Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero Diario solidale: tener todo sin tener nada/3

Terzo Millennio

Diario solidale: tener todo sin tener nada/3

45381054 2102540289995419 6699562529645534976 ndi Claudia Marsili
Le sensazioni dei volontari di FUNIMA International Onlus in viaggio tra le Ande argentine.

Gli occhi si riempiono d'immensità.
Il cuore si riempie di calore e di un'energia rara, intensa, vibrante.
Tutto in questa terra parla di contatto primordiale con la Madre Terra. Un contatto vergine, puro, sincero, a me sconosciuto.
Il cielo notturno ci incanta e ci avvolge col suo sconfinato manto...un cielo che si tinge di luce...tante sono le stelle che si riescono a percepire. La via lattea sembra tracciare una via che conduce verso mondi lontani.
La casa di Ramon e Sandra parla d'amore...raramente ho incontrato occhi come quelli delle persone che la abitano e la riempiono continuamente di luce. Occhi dolci e accoglienti. Mani forti e un cuore di cui puoi percepire il calore. L'abbraccio. Per loro non esiste stanchezza.
Ci hanno accolti come fratelli, come figli. La maggior parte di noi non li aveva mai incontrati prima, eppure è stato da subito come essere parte della stessa famiglia.
Ci siamo tuffati nella vita di questa famiglia senza poter lontanamente immaginare quello che ci aspettava. Tutto ciò che stiamo vivendo è disarmante. Proprio come la purezza di questa terra.
Ramon, Sandra, Leandro, Analia e le persone che li aiutano quotidianamente ci stanno insegnando l'Amore. Credo di non aver mai compreso il senso profondo di questa parola. Fino ad ora.
Il profumo del pane fresco fatto in casa e cotto nel forno a legna quasi ogni giorno, l'amore che Sandra mette nella sua cucina, anche dopo una lunga giornata di attività e lavoro, gesti semplici che ci fanno sentire a casa. Parte di un progetto molto più grande di ciò che pensiamo.
Mani sapienti preparano il cibo, i giocattoli e i vestiti da donare alle famiglie che vivono tra le montagne. E noi umilmente siamo qui, a cercare di apprendere più possibile per aiutarli nel migliore dei modi. Ci mettiamo tutto il nostro entusiasmo, la voglia di fare, il desidero di renderci utili.


Le attività incalzano e il tempo del riposo scarseggia. Le ore di sonno diminuiscono ma le esperienze che viviamo sono così forti che ci tengono attivi e vigili in ogni momento.
La giornata di ieri ha completamente ribaltato quello che avevo nella mia mente. È stata la giornata di consegne alle popolazioni andine originarie. Persone umili, semplici. Non vivono certo aspettando l'aiuto di Ramon, lavorano la loro terra, costruiscono da soli le loro case, si prendono cura di se stessi e delle loro famiglie, ma quando Ramon arriva, per loro è ogni volta una festa e accettano con umiltà e gratitudine questo dono instancabile del Cielo.
Quando arriviamo a destinazione nelle varie tappe con il furgone pieno di ogni bene, i bambini arrivano da lontano correndoci incontro con le loro scarpette rotte, le gote rosse e i capelli scompigliati. Si mettono in fila per ricevere il loro regalino e i dolcetti. Poi arriva il momento dei vestiti e delle scarpe: tutti si avvicinano spiegando di quale indumento hanno bisogno, che numero di scarpe portano, e noi iniziamo a cercare la cosa giusta per ognuno di loro. L'emozione sui loro volti è tangibile.
Il sorriso che esplode sul volto di quei bambini illuminando i loro occhioni scuri, non lo dimenticherò mai. I miei occhi si sono spesso riempiti di lacrime...lacrime che ho cercato di nascondere il più possibile, per non rovinare quei momenti per loro così preziosi e speciali, cercando di dare loro sorrisi, abbracci, calore. I miei occhi non potranno mai cancellare quello che hanno visto in questa giornata.
Ho visto l'infinito negli occhi di persone che non hanno niente, eppure hanno tutto.
E per il resto, per tutto ciò che manca loro, hanno la fortuna di aver incontrato sul loro cammino un uomo straordinario, un uomo che dedica la sua intera vita a cercare di rendere migliore la loro vita. Ogni giorno un po' di più. Ogni giorno col sorriso. Offrendo loro tutto ciò che ha. Tutto ciò che sa. Tutto ciò che è. Un uomo che ha bisogno dell'aiuto di tutti noi per continuare a svolgere la sua missione così speciale. Preziosa. Unica.
Grazie Ramon, per insegnarci l'amore.

Tratto da: laprovinciadifermo.com

ARTICOLI CORRELATI

Diario solidale: Pacha Inti e il 'dono' dell'acqua/2

Diario solidale: partenza e arrivo/1

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa