Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Gli Stati Uniti hanno deciso: via quasi 12mila soldati dalla Germania

Terzo Millennio

Gli Stati Uniti hanno deciso: via quasi 12mila soldati dalla Germania

Schiaffo di Trump alla Merkel
di AMDuemila
La notizia non è di poco conto: gli Stati Uniti ritireranno dalla Germania e riporteranno a casa 6.400 soldati, mentre ricollocheranno gli altri 5.400 in altri Paesi europei, tra cui l'Italia e il Belgio. Una decisione che il presidente Donald Trump aveva annunciato da tempo con tanto di accuse del Presidente Usa contro Berlino, colpevole di non spendere abbastanza in difesa.
Dalle parole, però, si è passati ai fatti e a dare la notizia è stato il capo del Pentagono, Mark Esper.
Ancora non ci sono dettagli sull’operazione, che costerà miliardi di dollari e impiegherà parecchi anni per il suo svolgimento (tanto che in realtà un possibile nuovo presidente potrebbe disporre diversamente), ma nella strategia si starebbe prendendo in considerazione anche il riposizionamento delle sue truppe in Polonia e negli Stati baltici, se verrà raggiunto un accordo con questi Paesi, ha detto il ministro della Difesa americano durante una conferenza stampa a Washington.
Un rafforzamento di quei presidi che avrebbe chiari contorni anti-russi, in apparente contraddizione con l’attuale ritiro dalla Germania.
Nel frattempo, in patria, c'è chi critica la decisione a viso aperto come il generale Ben Hodges, ex comandante delle forze Usa in Europa. In un'intervista alla Deutsche Welle, la radio tedesca rivolta all’opinione pubblica internazionale, ha dichiarato che il Presidente Usa “danneggerà le relazioni diplomatiche degli Stati Uniti” e “intaccherà l’efficienza dell’Esercito statunitense”.
Di "grave errore" e di "schiaffo in faccia a un amico e a un alleato che dovremmo tenerci vicino nell’impegno comune di impedire l’aggressione russa e cinese" hanno parlato il senatore repubblicano Mitt Romney, da sempre contrario al magnate-presidente, e di vari esponenti politici tedeschi.
Secondo alcuni opinionisti la mossa rientrerebbe in un disegno politico-elettorale, per mantenere una delle promesse della campagna 2016 che prevedeva proprio la riduzione della presenza militare Usa all’estero.
Nel frattempo l'Europa cerca di stemperare gli animi anche se c'è chi come Norbert Roettgen, candidato alla presidenza della Cdu, giudica il ritiro delle truppe come un'azione che "indebolisce l’Alleanza Nato nei confronti della Russia e nei conflitti nel Medio Oriente". Al contempo la ministra della Difesa tedesca Annegret Kramp-Karrenbauer, già delfina della cancelliera Angela Merkel, vi vede “un’occasione” per accelerare la costruzione della difesa europea (“Vorrei che finalmente si procedesse in maniera più veloce verso la Sicurezza e la Difesa europea e che si usasse per questo il semestre tedesco di presidenza europea”).
Guardando all'Italia il "rafforzamento" del contingente Usa passerebbe dalla base aerea di Aviano, Treviso, e/o a Vicenza, con il dislocamento di due battaglioni dell’esercito e una squadriglia di caccia F-16.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa