Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Ambiente Il Vertice Rio+20

Terzo Millennio

Il Vertice Rio+20

rioBarbera: "La nostra terra si sta ribellando. Entro il 2050 avremmo bisogno di due pianeti, ma non abbiamo un’altra Terra su cui vivere. Per questo non possiamo permetterci altri fallimenti e promesse disattese. Non possiamo più rimandare!".
da cipsi.it - 14 giugno 2012
Roma
. Alla vigilia dell’apertura del Vertice Sociale per la Giustizia Ambientale e Sociale Rio+20, che si tiene in Brasile, a Rio de Janeiro, da domani al 23 giugno 2012, il presidente del Coordinamento di associazioni Solidarietà e Cooperazione Cipsi, Guido Barbera, commenta: “Rivolgiamo un appello alla responsabilità dei capi di stato, dei governanti, delle delegazioni presenti al vertice, affinché in questa occasione sappiano guardare alla vita e alle persone, non agli interessi economici e di potere. La nostra terra si sta ribellando.

La profonda crisi che viviamo è anche e soprattutto ecologica, il modello di sviluppo attuale è ormai del tutto insostenibile. Non possiamo più permetterci i fallimenti, le promesse non mantenute, i rinvii e gli impegni non rispettati a cui abbiamo assistito agli scorsi Vertici. Rivolgiamo un appello forte anche ai media, affinché parlino di Rio+20 e diano voce alle migliaia di attivisti ed esponenti della società civile che saranno presenti a Rio de Janeiro per chiedere ai partecipanti al summit un cambiamento radicale del paradigma di sviluppo. La crisi finanziaria internazionale non può offuscare l'importanza di questo summit e far passare in secondo piano le tematiche in esso trattate”.

“Allo stato attuale – prosegue Barbera - avremmo bisogno di un pianeta e mezzo, ci dicono i dati. Entro il 2050 ce ne vorranno addirittura due. Consumiamo troppo e la Terra ci sta stretta. Ma non abbiamo un’altra terra su cui vivere, è questo nostro pianeta che è urgente preservare. Di fronte a ciò non possiamo essere passivi. Ne va del nostro futuro e di quello dei nostri figli. Il riscaldamento globale produce conseguenze gravissime per la vita delle persone sul Pianeta Terra: scioglimento dei ghiacciai, aumento del livello dei mari, diminuzione dell’acqua dolce, inondazioni e siccità, fame, migrazioni, miseria, violazione dei diritti delle popolazioni indigene… Se vogliamo garantire la vita dei nostri figli, servono impegni precisi a livello mondiale, che questo Vertice ha il preciso dovere e la responsabilità di assumere con urgenza.

 

Il Brasile che ospita il summit, è da sempre custode del 'polmone verde' della terra. È uno dei paesi che, pur nelle sue tante contraddizioni, porta avanti da anni tante lotte a difesa dell’ambiente, dei beni comuni, della biodiversità, soprattutto grazie alle popolazioni indigene che si battono per preservare il territorio. L’America latina è un grande esempio. Il rispetto dell’ambiente è espressamente previsto nelle costituzioni di alcuni paesi come Bolivia ed Ecuador, in cui si parla di “buen vivir”. Il “buen vivir” ci invita a non consumare di più di ciò che l'ecosistema può sopportare, a evitare la produzione di residui che non possiamo assorbire con sicurezza, ci incita a riutilizzare e riciclare ciò che abbiamo usato. Auspichiamo che i governanti presenti al summit di Rio de Janeiro prendano come esempio questi concetti e ragionino sulla transizione verso un altro modello di sviluppo dando obiettivi certi e precisi, fondati sul diritto alla terra e al territorio, sul diritto al cibo, sul rispetto dei beni comuni, sulla giustizia sociale e ambientale. La nostra Terra, e noi con lei, non può più permettersi di rimandare”.

Tratto da:
cipsi.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa