Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Giornalista ucciso a colpi d’arma da fuoco in Paraguay. E' la 18° vittima della criminalità

Terzo Millennio

Giornalista ucciso a colpi d’arma da fuoco in Paraguay. E' la 18° vittima della criminalità

di Jean Georges Almendras
Lourenzo "Leo" Veras ucciso a Pedro Juan Caballero (Paraguay)

Aveva 62 anni, era cittadino brasiliano, lavorava in territorio paraguaiano ed era direttore del Portal Web Porä News, oltre che corrispondente per dei quotidiani brasiliani. L'attacco mortale è avvenuto attorno alle 21 di mercoledì 12 febbraio. Il collega stava cenando nel cortile interno della sua abitazione nel quartiere Jardín Aurora. Secondo le informazioni raccolte sulla scena, tre uomini sarebbero arrivati alla casa del giornalista a bordo di una jeep Cherokee introducendosi velocemente nella proprietà. Il collega si è reso conto della loro presenza e ha cercato di fuggire ma gli sconosciuti gli hanno sparato contro a bruciapelo per poi salire sul veicolo e fuggire con destinazione sconosciuta. Uno degli assalitori sarebbe rimasto ferito nel tentativo di fermare il giornalista rimanendo sulla linea di tiro dei sicari. Il ferito è stato portato via dai suoi complici. A cena con il giornalista c’erano sua moglie Cinthia González, suo suocero e suo figlio, che per fortuna non sono stati raggiunti dai proiettili e hanno prestato soccorso al ferito trasportandolo in un ospedale vicino, ma purtroppo è deceduto lungo il tragitto.
Dopo la dittatura stronista, in tempi di democrazia, il giornalismo paraguaiano è stato costantemente preso di mira dalla violenza criminale legata alla narco politica. Il primo giornalista assassinato fu Santiago Leguizamón e quando tutti pensavamo che dopo il suo attentato non ce ne sarebbero stati altri, purtroppo gli attacchi contro il giornalismo non si sono fermati. Ci sono state altre morti, come quella del nostro redattore Pablo Medina e della sua assistente Antonia Almada, fino a quello di ieri sera, arrivando ad un totale di 18 giornalisti uccisi.
Il crimine organizzato - sicuramente strettamente legato al potere politico ed economico - nelle sue diverse configurazioni, sceglie le proprie vittime ed agisce in modo di farle tacere.

veras lourenzo leo omicidio

In questo caso, sebbene non siano stati ancora definiti i moventi dell’attentato, non si scarta l'ipotesi che la tragedia sia strettamente legata alle denunce che il giornalista stava facendo dal suo sito web. Il collega, colpito da una dozzina di proiettili, nelle ultime settimane stava scrivendo su argomenti legati al crimine organizzato.
Collaboreranno alle indagini, per chiarire ogni aspetto dell’attentato, i pm Alicia Sapricia, (dell'Unità per il Crimine Organizzato), il pm ‘Anti-sequestri’ Federico Delfino ed il Pubblico Ministero per gli Affari Internazionali, Manuel Doldán. Il pool di investigatori è diretto dal pm Marco Amarilla, dal primo momento impegnato sulla scena del delitto.
Proprio lo stesso Amarilla, parlando con i giornalisti locali, avrebbe fatto intendere che Lourenzo "Leo" Veras aveva ricevuto minacce. Da parte sua, la moglie del giornalista, sebbene non abbia potuto confermare questa affermazione, ha dichiarato che ultimamente suo marito si era nervoso e teso.
Il giornalismo locale, i membri del Foro dei Giornalisti Uruguaiani (FOPEP) e del Sindacato di Giornalisti del Paraguay, SPP, hanno condannato il fatto sollecitando maggiore protezione per lo svolgimento del lavoro di informazione, affermando che "lo Stato è infettato dalla mafia e dalla narco politica”.
Dalla redazione di Antimafia Dos Mil, la nostra solidarietà alla famiglia del collega assassinato ed ovviamente il nostro ripudio per l'accaduto. Chiedendo con rabbia alle autorità impegnate nelle indagini che l'attentato non rimanga impunito e che il peso della Legge colpisca non solo chi ha premuto il grilletto, ma anche i mandanti del mortale attacco.
Mandanti che in genere rimangono protetti nell’ombra sotto l'ala del Potere di turno.

*Foto di Copertina: www.diarioabccolor.com
*Foto 2: www.diarioultimahora.comt

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa