Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero Attriti

Terzo Millennio

Attriti

NEWS 261259di Pier Luigi Fagan
Più il mondo cambierà, più i cambiatori eletti si scontreranno con l'inerzia della burocrazia weberiana, più chiederanno poteri speciali.

Due articoli.

Il primo è del The Times e pubblica un articolo con una spifferata forse data da Deloitte sul fatto che il governo UK è spaccato tra i brexiters duri e quelli soft con la May che annaspa e fa tutto 'a capa sua. Ma l'informazione più interessante non è questa. Quella interessante è che i vari ministri che dovrebbero pulire il sistema di leggi dalla presenza stratificata nel tempo di 40 anni di rapporti UK-EU, hanno prodotto 500 diversi documenti che è impossibile gestire. Non solo. I consulenti consigliano di assumere non meno di 30.000 esperti e specialisti giuridico-amministrativi perché altrimenti non gliela si fa. Ma ci sono questi 30.000 e quanto tempo impiegherebbe una squadra di 30.000 esperti a coordinarsi e fare il lavoro nel mentre non è neanche certo che lo debbano fare in direzione hard o soft?

Il secondo di Limes che ripubblica un articolo del 4.10 di Fabbri che evidentemente pensa di confermare la sua precedente analisi ovvero che Clinton o Trump, poco cambierà nella politica estera americana. Fabbri sostiene che solo chi sa poco o nulla della complessa macchina politico-amministrativa americana, può dilettarsi a prevedere grandi sconvolgimenti in un senso o nell'altro. Nei fatti, il presidente può poco o nulla, il parlamento può certo di più ma poi deve dare retta e convincere l dipartimenti e le agenzie specifiche e più spesso col risultato che - di solito - più che convincerli ne viene convinto. A far cosa? Ad esempio a portare avanti l'unica strategia che gli USA perseguono da settanta anni: soffocare i russi. Soffocare non bombardarli come pensava la Clinton, soffocarli non riabilitarli come pensa Trump.

Oggi Obama ha detto in conferenza stampa di esser certo preoccupato di Trump e delle profonde differenze di visioni politiche ma ha aggiunto che amministrazione e democrazia sono due parti di una stessa macchina ed anche lui, i primi due anni di presidenza, quando aveva una maggioranza al Congresso più larga di quella Trump, riuscì a fare neanche la metà della metà di ciò che aveva in mente. Testimonio, perché mi colpì, che gli si ingrigirono i capelli in sei mesi/un anno.

Quindi: la complessità della rete di processi, procedure, disposizioni che strutturano gli Stati moderni è una rete di razionalità impersonali molto lenta a cambiare. La sua ideologia non è soggetta a revisioni, la sua stessa esistenza nasce in contrasto al possibile arbitrio personale. Un punto a Weber. È un po' la stessa insofferenza che sta montando nei confronti della democrazia, non poter decidere in breve tempo ed eseguire senza se e senza ma. Quindi, più il mondo cambierà, più si formerà una dialettica tra cambiamento e conservazione, più i cambiatori eletti si scontreranno con l'inerzia della burocrazia weberiana, più chiederanno poteri speciali. Il resto aggiungetelo voi...
(15 novembre 2016)

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca