Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Ambiente Il clima incide su guerre, migrazioni, demografia e sarà il banco di prova dei governi

Terzo Millennio

Il clima incide su guerre, migrazioni, demografia e sarà il banco di prova dei governi

di Francesca Paci
La temperatura sale a una velocità del 20% superiore alla media e l’acqua continua a diminuire. Dopo l’Artico è il Mediterraneo il più colpito dal surriscaldamento

Roma. La Libia investita dall'infinita proxy war intra-sunnita, il nuovo protagonismo russo nella zona Mena (Medio Oriente e Nord Africa), la questione israelo-palestinese alla prova della diplomazia trumpiana e poi, neofita nella galassia geopolitica, l'ambiente, il paradigma su scala globale di tutte le sfide del presente.
Dopo anni di panchina, il clima entra in campo da titolare in questa quinta edizione dei Med Dialogues, sul cui sfondo, minacciosi quanto i mille focolai di conflitto, si proiettano l'ombra del disimpegno americano dall'accordo di Parigi, la disarmata Conferenza di Madrid, il pressing della generazione Greta Thunberg.
«Le grandi civiltà sono fiorite nel Mediterraneo anche grazie alla particolare stabilità climatica garantita da due anti-cicloni» ragiona, tra l'andirivieni dei rappresentanti di molti Paesi, il segretario generale dell'UfM (Union for the Mediterranean) Nasser Kamel. Vale a dire che nulla di quanto accade nella regione, dallo sviluppo economico alle guerre fino alle grandi migrazioni, prescinde dalle repentine variazioni del meteo. Kamel mostra le bozze di uno studio realizzato per l'UfM da 80 scienziati internazionali e prossimo alla pubblicazione: «Dopo l'Artico, il Mediterraneo è la seconda area del pianeta più colpita dal cambiamento climatico, dove la temperatura sale a una velocità il 20% superiore alla media e dove si trovano 20 delle città maggiormente interessate dal surriscaldamento». Sulla carta gli effetti sono spaventosi, a cominciare dalle già ridotte risorse idriche che, sebbene rappresentino appena il 3% di quelle mondiali a fronte di una popolazione pari a 500 milioni, diminuiranno di un ulteriore 15% nel giro di pochi anni.
Il Mediterraneo emerge da diversi panel come un «hotspot», un punto caldo dove oggi confluiscono tensioni antiche, sociali e politiche. Parlare di clima significa parlare di siccità e spopolamento di intere nazioni come «pull factor» per guerre, migrazioni, sostituzioni demografiche, rivoluzioni. A margine di una tavola rotonda sul futuro della Siria si osserva come, a conti fatti, la rivolta del 2011 sia iniziata in una regione meridionale e agricola come Daara, penalizzata oltre che dalla brutalità del regime anche dall'esodo verso le città di un esercito di contadini senza piu campi da coltivare.
Le migrazioni, lo spettro che si aggira per l'Europa, sono la cartina di tornasole. Intorno a un caffè, un diplomatico libico e un egiziano, discutono della pressione sull'Europa e di quella sui loro Paesi («L'Ue si blinda contro gli sbarchi, ma noi abbiamo milioni di esuli dall'Africa sub-sahariana»). Le ricerche ormai concordano sul rapporto tra cambiamenti climatici ed esodi di massa.
«Il Sahel coincide con la fascia di desertificazione, dove si sovrappongono ecosistemi fragili a società fragili, per questo 9 su 10 migranti vengono da lì» scrive Francesca Santolini in «Profughi del clima» (Rubbettino). Piu a Sud, denuncia Save the Children, 6,7 milioni di etiopi non possono piu pascolare il bestiame sulle terre ormai secche e hanno fame da morire. Il clima anche qui a Med è il banco di prova per i governi e per i necessari investitori privati.

Tratto da: La Stampa del 7 dicembre 2019

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa