Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero Processo El Chapo, in aula Juan Carlos ''Chupeta'' Ramirez Abadia

Terzo Millennio

Processo El Chapo, in aula Juan Carlos ''Chupeta'' Ramirez Abadia

abadia juan carlodi AMDuemila
E' il narcos che ha cambiato la faccia
Prosegue il processo a New York contro Joaquin “El Chapo” Guzman, il capo del cartello di Sinaloa considerato il più grande narcotrafficante al mondo. Guzman, che è rinchiuso in un carcere di massima sicurezza a Manhattan, è accusato di avere gestito, per circa 25 anni, il contrabbando di oltre 155 tonnellate di cocaina negli Stati Uniti, accumulando una fortuna persino superiore al colombiano Pablo Escobar. In questo procedimento deve rispondere di 17 capi d’imputazione, compresi il riciclaggio di denaro sporco e la cospirazione per omicidio. Alle udienze dei giorni scorsi è stato chiamato a deporre davanti alla Brooklyn Federal Courthouse, l'ex signore della droga colombiano Juan Carlos Ramirez Abadia detto "Chupeta" il quale ha svelato agli inquirenti molti dettagli sulla sua alleanza con il capo del cartello messicano. Arrestato nel 2007, il capo del cartello colombiano Norte del Valle è in carcere per traffico di cocaina ed eroina e riciclaggio di denaro, attività che gli avrebbero fruttato una fortuna stimata in quasi due miliardi di dollari dal Dipartimento di Stato americano. 
E' giunto in tribunale con i lineamenti cambiati da almeno tre interventi di chirurgia estetica che hanno alterato, ha spiegato ai giudici, "mascella, zigomi, occhi, bocca, orecchie, e naso", tanto che dopo l'arresto in Brasile gli investigatori hanno dovuto usare una tecnologia di riconoscimento vocale per identificarlo. Così Ramirez Abadia ha detto di aver corrotto le autorità in Colombia per eliminare ogni traccia della sua presenza da qualsiasi casellario giudiziario. 
Non solo. Ha dichiarato di essere stato il mandante di almeno 150 omicidi e di aver contrabbandato, in 20 anni di attività, circa 400 mila chili di cocaina. 
Dopo l'arresto, è stato estradato negli Stati Uniti, si è dichiarato colpevole di omicidio e narcotraffico e ha accettato di diventare un testimone del governo nei principali processi a carico dei narcotrafficanti. In particolare nella sua deposizione ha riferito di un incontro in un hotel messicano proprio con El Chapo dove sarebbe stato siglato l'accordo tra i due cartelli, quello colombiano e quello di Sinaloa per portare per via aerea la coca a Los Angeles e New York. 
All'ultima udienza è stato anche sentito come teste Jesus Zambada, uno degli uomini più fidati del cartello di Sinaloa, che ha svelato alcuni particolari su una faida tra clan alleati. El Chapo avrebbe fatto uccidere il fratello di un boss perché non gli aveva stretto la mano al termine di un incontro, episodio che diede inizio a una lotta interna nella quale perse la vita anche uno dei fratelli dello stesso Guzman. 
Altro episodio raccontato è il pagamento di un ufficiale dell'esercito per evitare la cattura del Chapo, latitante tra il 2001 e il 2014. In cambio fu invitato con la sua famiglia nella dimora segreta di Guzman che gli mostrò le sue armi tra cui un bazooka e la calibro 38 con il manico incastonato di diamanti e le iniziali di El Chapo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa