Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Terzo Millennio

Arrestato il narcotrafficante Galvez: è considerato il Chapo peruviano

galvez gersonConosciuto come 'El Caracol', è stato fermato in Colombia e subito trasferito a Lima
Medellin. Il capo della banda criminale Barrio King, il narcotrafficante Gerson Galvez, descritto dal governo come "il criminale più ricercato del Perù", è stato arrestato in un centro commerciale di Medellin.

Galvez è stato immediatamente espulso e trasferito a Lima. Il boss - conosciuto col soprannome di 'Caracol' (lumaca) - è stato consegnato dalle autorità colombiane a quelle peruviane all'aeroporto El Dorado di Bogotà, dove è arrivato scortato da forze di polizia pesantemente armate. Poi è stato caricato su un aereo militare ed è stato condotto con un furgone alla sede della Direzione nazionale, ha sottolineato il ministro dell'Interno, Jose Luis Perez Guadalupe.

La sua banda criminale sarebbe coinvolta in estorsioni sulla costruzione del porto di Callao e avrebbe ordinato un agguato contro l'imprenditore Gerald Oropeza, indagato per presunti traffico di droga e riciclaggio di denaro.


Sul leader narcos pendono tre accuse per traffico di droga e criminalità organizzata: ora  verrà messo a disposizione della Corte penale peruviana, ha dichiarato il ministro che ha sottolineato come l'arresto sia il risultato di "un paziente e faticoso lavoro della polizia nazionale con i Paesi vicini", perché Galvez è stato inizialmente segnalato in Ecuador, poi si è trasferito a Panama e in Colombia.

Perez Guadalupe ha detto di aver chiamato il ministro della Difesa della Colombia, Luis Carlos Villegas, per esprimere il suo apprezzamento per la cooperazione e "prendere accordi per la consegna di Caracol allo Stato peruviano". Per il capo della polizia della Colombia, il generale Nieto, l'arresto del narcotrafficante è un "colpo ben assestato contro la criminalità transnazionale", poiché implica che "nessuna nazione nell'emisfero sarà un rifugio per i trafficanti di droga".

Secondo la polizia colombiana, l'uomo si era spostato a Medellin per contattare ex membri del defunto cartello della droga Envigado Office ed essere vicino alla sua fidanzata, una cittadina venezuelana che vive nella città colombiana. L'individuazione di 'Caracol' in un centro commerciale a nord di Medellin è stata possibile grazie a "rigoroso lavoro di intelligence" che ha permesso di rilevare il luogo di residenza, la routine quotidiana e i collaboratori, aggiungono le autorità.


Tratto da: repubblica.it