Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Ambiente "La revoca della revoca" e il Teatro di Crocetta

Terzo Millennio

"La revoca della revoca" e il Teatro di Crocetta

crocetta-teatrinodi Francesco Caudullo - 25 luglio 2013
Nel caso MUOS il Presidente della Regione siciliana è il protagonista in una pièce di teatro regionale che esalta tutti gli aspetti della sua ambiguità.
Crocetta è un uomo coerente con la propria ambiguità politica, rispetto a quella sua predisposizione che lo induce ad assumere toni gravi, a lasciarsi andare a teatrali atti d'accusa che poi nei fatti ammorbidisce e persino nega. Cosa avremmo dovuto aspettarci da una simile forgia di Governatore? Nella vicenda della revoca del MUOS il Presidente della Regione siciliana è stato impeccabile, lasciandosi andare da grande protagonista in una rappresentazione teatrale che ha esaltato tutti gli aspetti della sua ambiguità.
Crocetta ha giocato inizialmente, e assai bene, il ruolo di istrionico e coraggioso anticonformista, vestito i panni della risolutezza e rivendicato i diritti dei siciliani. A tratti è apparso anche un gigante ma è stato solo una parte della rappresentazione che ha messo in scena.
Già perché quella sua risolutezza, quella determinazione che lo ha indotto a dire a Mr Obama che Noi siciliani il MUOS non lo volevamo, nel secondo atto dell'opera ha lasciato spazio al tentennamento di un "vinto" in una performance che a tratti richiama il "verismo siciliano".
Ed è persino apparso impaurito nel momento in cui ha iniziato a realizzare di avere fatto, per gioco e per facciata, la voce grossa contro la più grande potenza militare mondiale e che questa, con il pieno sostegno del governo nazionale, l'aveva preso sul serio.
Ne è uscito fuori, alla fine, un terzo atto ridicolo nel quale il Governatore ha preferito farsi supportare da Lo Bello. Ma la comica non fa ridere. I due non hanno il talento innato e non sanno improvvisare come erano in grado di fare Franco e Ciccio, Gianni e Pinotto, Ric e Gian, Cochi e Renato, Cip e Ciop e tante altre celebri coppie.

Nessuno ha riso o ride, anzi. E alla fine l'imbarazzo è stato tale che si è cercata una conclusione affrettata con "la revoca della revoca". Ovviamente le giustificazioni non sono mancate e non mancheranno.
C'è uno studio dell'Istituto Superiore della Sanità che, nonostante sia considerato lacunoso dagli stessi esperti ai quali la Regione si era rivolta per comprendere la pericolosità del MUOS (in particolare il parere contrario del professore Zucchetti), che viene impugnato.
C'è anche una penale salata da evitare in tempi di crisi.
Peccato, però, che non ci siano gli interessi dei siciliani e che non si rispetti la volontà di un popolo che pacificamente da un anno non fa che ribadire il proprio NO AL MUOS e che spero sostenga adesso, più che mai, i comitati NoMUOS e che si faccia sentire come deve per affermare i propri diritti, la propria libertà.

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa