Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero Avevano solo un anno, sono morti perché nessuno li ha salvati: vogliamo davvero diventare questo?

Terzo Millennio

Avevano solo un anno, sono morti perché nessuno li ha salvati: vogliamo davvero diventare questo?

20180630 naufragio libia tre bambini c getty imagesdi Francesco Piccinini
Ci sono almeno tre bambini tra i morti del naufragio di questa mattina al largo delle coste della Libia. Il barcone, carico di circa 120 migranti, è affondato a est di Tripoli. Più di cento persone risultano disperse e solo sedici sono state salvate. I tre bambini recuperati senza vita avevano meno di un anno e mezzo
Avevano un anno o poco più, sono morti nell’ennesimo naufragio avvenuto a est di Tripoli. I migranti dispersi (a questo punto potremmo dire deceduti) sono oltre cento.
Siamo diventati questo, degli habitué del più grande olocausto del XXI secolo. Non ci indigna che uomini muoiano in mare, non ci indigna che bambini neonati muoiano perché nessuno li ha salvati.
Nessuno li ha salvati perché la politica definisce chi salva le vite "tassisti del mare". Come se quelle imbarcazioni portassero "acqua" e non vite umane. Come se portassero pacchi e non persone in carne e ossa che muoiono sul fondo del Mediterraneo. Secondo il sito Alwasat l’imbarcazione è affondata a sei chilometri dalla costa. Sei chilometri, niente.
Sono morti perché nessuno li ha percorsi quei sei chilometri. Una distanza risibile, la stessa che separa San Pietro da Termini. Eppure nessuna nave è arrivata. Perché quando parliamo della "Guardia costiera libica" parliamo di questo: di niente. Di qualcosa che non esiste. Di un corpo militare che fa capo a una parte politica che controlla solo una porzione di paese. Di un corpo militare che non in grado neanche di intercettare un'imbarcazione a sei chilometri dalla propria costa.
E così ci abituiamo a leggere il bollettino ufficiale che parla del ripescaggio “dei corpi di tre bambini”. Lo leggiamo e passiamo oltre come se fosse normale, come quell'olocausto non stesse avvenendo a pochi chilometri da casa nostra. Stiamo voltando la testa come molti all'inizio del secolo scorso.
No, io non ci sto. Non voglio girare la testa, non voglio leggere di un sopravvissuto yemenita - paese oggetto di una guerra - che racconta della morte di venti donne e dieci bambini e far finta di niente. Voglio continuare a provare ad accendere un faro su chi muore in mare. Su chi, pur di sfuggire alla guerra e alla fame, sale su “una barca di legno rovesciatasi perché vecchia”.
Non posso stare zitto mentre il mio paese chiude i porti e lascia che che si muoia in mezzo al mare. Non posso accettare che, solo nel 2018, oltre mille persone abbiano perso la vita mentre cercano di cambiare il proprio destino. Non posso accettarlo perché in 653 sono deceduti sulla rotta del Mediterraneo centrale tra l'Africa del nord e l'Italia.
Non posso accettarlo perché non posso immaginare di vivere in un paese che si commuove davanti "La vita è bella" e gira la testa dinanzi a tutto ciò.
Non posso accettarlo perché voglio restare umano.

Tratto da: fanpage.it

Foto © Getty Images

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

by Stefano Baudino

Da chi è stata composta e quali trasformazioni...


L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa