Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Ambiente 2012, fuga dall'atollo

Terzo Millennio

2012, fuga dall'atollo

isole-carteret-webdi Stefano Vergine - 23 novembre 2012
Gli abitanti delle isole Carteret (nel sud del Pacifico) hanno un triste record: sono i primi costretti a lasciare la loro terra per le conseguenza del riscaldamento globale. L'innalzamento dei mari infatti ha reso incoltivabili i campi.

L'ultimo gruppo è partito il 21 settembre. Sette famiglie hanno salutato forse per l'ultima volta le Carteret Islands, minuscolo arcipelago appartenente alla Papua Nuova Guinea. E rischiano di diventare famosi per un triste record: essere i primi al mondo costretti ad abbandonare le proprie terre a causa dei cambiamenti climatici. Il riscaldamento globale sta facendo sciogliere i ghiacci e innalzare il livello dei mari.

Una tragedia per questi atolli, i cui terreni, bagnati dall'acqua salata, si apprestano a diventare totalmente incoltivabili. «La produzione di cibo è sempre più scarsa e le riserve diminuiscono», ricorda Ursula Rakova, direttrice della Tulele Peisa, l'organizzazione incaricata dal governo della Papua Nuova Guinea di gestire il trasferimento degli isolani. Nel 2003 il governo della Papua ha riconosciuto infatti la necessità di evacuare totalmente i 2.500 abitanti delle Carteret.

Ma l'operazione va a rilento perché non ci sono i fondi per ricollocare le persone. Rakova si accontenta di aver appena trasferito altre cinque famiglie a Bouganville, su un terreno donato dalla Chiesa cattolica, ma nella sua mente è impressa una data: «Una ricerca scientifica presentata in Germania ha previsto che le isole saranno completamente inabitate entro il 2045, perché allora sarà impossibile coltivare qualsiasi cosa. Resterà la sabbia, forse qualche albero di cocco, ma le persone non potranno sopravvivere».

Tratto da: espresso.repubblica.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa