Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero Duemila veterani difendono i nativi americani che protestano in North Dakota

Terzo Millennio

Duemila veterani difendono i nativi americani che protestano in North Dakota

no dapl veterani usadi tpi.it
Le proteste sono iniziate nel mese di aprile e sono proseguite a oltranza. Non sono mancati episodi di violenza da parte della polizia locale contro i manifestanti.
Sono più di duemila e sono giunti quattro giorni fa per proteggere i nativi americani della riserva di Standing Rock, nello stato americano del North Dakota, che da mesi protestano contro la costruzione di un oleodotto. Loro sono i veterani di guerra dell'esercito degli Stati Uniti arrivati nelle aree occupate dai manifestanti, per fare da veri e propri scudi umani e reprimere eventuali azioni di forza da parte della polizia locale ai danni di questi gruppi tribali, che difendono la loro terra dalla realizzazione del progetto Dakota Access. "Ho pensato che questa fosse la cosa più importante da fare. Più di qualsiasi altra cosa", ha raccontato all'agenzia Reuters il 69enne Guy Dull Knife, un veterano della guerra del Vietnam. I veterani sono giunti a Cannon Bell, dove sorge l'accampamento dei manifestanti, poco prima della scadenza di un ultimatum delle autorità per lo sgombero degli attivisti. Pur di ridimensionare la portata delle proteste, le autorità avevano pensato di mettere a punto un piano volto a tagliare i rifornimenti nel campo. Ma l'idea è stata abbandonata piuttosto in fretta, dopo una levata di scudi da parte degli attivisti che difendono la causa dei nativi americani, e soprattutto in seguito alle denunce di maltrattamenti da parte degli agenti locali ai danni dei manifestanti.

Le proteste hanno preso corpo nel luglio scorso e sono continuate per mesi. Il motivo? Le tribù di nativi americani hanno ritenuto la realizzazione di un oleodotto del valore di 3,8 miliardi di euro uno sfregio al loro habitat. Infatti, l'impianto dovrebbe attraversare un lago che si trova vicino alla riserva di Standing Rock dove vivono le tribù Sioux. A sostegno della causa dei nativi americani si sono schierati anche ambientalisti e attori, tra cui Shailene Woodley e Susan Sarandon.

Lunedì 28 novembre, i funzionari avevano emesso un ordine per gli attivisti affinché lasciassero il campo Oceti Oceti Sakowin, che si trova su una proprietà privata vicino a Cannon Bell, nel North Dakota, chiamando in causa le condizioni atmosferiche avverse. Tutte le misure volte a frenare la portata delle proteste sono state archiviate. Il governatore della città, Jack Dalrymple, che ha deciso di non applicare la direttiva per lo sgombero del campo, ha dichiarato di aver chiesto un incontro con il consiglio tribale dei Sioux di Standing Rock, al fine di ricostruire un rapporto. "Abbiamo bisogno di parlare e di confrontarci per poter ristabilire un rapporto sereno", ha sottolineato Dalrymple.

Finché i timori di abusi e violenze da parte delle autorità locali contro i manifestanti non saranno dissipati, i veterani hanno fatto sapere di non avere alcuna intenzione di lasciare il campo, disposti anche a indossare nuovamente le loro vecchie uniformi militari, i giubbotti anti-proiettile e le maschere anti-gas pur di fronteggiare gli atti di forza della polizia locale. "Siamo veterani delle forze armate degli Stati Uniti e chiediamo ai nostri compagni veterani di mettere assieme una milizia disarmata allo Standing Rock per difendere i protettori dell'acqua e delle terre sacre dalle aggressioni e dalle intimidazioni da parte della polizia", ha dichiarato un ex marine.
"Questo paese sta reprimendo la nostra gente. Se vogliamo essere davvero quei veterani che il nostro paese ammira, allora è nostro dovere difendere la Costituzione dai nostri nemici interni che non la rispettano", ha concluso l'uomo.

Tratto da:
tpi.it

In foto: un gruppo di ex militari arrivati a Cannon Bell, in North Dakota, per proteggere i nativi americani che protestano. (© Reuters)

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...

PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta