Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Pablo Medina, la tua memoria è stata calpestata

Terzo Millennio

Pablo Medina, la tua memoria è stata calpestata

di Jean Georges Almendras e Giorgio Bongiovanni
"Il Senato, riunito in sessione virtuale, ha approvato la proposta di risoluzione che assegna il nome del giornalista Pablo Medina alla nuova sala delle conferenze stampa del Senato" è quanto riferito qualche giorno fa dai quotidiani di Asuncion, Paraguay. Una novità che oggi si rivela più una provocazione che un encomio parlamentare o un giusto riconoscimento nei confronti del giornalista Pablo Medina, nostro redattore, nostro amico e nostro martire. Una novità che sa di grande ipocrisia. Una notizia che ci induce ad esprimerci pubblicamente in termini di indignazione e di critica, perché la risoluzione è per noi un insulto alla memoria di Pablo Medina, alla sua famiglia, al giornalismo libero e a tutti coloro che sanno perfettamente che la sua morte, e quella della sua assistente Antonia Almada - il 16 ottobre del 2014, a Villa Igatimí - fu il risultato di un'azione mafiosa, orchestrata da un criminale chiamato Vilmar "Neneco" Acosta che ora si trova dietro le sbarre a scontare una lunga condanna.
Quali turpi pensieri hanno indotto il legislatore della Camera Alta, Blas Llano, (PLRA) cartista, a proporre questa iniziativa? Quale senso morale lo ha condotto a questa scelta quando il crimine fu commesso durante il governo del suo leader Horacio Cartes? Forse un tentativo di rimediare all’irrimediabile? Forse dimostrare alla società paraguaiana la sensibilità parlamentare di fronte ad un fatto criminale che ha scosso la famiglia giornalistica e gettato nel dolore le famiglie delle vittime? Cosa sta avvenendo? Si presentano con queste iniziative dopo sei anni? Con che sfacciataggine, il senatore Blas Llano, fa simili proposte, quando non ricordiamo che si sia mai impegnato nella ricerca degli assassini di Pablo Medina, nel difendere la libertà di stampa o quando si denuncia il suo leader Horacio Cartes la cui integrità morale di presidente ha lasciato molto a desiderare, perché in realtà è un mafioso?
Blas Llano è artefice di un parlamento che abbraccia l'ipocrisia, si culla su reti mafiose e si prende sfacciatamente gioco della memoria di Pablo Medina. Blas Llano ci offende. Blas Llano quando propone iniziative di questo tipo, offende la democrazia, in un tempo in cui il Parlamento non ha l’altezza morale per farle.
Naturalmente, l'iniziativa sarebbe stata accolta molto bene e apprezzata come un gesto di lode e di riconoscimento, se provenisse da un Parlamento caratterizzato da trasparenza, etica e onestà. Ma la realtà è un'altra, perché il Paraguay vive una narcocrazia. Perché è un paese in cui una ventina di giornalisti sono stati assassinati per aver denunciato le mafie e la corruzione della politica. Perché è un paese i cui governanti di turno, in tempi di democrazia, non fanno altro che gettarlo nell'abisso dell'estrattivismo, della corruzione mafiosa, delle appropriazionii illecite, della criminalità organizzata e delle cospirazioni mafiose per falciare vite umane, con l'unico scopo di mettere a tacere la verità. Perché è un paese il cui Parlamento si è lasciato assoggettare dai mafiosi e in cui sono veramente pochi i legislatori onesti.
L'iniziativa di portare il nome di Pablo Medina ai seggi più importanti di un Parlamento onorevole e non corrotto, sarebbe stato da noi interpretato come un gesto lodevole. Ma oggi, per noi è una beffa. È un attacco alla verità. È un'enorme farsa. Non potremo impedire che la proposta si concrettizzi, ma neanche la applaudiremo.
Oggi, a metà del 2020, il mandante dell’omicidio di Pablo Medina è in prigione; gli assassini sono in carcere in territorio brasiliano e attendono che la Giustizia decida sul loro destino, per il duplice omicidio commesso.
Quando i sicari hanno premuto i grilletti delle loro armi mettendo fine alla vita di Pablo e di Antonia nell'ottobre di sei anni fa, stavano rispondendo agli ordini dati da altre persone: soggetti appartenenti ad un sistema politico mafioso? Sicuramente, ma i loro nomi sono custoditi nei cassetti protetti a doppia mandata dall’omertá. Soggetti integrati in un sistema politico mafioso radicato in un Parlamento che osa nominare Pablo Medina, in un covo di ladri? Ci scusino i legislatori onesti, se ce ne sono.
Lunedì 29 giugno, alle 8 e mezzo del mattino è stata inaugurata la Sala Stampa del Congresso della Nazione Paraguaiana con il nome di Pablo Medina, con una cerimonia contrassegnata dall'ipocrisia. Non eravamo presenti perché siamo coerenti e perché, se per alcuni questo evento è un onore, per noi è una vergogna, un atto blasfemo. Per noi, la memoria di Pablo Medina è stata calpestata.
Se Blas Llano e i parlamentari che hanno approvato la sua proposta avessero appeso delle targhe con i nomi dei corrotti e dei mafiosi del Congresso della Nazione Paraguaiana, la memoria di Pablo Medina e di tutti i giornalisti assassinati dalla narco politica paraguaiana, dal primo dei caduti, come Santiago Leguizamón, sarebbe stata pienamente onorata.
E noi, saremmo stati presenti.

*La proposta è stata presentata dal titolare uscente della Camera Alta, Blas Llano (PLRA) che 2 giorni fa ha presieduto la sua ultima sessione prima di passare l’incarico al suo successore Óscar Salomón (Añetete).

ARTICOLI CORRELATI

A 5 anni dall'assassinio del giornalista Pablo Medina e di Antonia Almada

Pablo Medina, morte di un giusto

Ecco i nomi dei mandanti esterni dell'assassinio del nostro amico Pablo Medina

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa