Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Joaquin Phoenix, l'attore di Joker, arrestato a Washington durante una manifestazione sul clima

Terzo Millennio

Joaquin Phoenix, l'attore di Joker, arrestato a Washington durante una manifestazione sul clima

di Davide Turrini
Phoenix, prendendo la parola dal palco, ha ringraziato la collega per averlo invitato per poi affrontare la questione della produzione della carne e dei latticini a livello industriale, "terza causa principale di danni per il clima"

Joaquin Phoenix è stato arrestato. Il Joker è finito in galera sul serio. L’attore, fresco di Golden Globe e in corsa per gli Oscar, stava partecipando a Washington a una manifestazione sul cambiamento climatico. Con lui erano presenti Jane Fonda (arrestata già diverse volte), Susan Sarandon e Martin Sheen, anche lui arrestato. Le immagini di Phoenix con lunga coda di capelli, vestito di nero, occhiali neri e scarpe da tennis bianche, mentre viene arrestato dagli agenti, stanno facendo il giro del mondo.
Secondo quanto riportato dall’account Twitter di Fire Drill Days, l’iniziativa settimanale di protesta organizzata da oltre tre mesi da Jane Fonda, contro le multinazionali e le aziende complici del cambiamento climatico, Phoenix aveva appena parlato dalle scalinate del Campidoglio del ruolo decisivo delle industrie della carne e dei latticini nella crisi climatica. “Anche il Joker crede nel cambiamento climatico! Joaquin Phoenix sta sostenendo che l’industria della carne e dei latticini è la terza causa principale della crisi climatica attuale”, è scritto in un tweet dove appare l’attore in una foto mentre da dietro un microfono parla ai manifestanti. Secondo altre fonti giornalistiche americane nel suo discorso Phoenix ha invitato a “scegliere cosa consumare” per fare subito qualcosa e invertire la rotta della distruzione della terra. “Mi sforzo spesso di pensare cosa posso fare e ci sono cose che non si possono evitare. Ad esempio non posso evitare di prendere un aereo, ma posso cambiare il mio modo di mangiare, e spero che voi vogliate unirvi a questa causa”.

Del resto l’attore 45enne ha più volte ricordato nelle sue interviste di essere vegano e di aver compiuto una scelta così radicale nell’alimentazione quando da bambino, assieme ai suoi fratelli e sorelle, su un peschereccio vide squartare alcuni enormi tonni appena pescati. Nel 2005 Phoenix era stato voce narrante del documentario antispecista Earthlings (la colonna sonora era di un altro vegano, Moby), mentre nel 2019 aveva prodotto un potentissimo documentario sul mondo dell’attivismo animalista e antispecista intitolato The Animal People. Secondo Variety, oltretutto, sarebbe stato Phoenix a convincere l’Hollywood Foreign Association Press, che organizza i Globes, a proporre ai suoi ospiti per la prima volta nella storia un menu vegano per il party della serata appena svoltasi che lo ha visto vincere il premio come miglior attore.

La polizia di Washington ha confermato l’arresto di Phoenix, come quello di Sheen (Apocalypse Now, West Wing) secondo la legge 22-1307 del Distretto di Columbia. Il reato è quello di affollamento, ostruzione e disturbo della quiete pubblica. In particolar modo, per come vediamo dalle immagini dove Phoenix si avvicina ad alcuni poliziotti con giubbotto fosforescente giallo per farsi accompagnare poi su un auto della polizia, il gruppo di protesta stava volontariamente ostruendo l’accesso ad un edificio pubblico ed era stato più volte invitato dalle forze dell’ordine a disperdersi. Sono 147 le persone arrestate dall’inizio dei Fire Drill Days, tra cui la stessa organizzatrice, Jane Fonda, finita in galera in pochi mesi per ben tre volte.

Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa