Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Ambiente Indios Guaranì verso il suicidio di massa (Firma contro questo massacro)

Terzo Millennio

Indios Guaranì verso il suicidio di massa (Firma contro questo massacro)

indios-guarani17 agosto 2013
Ancora una storia di usurpazione di territori indigeni… Per quanto dovremo sopportare simili accadimenti? Cosa importa se queste tragedie sono distanti migliaia di chilometri, ci riguardano come se fossimo noi in pericolo. E non lo siamo comunque in modo strisciante già adesso?

La loro minaccia è il più grande atto di dignità che hanno lasciato, sono stati derubati, massacrati, i loro capi uccisi e picchiati con una accusa cinica non potevano vincere. Come potrebbero difendere i loro diritti? Alcuni ragazzi in perizoma contro il sistema incestuoso del potere e della politica. Si brucia di rabbia per questa ingiustizia mentre si accende il cuore di orgoglio nel sapere il loro coraggio…
Una lettera firmata dai leader degli indigeni Guaraní-Kaiowá del Mato Grosso do Sul, annuncia il suicidio di massa di 170 persone (50 uomini, 50 donne e 70 bambini), se reso esecutivo l’ordine della Corte federale di  privare la tribù della ‘Cambará Farm’, dove sono temporaneamente accampati.
Il territorio, che chiamano  ‘tekoha’ , ‘cimitero ancestrale’ significato,  è stato piantato con grandi piantagioni di canna da zucchero e soia, pronti per la riproduzione.
Penalità per vivere sulla loro terra
Nel caso in cui gli indiani non sgomberino l’azienda l’ordine federale  prevede che la Fondazione Nazionale Indiana (Funai)  deve pagare una multa di circa 250 dollari per ogni giorno  che rimangono lì.
“Noi indiani abbiamo il diritto costituzionale di occupare la nostra terra, e continueremo a lottare ”, ha dichiarato il capo tribù Guarani, Vera Popygua, che esige il rispetto per il suo popolo, perché “è stato macellato.” ” Hanno ucciso i nostri leader, il che è triste e inaccettabile. Siamo una società avanzata che vive nel XXI secolo. Questo non può accadere, non dovrebbe accadere , “dice.
Se l’ordine del tribunale non viene revocato, gli indiani hanno minacciato di  suicidarsi prima che il giudice stesso brasiliano, dopo di che chiedono di essere sepolti nel sacro territorio lungo il fiume Hovy.
Gli indiani hanno chiesto da diversi anni la demarcazione delle loro terre tradizionali, ora occupate da bestiame e sorvegliate da uomini armati. Il leader del fotovoltaico nella Camera dei Deputati,  Sarney Filho, ha inviato questa lettera al ministro della Giustizia, chiedendogli di intervenire per impedire la tragedia.

Cosa si può fare?
indios-guarani-2
Tweet questo  messaggio:  http://bit.ly/AdiosMundoCruel   
Metti questa immagine sul proprio profilo di Facebook e aggiungere messaggi
Firmate questa petizione per la causa del Guarani Kaiowá


Lettera degli indiani (Recensione)
Carta comunitaria dei Guarani-Kaiowá Pyelito Kue / Mbarakay-Iguatemi MS-per il governo e la giustizia del Brasile
Noi (50 uomini, 50 donne e 70 bambini) Guarani-Kaiowá comunità di tekoha Pyelito kue / Mbrakay, scriviamo questa lettera la nostra attuale situazione storica e una decisione definitiva prima che l’ordine di spedizione espresso dalla Corte Federale di Ashland, MS, come sentenza n 0000032-87.2012.4.03.6006, il 29 settembre 2012. Abbiamo ricevuto informazioni che la nostra comunità sarà presto attaccata, violentata e gettata nel fiume dal Tribunale federale, Ashland, MS.
Pertanto, è chiaro che proprio l’azione della Corte Federale genera e aumenta la violenza contro le nostre vite, ignorando i nostri diritti per sopravvivere fiume Hovy e intorno al nostro territorio tradizionale Pyelito Kue / Mbarakay.
Comprendiamo chiaramente che questa decisione del Tribunale federale Ashland-MS è parte dell’azione di genocidio e sterminio indigena storico, nativo indigeno e Mato Grosso do Sul, vale a dire, l’azione stessa sta violando il Tribunale federale e sterminati e la nostra vite.
Vogliamo rendere chiaro al governo che la Corte Federale e, infine, abbiamo già perso la speranza di sopravvivere con dignità e senza violenza nel nostro vecchio territorio, non crede più nella giustizia brasiliana. Chi denunciamo gli atti di violenza commessi contro le nostre vite? Per la giustizia del Brasile? Se viene generato il Tribunale federale e alimentando la violenza contro di noi.
Abbiamo valutato la situazione e ha concluso che tutti andando a morire molto presto, e noi non abbiamo la prospettiva di un dignitoso ed equo, sia qui sulla riva del fiume, il più lontano possibile da qui. Ci siamo accampati qui a 50 metri dal fiume e Hovy dove ci sono stati quattro morti, due per suicidio e due a causa delle percosse e le torture delle aziende agricole uomini armati.
Hovy vivere nel fiume per più di un anno senza alcun aiuto, isolato, circondato da uomini armati e resistito fino ad oggi. Mangiare una volta al giorno. Abbiamo passato tutto questo per recuperare il nostro territorio Pyleito vecchio Kue / Mbarakay. In realtà, sappiamo che al cuore della nostra antica terra sono sepolti molti dei nostri nonni, bisnonni e bisnonni, sono i cimiteri dei nostri antenati.
Consapevole di questo fatto di storia, noi siamo e vogliamo essere morto e sepolto insieme i nostri antenati qui dove siamo oggi, quindi chiediamo al Governo e al Tribunale federale non ha ordinato il sfratto / espulsione, ma chiediamo mettere in atto la nostra morte collettiva e seppellire tutti noi qui.
Si prega di una volta per tutte, di mettere in atto il nostro annientamento e di estinzione, così come l’invio di diversi trattori a scavare un grande buco per giocare e seppellire il corpo. Questo è il nostro appello ai giudici federali. Ora aspettiamo la decisione del Tribunale federale. Dichiariamo la nostra morte collettiva di Guarani Kaiowá e Pyelito Kue / Mbarakay e ci seppelliamo qui. Dal momento che abbiamo deciso di non lasciare qui completamente vivo né morto.
Sappiamo di avere una migliore possibilità di sopravvivere con dignità qui nella nostra terra antica ha già sofferto molto e stiamo tutti morendo ritmo massacrato e buono. Sappiamo che sarà guidato dal bordo del fiume per la giustizia, ma non siamo fuori dal fiume. Come una popolazione indigena e la storia indigena, collettivamente deciso di morire proprio qui. Non abbiamo altra opzione è la nostra ultima spedizione prima della decisione unanime della Corte federale Ashland, MS.

Onestamente, Pyelito Guarani Kaiowá Kue / Mbarakay


Fonte: http://ctcqom.wordpress.com/2012/11/20/adios-mundo-cruel-170-indigenas-se-suicidaran-de-manera-colectiva/

Tratto da: iconicon.it/blog

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa