Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Ambiente Brasile, in piazza per salvare l’Amazzonia

Terzo Millennio

Brasile, in piazza per salvare l’Amazzonia

di Stella Spinelli - 22 maggio 2012
Organizzazioni ecologiche hanno lanciato la campagna “Veta Dilma” per costringere il presidente della Repubblica, Dilma Rousseff, a porre il proprio veto – parziale o totale – al progetto di legge che spalancherà le porte allo sfruttamento scellerato dell’ambiente, in particolare dell’Amazzonia.


Circa duemila persone sono scese, dunque, in piazza a San Paolo, per sollecitare Rousseff a bloccare la Legge Forestale già approvata dal Congresso. A convocare la manifestazione, la Fondazione SOS Bosco Atlantico che ha inserito l’iniziativa di domenica all’interno della campagna nazionale “Veta Dilma” iniziata un mese fa, subito dopo che la riforma del codice forestale del 1965 passò alle camere.

A rigettare in toto la riforma sono le organizzazione ambientaliste che già prevedono lo spoglio del polmone verde mondiale e l’estensione delle coltivazioni agricole in aree finora protette e fondamentali per il delicato ecosistema. Insistentemente queste associazioni vanno denunciando come i cambiamenti proposti nella Legge forestale rappresentino una palese retromarcia da tutte le conquiste fatte per frenare la deforestazione e un annientamento di ogni sforzo perpetrato per combattere la corruzione nella regione amazzonica.

L’Istituto brasiliano di indagine economica applicata (Ipea) – contattato da Telesurtv – ha precisato che l’entrata in vigore di una legge simile porterà alla perdita di 76,5 ettari di selva, pari a 76 stati di calcio. E senza questa quantità di bosco, si libereranno 28mila tonnellate di diossido di carbonio, che impediranno al Brasile di portare a termine i suoi prefissati obiettivi nella corsa alla riduzione delle emissioni di Co2.

Il presidente Dilma Rousseff ha fino a venerdì prossimo per manifestare il suo veto parziale o totale al progetto di legge, che fra le altre cose sospende le multe e le sanzioni ai proprietari di terre che hanno deforestato illegalmente fino al 2008. È dunque evidente quali forze abbiano spinto l’avanzare di una simile riforma: il settore agroindustriale, che grazie alla sua amplia rappresentazione in Parlamento, ha appoggiato il progetto di legge sbandierando la necessità di ampliare la frontiera agricola per garantire la sicurezza alimentare dei brasiliani. Che importa se non potranno respirare più.

Tratto da: eilmensile.it

Afp/Getty Images

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa