Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero Attriti

Terzo Millennio

Attriti

NEWS 261259di Pier Luigi Fagan
Più il mondo cambierà, più i cambiatori eletti si scontreranno con l'inerzia della burocrazia weberiana, più chiederanno poteri speciali.

Due articoli.

Il primo è del The Times e pubblica un articolo con una spifferata forse data da Deloitte sul fatto che il governo UK è spaccato tra i brexiters duri e quelli soft con la May che annaspa e fa tutto 'a capa sua. Ma l'informazione più interessante non è questa. Quella interessante è che i vari ministri che dovrebbero pulire il sistema di leggi dalla presenza stratificata nel tempo di 40 anni di rapporti UK-EU, hanno prodotto 500 diversi documenti che è impossibile gestire. Non solo. I consulenti consigliano di assumere non meno di 30.000 esperti e specialisti giuridico-amministrativi perché altrimenti non gliela si fa. Ma ci sono questi 30.000 e quanto tempo impiegherebbe una squadra di 30.000 esperti a coordinarsi e fare il lavoro nel mentre non è neanche certo che lo debbano fare in direzione hard o soft?

Il secondo di Limes che ripubblica un articolo del 4.10 di Fabbri che evidentemente pensa di confermare la sua precedente analisi ovvero che Clinton o Trump, poco cambierà nella politica estera americana. Fabbri sostiene che solo chi sa poco o nulla della complessa macchina politico-amministrativa americana, può dilettarsi a prevedere grandi sconvolgimenti in un senso o nell'altro. Nei fatti, il presidente può poco o nulla, il parlamento può certo di più ma poi deve dare retta e convincere l dipartimenti e le agenzie specifiche e più spesso col risultato che - di solito - più che convincerli ne viene convinto. A far cosa? Ad esempio a portare avanti l'unica strategia che gli USA perseguono da settanta anni: soffocare i russi. Soffocare non bombardarli come pensava la Clinton, soffocarli non riabilitarli come pensa Trump.

Oggi Obama ha detto in conferenza stampa di esser certo preoccupato di Trump e delle profonde differenze di visioni politiche ma ha aggiunto che amministrazione e democrazia sono due parti di una stessa macchina ed anche lui, i primi due anni di presidenza, quando aveva una maggioranza al Congresso più larga di quella Trump, riuscì a fare neanche la metà della metà di ciò che aveva in mente. Testimonio, perché mi colpì, che gli si ingrigirono i capelli in sei mesi/un anno.

Quindi: la complessità della rete di processi, procedure, disposizioni che strutturano gli Stati moderni è una rete di razionalità impersonali molto lenta a cambiare. La sua ideologia non è soggetta a revisioni, la sua stessa esistenza nasce in contrasto al possibile arbitrio personale. Un punto a Weber. È un po' la stessa insofferenza che sta montando nei confronti della democrazia, non poter decidere in breve tempo ed eseguire senza se e senza ma. Quindi, più il mondo cambierà, più si formerà una dialettica tra cambiamento e conservazione, più i cambiatori eletti si scontreranno con l'inerzia della burocrazia weberiana, più chiederanno poteri speciali. Il resto aggiungetelo voi...
(15 novembre 2016)

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...

PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta