Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero Per Maldonado niente verità, caso chiuso per la seconda volta

Terzo Millennio

Per Maldonado niente verità, caso chiuso per la seconda volta

di Claudia Fanti
Argentina. A tre anni dalla morte del giovane argentino durante una protesta mapuche, l’inchiesta si è fermata di nuovo. La famiglia di Santiago chiede di indagare per sparizione forzata, no della cassazione

A tre anni dalla morte di Santiago Maldonado la giustizia appare ancora un miraggio. Era il primo agosto 2017 quando la gendarmeria, sotto gli ordini dell’allora ministra della Sicurezza argentina Patricia Bullrich, realizzava una violenta operazione repressiva contro la comunità mapuche di Cushamen, in Patagonia, nel quadro della disputa di terre sottratte al popolo mapuche dal gruppo Benetton.

UN’AZIONE ILLEGALE (condotta all’interno del territorio indigeno, malgrado il giudice avesse autorizzato solo l’operazione di sgombero sulla statale 40) ed estremamente violenta: 100 agenti in assetto anti-sommossa per appena otto manifestanti disarmati, inseguiti, con spari e lanci di pietre, fino al fiume Chubut dove Santiago, che si era unito alla protesta dei mapuche, sarebbe stato visto per l’ultima volta. Un luogo a poca distanza dall’immensa tenuta di Leleque della Benetton – proprietaria di oltre 800mila ettari in Patagonia – in cui, secondo la stampa argentina, la gendarmeria manterrebbe una base informale.

78 GIORNI DOPO la scomparsa del giovane, il suo corpo sarebbe stato trovato nelle acque del fiume in circostanze sospette e in una zona già setacciata dalle forze dell’ordine: ben conservato, con documenti in perfetto stato e senza tracce di lesioni.

L’autopsia – assai contestata – avrebbe poi confermato la morte per annegamento, benché è assai improbabile che l’artigiano 28enne, che non sapeva nuotare e aveva paura dell’acqua, avesse cercato di attraversare il fiume di sua spontanea volontà.

Un caso, quello di Santiago, pieno di interrogativi irrisolti e accompagnato da furiose polemiche sul comportamento dell’allora governo Macri, impegnato prima a coprire la gendarmeria, avallando piste false (per esempio evocando la possibilità che Santiago si trovasse in Cile) e bloccando la partecipazione alle indagini di un gruppo di esperti dell’Onu, e poi, dopo l’accertamento della morte del giovane, a minimizzare le responsabilità dello Stato scaricandole sui mapuche.

IL TENTATIVO SEMBRAVA essere perfettamente riuscito: nel novembre del 2018, il giudice federale Gustavo Lleral chiudeva in maniera definitiva la causa per la sparizione forzata del giovane – liquidata dalla ministra Bullrich come una «costruzione mediatica» -, assolvendo in primo grado l’unico imputato del processo, il gendarme Emmanuel Echazú, accusato di aver indotto Maldonado a gettarsi nel fiume. Santiago, insomma, non sarebbe stato ucciso o lasciato morire, ma sarebbe affogato per una serie di circostanze sfortunate.

Una parziale svolta si è registrata l’anno successivo: la Corte di cassazione, confermando una sentenza della Corte d’appello che considerava prematura l’archiviazione del caso, ha revocato la sentenza di assoluzione nei confronti di Echazú e disposto nuove indagini sulle circostanze del decesso del giovane, in particolare in relazione all’ipotesi di delitto di «abbandono di persona».

IL TRIBUNALE HA RESPINTO però la richiesta della parte civile di proseguire l’inchiesta per l’accusa di «sparizione forzata», provocando l’indignazione della famiglia, secondo cui non si dovrebbe escludere nessuna pista.

Ma se a tre anni dalla sua morte la giustizia si fa ancora attendere, nessuno in Argentina sembra aver dimenticato Santiago, il cui volto sorridente si è affacciato per mesi dai manifesti affissi ai muri dell’intero paese o portati in piazza nelle innumerevoli proteste per la sua «apparizione con vita» dentro e fuori i confini della nazione.

Tratto da: ilmanifesto.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa