz dovesse avvenire sarebbe un fatto di straordinario valore politico su tutta l’arena mondiale.
Secondo lei la Chiesa ha ancora il potere di trainare l’opinione pubblica internazionale?
La Chiesa sta già trainando una parte importante dell’opinione pubblica europea contro questa guerra. La Chiesa e le Chiese, perché anche in Gran Bretagna l’opinione pubblica è in grande parte contraria alla guerra e lo è perché è stata trascinata dalla Chiesa anglicana. Mi pare, in sostanza, che le Chiese cristiane europee siano tutte, a cominciare da quella cattolica, fortemente ostili a questo conflitto che non ha ragioni né morali, né politiche, né di nessun genere, è un puro atto di potenza, di prevaricazione e di prepotenza degli Stati Uniti d’America nei confronti del resto del mondo. Questo è quello che tutte le Chiese cristiane stanno sostenendo.
Rimanendo in tema di opinione pubblica, quali sono le speranze emerse nel corso dell’ultimo incontro di Porto Alegre?
Il movimento che Porto Alegre rappresenta sta cercando di pensare al futuro in termini di pace e di sviluppo sostenibile. Queste sono le speranze. Certo non sulla guerra in quanto tale, nel senso che li si prendono delle decisioni che prescindono dalle volontà dei popoli, ma, sicuramente, a Porto Alegre, la riflessione su un mondo diverso e possibile si associa a una grande contrarietà e ostilità contro la guerra quindi le due cose camminano insieme. Chi ragiona e sta cercando una soluzione alternativa a questo tipo di sviluppo ragiona anche in termini di pace, chi invece vuole portare avanti questo tipo di sviluppo, così come è stato anche negli ultimi trent’anni, pensa alla guerra. La differenza è tutta lì. E’ bene però specificare che persino all’incontro di Davos, dove si sono riuniti i protagonisti del business internazionale, non c’è stata una adesione alla guerra. Anche lì è emersa una grande preoccupazione, ulteriore conferma questa che l’attuale gruppo dirigente degli Stati Uniti sta andando in guerra praticamente da solo. Contro tutto il resto del mondo. Ed è una cosa assolutamente fantastica che l’opinione pubblica americana sostenga, come sta sostenendo in maggioranza, un gruppo dirigente di questo genere. Questo dimostra fino a che punto il pubblico americano sia condizionato dalle campagne di terrore alle quali è stato sottoposto in tutti questi anni dal suo stesso gruppo dirigente. Naturalmente, chiunque a questo punto può capire che anche l’operazione Osama Bin Laden e la tragedia dell’11 di settembre risultano, alla luce di quanto sta accadendo, completamente funzionali a una politica bellicista degli Stati Uniti d’America.
Qualcuno parla della Corea del Nord come del prossimo obiettivo degli Stati Uniti.
La Corea del Nord non sarà il prossimo obiettivo, il prossimo obiettivo sarà l’Iran. La Corea del nord è semplicemente uno strumento in questo momento nelle mani degli Stati Uniti d’America per attizzare ulteriormente il terrore in tutto l’Occidente. In particolare nel Giappone e nella Corea del Sud, dove gli americani stanno perdendo gran parte del loro sex appeal del passato. Kim Jong è un dittatore che sta giocando il gioco degli Stati Uniti d’America. Il fatto che minacci con le sue armi nucleari è semplicemente un gioco delle parti che serve a Washington per dire che Washington stessa non è bellicista in tutte le direzioni, ma che punta soltanto dove c’è il pericolo vero. Un gioco delle parti alle quali quel dittatore squallido che è il dittatore nordcoreano sta prestando consapevolmente il proprio aiuto. Kim Jong lavora agli ordini e su indicazione degli Stati Uniti d’America per far fare bella figura al presidente Bush.



box1
Si svuota l’ambasciata cinese in Iraq



La Cina ha deciso di ridurre il personale non essenziale della propria ambasciata a Baghdad, nel timore di una possibile guerra. Lo ha annunciato questa mattina (10 febbraio ndr.) il ministero degli Esteri di Pechino, alludendo alle “crescenti tensioni in Iraq”. “Noi speriamo nella pace nella regione, ma allo stesso tempo ci prepariamo per il peggio”, ha dichiarato in televisione Zhang Weiqiu, ambasciatore cinese a Baghdad.
(tratto da Civ/Zn/Adnkrons)



box2
Etchegaray: «La guerra è una catastrofe
sotto tutti gli aspetti»


«La guerra sarebbe una catastrofe sotto tutti gli aspetti>>. Lo afferma a Repubblica il cardinale Roger Etchegaray, in partenza per l’Iraq dove consegnerà a Saddam Hussein una lettera personale di Giovanni Paolo II. <<Innanzitutto – continua - avrebbe gravi conseguenze per il popolo iracheno e poi renderebbe sempre più difficili gli sforzi che l’Onu compie per l’unità della famiglia umana. E’ in questo spirito che il Papa porta il suo contributo a chi lavora per la pace. Ed è questo il senso del mio viaggio>>. In precedenza il Vaticano, nella veste del suo portavoce, aveva già dichiarato che <<scopo della missione pontificia è di dimostrare a tutti la sollecitudine del Santo Padre a favore della pace e aiutare poi le autorità irachene a fare una seria riflessione sul dovere di una fattiva cooperazione internazionale, basata sulla giustizia e sul diritto internazionale, in vista di assicurare a quelle popolazioni il bene supremo della pace>>. Dal canto suo, Giovanni Paolo II è ritornato sulla questione Iraq anche nel corso Dell’Angelus di piazza San Pietro. <<In questa ora di preoccupazione internazionale – ha detto – tutti sentiamo il bisogno di rivolgerci al Signore per implorare il grande dono della pace. Le difficoltà che l’orizzonte mondiale presenta in questo avvio di nuovo millennio ci inducono a pensare che solo un intervento dall’Alto può far sperare in un futuro meno oscuro».



box3
Khatami: «L’Iran userà
la tecnologia nucleare»


Il governo iraniano ha in programma di sviluppare e sfruttare le miniere di uranio presenti nel suo territorio e di usare la moderna tecnologia nucleare acquistata per produrre elettricità. Lo ha recentemente dichiarato il presidente Mohammed Khatami suscitando preoccupazione nelle autorità americane che già lo scorso dicembre avevano mostrato alcune foto satellitari a sostegno di tale sospetto. Secondo il portavoce del dipartimento di Stato Richard Boucher, infatti, l’Iran, paese ricco di petrolio, <<non avrebbe bisogno di produrre energia atomica>> se non per fini bellici. Secca la smentita di Khatami: <<Garantisco che i nostri sforzi nel settore dell’energia atomica sono rivolti esclusivamente a scopi civili e non militari. Produrre energia atomica, d’altra parte, rappresenta un nostro diritto legittimo>>. Nelle prossime settimane, su invito delle autorità locali, gli ispettori dell’Aiea si recheranno in Iran per verificare la natura degli impianti.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa