Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero Le sopravvissute di Boko Haram. ''Quel che resta di me''

Terzo Millennio

Le sopravvissute di Boko Haram. ''Quel che resta di me''

quel che resta dime rai videoTrasmesso su Rai3 il film di Marta Santamato Cosentino
di AMDuemila - Video e Foto
Un pugno nello stomaco. Dolore, morte, annientamento fisico e psichico, ma anche tanta dignità nel sopravvivere ad un dolore indicibile. Sono questi gli elementi racchiusi nel film, andato in onda ieri in seconda serata su Rai3, "Quel che resta di me" di Marta Santamato Cosentino (di cui abbiamo già parlato per lo splendido "Portami via" sulla fuga di una famiglia dalla Siria). Così come recita la scheda del film "Quel che resta di me" è un racconto corale di donne e bambine scappate dai campi di prigionia di Boko Haram - gruppo terroristico islamico attivo in Nigeria - dove sono state portate “per servire Dio” e dove sono state costrette a scegliere tra un matrimonio forzato, la riduzione in schiavitù o un’azione kamikaze. C'è tutto un mondo racchiuso nei 50 minuti di questo film. Un mondo terribile che in troppi non vogliono vedere. E che invece deve essere conosciuto.

LA STORIA
Sono le donne - e le loro voci di sopravvissute - l'unico modo per tentare di far luce sull'organizzazione terroristica che, negli ultimi anni, ha provocato un numero di vittime senza precedenti, superiore anche allo Stato Islamico.
Si sono dati il nome di Jama’at Ahl as-Sunnah lid-Da’wah wa’l- Jihad, “Unione sunnita per l’espansione dell’Islam e della jihad”. Il resto del mondo li conosce come Boko Haram, “L’educazione occidentale è peccato”. Nato tra le paludi della foresta di Sambisa, nella parte nord orientale della Nigeria, il gruppo, che ha giurato fedeltà allo Stato Islamico e collabora con Al Qaida in Mali e Algeria, combatte per fondare un califfato in Africa centrale. Quel che resta di me è un racconto corale di donne e bambine scappate dai campi di prigionia di Boko Haram dove sono state portate “per servire Dio” e dove sono state costrette a scegliere tra un matrimonio forzato, la riduzione in schiavitù o un’azione kamikaze. Un racconto di violenze, fame, freddo e cecità raggiunta a forza di piangere. Queste testimonianze restituiscono non solo un quadro di atrocità ma permettono una ricostruzione, altrimenti impossibile, delle dinamiche interne alla setta che fa capo ad Aboubakar Shekau e che, in pochi mesi, a partire dall’estate del 2014, ha occupato un quinto del territorio nigeriano diventando, ad oggi, una delle uniche formazioni jihadiste a poter vantare il controllo su un territorio.
Prima della notte tra il 14 e il 15 aprile 2014, quando un commando rapì 276 studentesse di un collegio nella cittadina di Chibok, l’Occidente non sapeva cosa stesse accadendo in Nigeria. Con quel rapimento, Boko Haram ha conquistato le prime pagine dei quotidiani internazionali e la campagna mediatica #bringbackourgirls è diventata in poco tempo virale. Si stima che siano migliaia le donne rapite e, ancora oggi, tenute prigioniere nelle paludi di Sambisa. Le poche che sono riuscite a scappare, hanno ingrossato le fila degli sfollati, trovando rifugio in Ciad, in Camerun o in Niger.
Quel che resta di me è un mosaico di storie di resilienza, di difficile ricostruzione dell’identità e di faticoso reinserimento. Un racconto che si sviluppa attraverso la lente narrativa di un progetto di salute mentale che Coopi- Cooperazione internazionale porta avanti nella regione di Diffa, città del Niger meridionale, al confine con lo Stato di Borno. Secondo un report sui servizi di salute mentale in contesti d’emergenza pubblicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, le emergenze umanitarie raddoppiano la possibilità che le persone vengano affette da disturbi mentali. Nella regione di Diffa, i problemi di salute mentale sono la diretta conseguenza del conflitto in corso con Boko Haram. Nonostante l’emergenza, però, il Niger resta uno dei paesi con il più basso tasso di professionisti di salute mentale nel mondo: solo quattro psichiatri per una popolazione di oltre 20 milioni di persone.


ARTICOLI CORRELATI

Fuga dalla Siria: #Portamivia, il riscatto di una vita in un film

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa