Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Ambiente Acqua, i movimenti tornano sulla scena del crimine

Terzo Millennio

Acqua, i movimenti tornano sulla scena del crimine

NEWS-acquadi Checchino Antonini - Globalist - 13 dicembre 2012
È un crimine anche se l'omicidio è apparentemente virtuale, riguarda "solo" due referendum. Ma se l'acqua è vita chi se ne appropria la vita la toglie. Così gli attivisti del Coordinamento Romano Acqua Pubblica hanno organizzato questa mattina la ricostruzione della scena del crimine dell'omicidio dei referendum davanti alla sede romana dell'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas.

In questi giorni infatti l'Authority è in procinto di varare la nuova tariffa idrica che cancellerà di fatto i risultati dei referendum del giugno 2011 reinserendo sotto mentite spoglie il profitto garantito per i gestori abrogato dal voto della maggioranza degli italiani.  I manifestanti hanno portato striscioni, sagome raffiguranti i cittadini che hanno votato per l'acqua pubblica nel 2011, oggi minacciati dal crimine che l'Autorithy sta tentando di compiere in barba alla volontà popolare. La mobilitazione contro la nuova tariffa idrica andrà avanti ad oltranza e in tutta Italia, a partire dalla Manifestazione Nazionale del Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua prevista per il prossimo sabato a Reggio Emilia.

Quella di oggi vuole essere solo la prima di una serie di iniziative per ribadire che ogni tentativo di annullare il voto degli italiani troverà una mobilitazione sociale diffusa pronta a contrastarlo. «Indietro non si torna» dicono gli attivisti romani.

Il voto referendario «è qualcosa che i governi e i poteri forti finanziari fanno senz'altro fatica a digerire - scrive Marco Bersani di Attac - prima con il governo Berlusconi, successivamente con l'attuale governo Monti, sono stati ben quattro i provvedimenti normativi approvati per contrastarne l'esito. Tutti bocciati dalle mobilitazioni del movimento per l'acqua e dalla sentenza n. 199/2012 della Corte Costituzionale del 20 luglio scorso».

Ma se la gente non crede più alla favola del "privato è bello", i mercati finanziari restano «alla spasmodica ricerca di assets, come l'acqua e il servizio idrico, in cui il profitto sia garantito dalla condizione di monopolio naturale e da un consumo costante in quanto necessario alla vita stessa delle persone. Ed è così che quello che è stato sbattuto fuori dalla porta per via politica, si cerca di far rientrare dalla finestra per via "tecnica"».

Infatti l'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha appena presentato le linee guida per la nuova normativa tariffaria del servizio idrico e, contrariamente a quanto stabilito dalla vittoria del Sì al secondo quesito referendario, reintroduce la "remunerazione del capitale investito", i profitti per i gestori, sotto la nuova veste di "oneri finanziari sul capitale immobilizzato", così come attraverso la trasformazione in voce di costo (quindi da coprire con la tariffa) del "rischio d'impresa".

La nuova norma tariffaria, una volta approvata, avrà efficacia retroattiva - illegittimamente, è ovvio, ma la sentenza del Consiglio di Stato non spaventa i "tecnici" - anche per il periodo decorso dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 21 luglio 2011 dell'esito del voto referendario, durante il quale quasi tutti i gestori hanno continuato ad esigere in tariffa la remunerazione del capitale investito. Infine verranno riconosciuti ai gestori anche i costi sostenuti così come iscritti a bilancio della società anche se più alti dei costi programmati: «E' una sorta di sanatoria di tutte le illegittimità, inadempienze e irregolarità attualmente registrate in moltissime gestioni», incalza Bersani.

Intanto, è in atto nel centro-nord una serie di fusioni tra multiutilities quotate in Borsa alle quali i movimenti per l'acqua rispondono con l'approfondimento della campagna di obbedienza civile (l'autoriduzione delle bollette illegittime), e con una prima manifestazione nazionale sabato 15 dicembre a Reggio Emilia per "la difesa e la gestione pubblica e partecipata dell'acqua e dei beni comuni".

A Reggio Emilia e a Piacenza sono scaduti gli affidamenti del servizio idrico ad IREN e si è aperta la possibilità di attuare concretamente la ripubblicizzazione dell'acqua con aziende di diritto pubblico. I promotori spiegano che per tutelare i Beni Comuni è necessario difendere il territorio dalla cementificazione e da grandi opere non necessarie, adottare politiche incentrate su riduzione dei rifiuti e recupero della materia, sulla chiusura progressiva degli inceneritori, dare vita a piani energetici sostenibili opposti all'attuale Strategia Energetica Nazionale (SEN). Bisogna rinaturalizzare i corsi d'acqua e sviluppare piani di manutenzione idrogeologica del territorio.

Per farlo è indispensabile contrastare i processi di privatizzazione e finanziarizzazione, a partire dal rifiuto della nascita di una Grande Multiutility del Nord, di cui IREN, A2A e la fusione Hera/Acegas sono tasselli.

«Chiediamo che le amministrazioni locali decidano di riprendersi la propria autonomia esprimendo concretamente la volontà politica di rispettare la volontà espressa dai loro cittadini. Facciamo come Napoli che ha ripubblicizzato il servizio idrico. Facciamo come Parigi e Berlino».

Fonte: globalist.it

Tratto da: megachip.info

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa