Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: La rivista Editoriali Anno XVI Numero 1 - 2016 N73

Editoriali

Anno XVI Numero 1 - 2016 N73

“Corpi estranei” oltre lo “Stato-mafia”

di Giorgio Bongiovanni

amduemila n73 bs“Corpi estranei” è il filo che attraversa le pagine di questo numero. A più riprese nel nostro Paese accade che alcune vite diventino granelli di sabbia che bloccano gli ingranaggi del potere deviato. E che vanno spazzate via.

  
Così è stato per Attilio Manca, la cui morte assume sempre più i contorni dell’omicidio, sullo sfondo l’ombra del boss Bernardo Provenzano. Anche se Attilio, entrato incolpevolmente in un gioco troppo grande, non sarebbe stato ucciso solo da mano mafiosa, ma si tratterebbe di vero e proprio omicidio di Stato, come sapientemente descritto nel libro “Suicidate Attilio Manca” scritto dal nostro vicedirettore Lorenzo Baldo. Così è stato per Pierpaolo Pasolini, eliminato a suon di percosse e poi travolto dalla sua stessa auto sulla spiaggia dell’Idroscalo di Ostia.

Così è stato anche per Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, corpi estranei e perciò letali per la prosecuzione di qualsiasi dialogo tra Stato e mafia. Dell’esistenza della trattativa lo ha sancito ancora una volta la sentenza Tagliavia, la seconda (passata nel quasi assoluto silenzio) della Corte d’Assise d’Appello di Firenze. Scrivono i giudici come ormai sia provato “che dopo la prima fase della c.d. trattativa, avviata dopo la strage di Capaci, peraltro su iniziativa esplorativa di provenienza istituzionale (cap. De Donno e successivamente Mori e Ciancimino), arenatasi dopo l’attentato di via d’Amelio, la strategia stragista proseguì alimentata dalla convinzione che lo Stato avrebbe compreso la natura dell’obbiettivo del ricatto proprio perché vi era stata quella interruzione”. D’accordo anche il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, che nel suo libro “Il contrario della paura” scrive senza mezzi termini: “Non c’è alcun dubbio che ci sia stata una trattativa tra Stato e mafia in quell’anno”. Altro che presunta, come a volte viene chiamata da ciarlatani e manipolatori della verità. Si rassegnino perchè lo Stato c’è, per quanto macchiato e infangato da traditori ancora resiste in alcune Corti di giustizia dove viene ricostruita la memoria storica di questo Paese, nel quale la corruzione scoperta durante gli anni di Tangentopoli (ci descrive il presidente dell’Anm Piercamillo Davigo nella sua intervista) non diminuisce né accenna a diminuire.

Nuove verità stanno emergendo sulla strage di via d’Amelio, per la quale il processo Borsellino quater si avvia alle fasi conclusive e dove sono affiorati fatti sconcertanti sul depistaggio e sul ruolo che alcuni poliziotti avrebbero avuto nella creazione a tavolino di falsi pentiti, accompagnata dalla conseguente condanna di incolpevoli. Mentre dal canto loro i collaboratori veri sostengono che in quel 19 luglio ‘92 non c’era solo Cosa nostra ad assistere alla strage. Evidenziando così la probabile presenza di mandanti esterni, o persino partecipi, alla strage. Così come sull’eccidio a Capaci, ha sostenuto Lia Sava, procuratore facente funzioni di Caltanissetta, “gli spazi sulle cointeressenze di chi poteva avere interessi coincidenti con Cosa nostra possono ancora essere sviluppati” e per questo “potrebbe esserci un Capaci ter”. Ci sono ancora buchi neri, scrive la giornalista Stefania Limiti, come per l’esplosivo usato il 23 maggio ‘92, e alcune perizie fanno intuire che non tutto è stato chiarito sull’esplosivo usato, o se una parte potesse provenire da organi di Stato. Anche se tutto porta al fatto che Totò Riina, come disse il boss pentito, già appartentente alla cupola di Cosa nostra, Totò Cancemi, era stato “portato con la manina” da potenti personaggi, di Stato e non, per compiere quelle stragi.

Per raggiungere nuove verità sul biennio stragista sarebbe necessario un nuovo impulso, stavolta non da pentiti e figli di mafiosi ma da uomini di Stato. Gli stessi che hanno improvvisamente riscoperto la memoria solo dopo le rivelazioni di Massimo Ciancimino. Uno di questi è Claudio Martelli, ministro della Giustizia degli anni 1992-1993 e collaboratore di Falcone che poco tempo fa al processo trattativa ha dichiarato di essere stato stoppato parlando di “scambi di favori tra mafia, P2, servizi deviati e massoneria deviata”. La speranza è che ora Martelli approfondisca di più sul suo essere stato “vittima” di questi “favori”.

Ma non tutti i corpi estranei sono stati spazzati via dai poteri deviati. A Palermo c’è il pm Nino Di Matteo nel mirino di Cosa nostra (e non solo), condannato a morte niente di meno che da Totò Riina. Mentre oltre lo stretto di Messina, a Reggio Calabria, il pm Giuseppe Lombardo (assieme ad altri magistrati come il neo Procuratore Capo di Catanzaro, Nicola Gratteri) scava a fondo nelle logiche del sistema criminale che vede allo stesso tavolo mafie e altri poteri. E che illustra come la ‘ndrangheta, oggi organizzazione criminale che detiene maggior potere, spesso supporti e avalli alcune scelte di Cosa nostra, oltre a coltivare un rapporto d’affari di lunga data. A provarne la storica partnership le allarmanti analogie tra la latitanza di Marcello Dell’Utri e quella di Amedeo Matacena, e la rivelazione del pentito Vito Galatolo sul tritolo per Di Matteo, che sarebbe arrivato a Palermo proprio dalla Calabria.

Anche per questo in un momento storico tanto delicato, come quello che stiamo vivendo, è più che mai necessario che il contrasto alle mafie sia messo al primo posto dell’agenda politica di qualsiasi governo. Un impegno mancato, da oltre 150 anni, che ha permesso al sistema criminale integrato non solo di mantenere il proprio potere ma anche di svilupparsi. Per contrastare questa avanzata è importante un’assunzione di responsabilità che vada oltre quello della sola autorità giudiziaria o investigativa. Un impegno che sia di ogni cittadino e che già ad ottobre avrà il suo primo banco di prova quando saremo chiamati ad esprimere il nostro parere sul referendum Costituzionale. Solo ribadendo il nostro “No”, possiamo essere “corpi estranei” di fronte alla deriva che vuole cambiare la nostra Costituzione. Un “colpo di mano” che non possiamo assolutamente permettere.

Acquista il nuovo numero: Clicca qui!

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL SANGUE NON SI LAVA

IL SANGUE NON SI LAVA

by Fabrizio Capecelatro

Dal traffico illecito di rifiuti all’omicidio di Don...

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

by Tina Anselmi, Anna Vinci

Tina Anselmi ripercorre i momenti più significativi del...


IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

by Pietro Orsatti

In questo Paese, dove l’atto di nascita della Repubblica fu...

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...


SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta