Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero ''A Tienanmen ci furono oltre 10mila morti. I resti inceneriti e buttati nelle fogne''

Terzo Millennio

''A Tienanmen ci furono oltre 10mila morti. I resti inceneriti e buttati nelle fogne''

di Andrea Nobili Tartaglia
Un telegramma dell'allora ambasciatore britannico appena desecretato svela un'altra stima dei morti causati dalla repressione dell'esercito, finora considerati 'alcune centinaia'

Non alcune centinaia o poco più di un migliaio, come si credeva finora: le persone uccise nell'intervento dell'esercito cinese in piazza Tienanmen domenica 4 giugno 1989 sarebbero state almeno 10.000. Lo si legge in un cablogramma appena desecretato che fornisce macabri dettagli macabri dello spargimento di sangue a Pechino. "Stima minima di 10.000 morti civili", scrisse l'allora ambasciatore britannico, Alan Donald, in un telegramma a Londra. Il documento, che è reso pubblico a più di 28 anni di distanza, è negli Archivi nazionali britannici.

La stima, fornita il 5 giugno 1989, all'indomani della repressione delle proteste degli studenti, è 10 volte più alta di quelle comunemente accettate all'epoca. Secondo gli esperti la cifra britannica è credibile, dato che anche documenti statunitensi recentemente desecretati hanno fornito una stima simile. "Sono due fonti piuttosto indipendenti che dicono la stessa cosa", ha osservato Cabestan, professore all'Università Battista di Hong Kong.

Il rapporto dell'ambasciatore britannico "non è particolarmente sorprendente considerando quanto fosse alto a Pechino il numero di persone mobilitate" contro il governo cinese, ha detto Cabestan, che era nella capitale cinese nei giorni precedenti alla repressione.

Il racconto del diplomatico britannico ha fornito orribili dettagli della violenza scatenata nella notte del 3-4 giugno quando l'esercito entrò nel centro di Pechino per porre fine a sette settimane di proteste in piazza Tiananmen, il cuore simbolico del potere comunista. Durante la loro avanzata, i blindati "hanno aperto il fuoco sulla folla (sia civili che militari) prima di investirli", scriveva Donald citando come fonte una persona che "stava trasmettendo informazioni fornitegli da un amico membro del Consiglio di Stato", il gabinetto cinese.

Una volta arrivati i soldati in Piazza Tienanmen, "gli studenti hanno capito che è stata concessa un'ora per lasciare la piazza, ma dopo cinque minuti i blindati hanno attaccato", ha scritto Donald. "Gli studenti hanno abbandonato le armi ma sono stati falciati, inclusi i soldati, quindi i mezzi blindati hanno investito di volta in volta i cadaveri, schiacciandoli, per poi raccoglierli con le ruspe: i resti sono stati inceneriti e smaltiti nelle fogne".

Alla fine di giugno del 1989, il governo cinese aveva dichiarato che la soppressione delle "rivolte controrivoluzionarie" aveva ucciso 200 civili e diverse decine di poliziotti e militari. A quasi trent'anni dalla repressione, il regime comunista continua a vietare qualsiasi discussione sull'argomento, bandendolo dai libri di testo e dai media e censurandolo su Internet.

Tratto da: agi.it

Foto © AFP

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa