Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero Regali e favori. La polizia israeliana: ''Incriminate Bibi''

Terzo Millennio

Regali e favori. La polizia israeliana: ''Incriminate Bibi''

netanyahu benjamin c ansadi Vincenzo Nigro
La Polizia lo aveva avvertito in anticipo e ieri sera Bibi Netanyahu aveva già convocato le tv per un discorso in diretta

L’Unità anticorruzione di Israele ha chiesto al procuratore generale di imputare il premier per corruzione, frode e abuso di potere. "Sono innocente, continuerò a governare con responsabilità e affidabilità, ho dedicato tutta la mia vita ad Israele", ha detto il primo ministro. La richiesta vale per due dei tre casi per i quali il premier è indagato da un anno.
Sono il “caso 1000” e il “caso 2000”. Per il “caso 3000”, potenzialmente il più grave (corruzione per l’acquisto di sommergibili dalla Germania), le indagini sono ancora in corso.
Nel “caso 1000”, secondo la polizia, "in un decennio, dal 2007 al 2016, Netanyahu e i suoi familiari hanno ricevuto beni (sigari, champagne e gioielli) da due uomini d’affari per un valore di un milione di shekel (oltre 410 mila euro)". Da Arnon Milchan 750 mila shekel, dall’australiano James Packer 250 mila shekel.
Con il ritorno di Netanyahu al potere nel 2009 i regali sono aumentati di valore e intensità.
Per Milchan il premier era intervenuto per tre volte sul segretario di Stato americano John Kerry per fargli avere un visto permanente negli Usa. Lo aveva favorito con una legge ad hoc su esenzioni da tasse per cittadini israeliani di ritorno dall’estero; e con alcune operazioni nella gestione di network tv in Israele. Il “caso 2000” riguarda una manovra nel mondo dell’editoria: dal 2009 secondo la polizia il premier e l’editore di Yediot Ahronoth Arnon Mozes hanno negoziato un accordo. Il giornale avrebbe aiutato il premier; in cambio Netanyahu avrebbe lavorato, anche varando delle leggi ad hoc, per danneggiare il concorrente di Yediot, il giornale free press Israel Hayom, di proprietà dell’uomo d’affari ebreo americano Sheldon Adelson, un super milionario “padrone” di Las Vegas e per alcuni anni terzo uomo più ricco d’America. Il procuratore generale Avishai Mandelblit potrebbe prendersi anche molte settimane per decidere cosa fare.

Tratto da: La Repubblica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GUERRA NUCLEARE

GUERRA NUCLEARE

by Manlio Dinucci

Sembra di vivere nel film "The day after"...

LE VERITA' NASCOSTE

LE VERITA' NASCOSTE

by Ernesto De Cristofaro

“È [...] maturo il tempo per raccogliere l’esigenza...


IL SUICIDATO

IL SUICIDATO

by Sara Favarò

Il suicidato è un libro intervista ad Angela...

IL BOSS

IL BOSS

by Antonella Beccaria, Giuliano Turone

Il 1974 fu un anno senza ritorno. Un...


IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca