Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Ambiente Torino, spezzettato il processo Eternit

Terzo Millennio

Torino, spezzettato il processo Eternit

eternit processo c ansadi Sarah Martinenghi
Omicidio colposo e non più volontario per l'imprenditore Schmidheiny. La difesa: "Grossa vittoria". Le parti civili: "Fallimento della giustizia". Solo due casi di morte da amianto restano alla procura subalpina, gli altri divisi tra Reggio Emilia, Vercelli e Napoli

La giustizia per i morti d'amianto alla Eternit si allontana un altro po'. Il procedimento a carico dell'imprenditore svizzero Stephan Schmidheiny tornerà alla fase delle indagini preliminari, l'accusa va derubricata da omicidio volontario a colposo, "aggravato dalla previsione dell'evento", e si spezzetta in quattro diversi tribunali d'Italia: Torino, Reggio Emilia, Vercelli e Napoli. Lo ha deciso il giudice per l' udienza preliminare Federica Bompieri che ha letto nel primo pomeriggio la sua decisione nella maxiaula 1 del tribunale torinese. Restano a giudizio, a Torino, solo due casi di morte da amianto, per i quali la prossima udienza è stata fissata il 14 giugno. A Vercelli, competente per la sede di Casale Monferrato della multinazionale, sono stati trasmessi 243 casi; 8 a Napoli (per Bagnoli), 2 a Reggio Emilia (per Rubiera).

Tre casi sono stati invece prescritti. L'imputato Schmidheiny era già stato assolto per prescrizione nella tranche precedente, il primo processo Eternit, in cui rispondeva di disastro doloso per oltre 2000 vittime dell'amianto. In questo procedimento, invece, il magnate svizzero era accusato di 258 casi di morte da mesotelioma pleurico, il tumore ai polmoni che colpisce senza scampo chi è stato esposto alla polvere bianca.
Eternit, al via il processo bis: i volti del dolore e della giustizia

Si è conclusa così a Torino l'udienza preliminare per il caso Eternit bis. La sessione della mattinata è stata dedicata alle repliche di accusa e difesa e il pm Gianfranco Colace ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio di Schmidheiny, insistendo inoltre sul reato di omicidio volontario.  "E' un fallimento per l'amministrazione della giustizia" ha detto l'avvocato Sergio Bonetto, uno dei legali di parte civile. Il penalista, in particolare, ha fatto riferimento alla parte della sentenza in cui si dispone la trasmissione degli atti ad altre tre procure: "Si allontana così il momento in cui, per queste morti, si potranno finalmente accertare cause e responsabilità".  "Un pò di amarezza c'è - ha sottolineato per l'accusa il pm Gianfranco Colace - aspettiamo di leggere le motivazioni della sentenza, poi vedremo se ricorrere in appello".

Di "grossa vittoria" parla invece Astolfo Di Amato, avvocato difensore, assieme a Guido Alleva, del magnate svizzero. "La costruzione dell' accusa é crollata, il processo per omicidio colposo sarà più sereno ma emergerà la totale innocenza del mio assistito. Schmidheiny - aggiunge il legale - era a capo di un grande gruppo industriale e non era presente nei singoli stabilimenti. A lui risultava che la soglia di polverosità era al di sotto dei limiti imposti dalle norme. E aveva dato l'input ai dirigenti di investire, e di continuare a investire, sul miglioramento sulle condizioni di sicurezza. Per lui non c'è né colpa né dolo".
"La questione del "ne bis in idem" ha retto - commenta invece l' ex magistrato Raffaele Guariniello, che ha rappresentato l'accusa nel primo processo - ed è importante per tutti questi casi di morti e malattie, ma anche per quelli che si verificheranno. Certo è sorprendente spezzettare il procedimento in tante parti, ma dobbiamo vedere le cose da un altro punto di vista: Schmidheiny sarà processato e il procedimento va avanti. il dolo e la colpa non è cosi determinante, conta che questi processi si continuino a fare, si possono e si devono fare. E l' Italia continua a essere l'unico paese in cui lui viene penalmente perseguito".
Amareggiati i parenti dei morti: "La nostra cultura giuridica - commenta Bruno Pesce, dell'Associazione familiari e vittime dell' amianto - non è ancora matura per digerire il fatto  che la criminalità d'impresa possa commettere un omicidio doloso".

Tratto da: torino.repubblica.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa