Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero Caso Assange: nuovo capo d'imputazione contro il fondatore di Wikileaks

Terzo Millennio

Caso Assange: nuovo capo d'imputazione contro il fondatore di Wikileaks

di AMDuemila
Un nuovo capo d’accusa è stato formalizzato contro Julian Assange, fondatore di Wikileaks, dal dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti. Il giornalista è accusato di reclutamento di hacker al fine di ottenere informazioni per il sito violando le leggi sullo spionaggio Usa. Nel documento si fa riferimento a due persone che hanno collaborato con WikiLeaks: Sarah Harrison, la giornalista inglese che nel 2013 volò a Hong Kong per raccogliere la testimonianza di Edward Snowden, e l’americano Jake Appelbaum, giornalista ed esperto di privacy. Al momento non è chiaro se le autorità americane si preparino a incriminare anche loro. “La nuova incriminazione sembra un tentativo gratuito di dipingere Assange come ‘un hacker’, o come qualcuno associato agli ‘hacker’, invece che un giornalista”, ha detto a Il Fatto Quotidiano l’avvocato americano Barry Pollack, membro della squadra di legali del giornalista australiano. “Gli sforzi di dipingerlo come qualcosa di diverso da un giornalista non possono offuscare il fatto che è incriminato per le sue pubblicazioni e queste accuse sono una minaccia ai giornalisti di tutto il mondo e al diritto dell’opinione pubblica di sapere”. Sempre a Il Fatto Quotidiano Kristinn Hrafnsson, attuale direttore di WikiLeaks, ha dichiarato: “È un ovvio tentativo di distrarre dalle vere accuse: punirlo per aver ricevuto e pubblicato documenti che rivelano i crimini e gli abusi degli Stati Uniti”. Nel frattempo le condizioni di salute di Julian Assange, detenuto da oltre un anno nel carcere di Belmarsh in attesa di sapere l’esito del processo di estradizione negli Stati Uniti, continuano a peggiorare. A novembre scorso il padre del giornalista, John Shipton, dopo aver visitato il figlio in cella aveva dichiarato che "Julian potrebbe morire in prigione per una persecuzione di nove anni per aver rivelato la verità su dei crimini di guerra... Questa non è l'amara delusione di un padre, questo è semplicemente un dato di fatto”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa