Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Ambiente Ucciso in Tanzania l’eroe anti-bracconieri. È la guerra dell’avorio

Terzo Millennio

Ucciso in Tanzania l’eroe anti-bracconieri. È la guerra dell’avorio

Wayne LotterWayne Lotter lottava per gli elefanti, la sua storia in un documentario di Di Caprio
di Raffaella Scuderi
"Questa è una guerra. Contro la fanteria, la cavalleria e i generali. Tutti si sono sempre concentrati sulla fanteria. Nessuno su cavalleria e generali". Wayne Lotter lo diceva sempre. Si è scagliato contro i generali ed è stato ucciso. L’eroe del conservazionismo tanzaniano è morto mercoledì a Dar es Salaam. Un commando lo ha massacrato a colpi di fucile dopo un agguato nel centro città.
Sudafricano, 51 anni, Wayne era arrivato in Tanzania nel 2003 per poi fermarsi nel 2006. Insieme alla socia Krissy Clarke fondò nel 2009 una piccola Ong, la Pams Foundation, che grazie al suo acume e a una visione rivoluzionaria, ad oggi è riuscita a mettere le manette a 1400 bracconieri, requisire 428 armi, 40 veicoli e a gettare in carcere la ‘Queen of Ivory’, la cinese Yang Feng Glan. Ma soprattutto ha contribuito ad eliminare quasi definitivamente il bracconaggio di avorio in Tanzania. "Hanno tagliato la testa dell’organizzazione. Caparbio, spiritoso, instancabile lavoratore - lo ricorda l’amico Malcolm Ryen, biologo e ricercatore - e una mente geniale. Era in grado di prevedere le mosse successive dei suoi nemici. Sei mesi fa aveva intuito che stava per succedere qualcosa. Sapeva di rischiare la morte, ma questo non lo ha fermato". Wayne aveva capito che tecnologia, droni e rangers non erano abbastanza per vincere il bracconaggio. Con pochi fondi aveva creato un’ampia rete di Intelligence umana che gli aveva fatto vincere la sua guerra. Lo avevano aiutato anche le comunità locali (tutto il suo team è africano): erano state loro a rivelargli le informazioni che servivano di volta in volta per colpire i bracconieri.
Ivory game” (Caccia all’avorio), documentario di Netflix prodotto da Leonardo Di Caprio, era stato realizzato grazie alla sua attività. "Wayne era il mio eroe. E la sua guerra non si fermerà", così lo ha ricordato Jane Goodall, la più famosa esperta mondiale di scimpanzè . Ed eroe è stato definito anche da Di Caprio su Twitter.

Tratto da: La Repubblica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa