Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Caso Caruana Galizia: governo nel caos, il presidente Muscat annuncia dimissioni dopo scelta del sostituto

Terzo Millennio

Caso Caruana Galizia: governo nel caos, il presidente Muscat annuncia dimissioni dopo scelta del sostituto

di Karim El Sadi
Nel pomeriggio il premier ha confessato di essere stato ricattato da Fenech in questi giorni

E’ dal 2017, subito dopo l’esplosione dell’autobomba che spezzò la vita alla giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, che la famiglia chiede a gran voce le dimissioni del premier Joseph Muscat, il cui governo laburista è in parte ritenuto complice dell’efferato omicidio che ha scosso l’isola intera e in generale tutta l’Europa. Troppi silenzi, ostacoli e magagne (indimenticabili i tentativi dell’amministrazione Muscat di rimuovere le dediche sulla stele dedicata alla blogger) si sono frapposti tra il delitto e la ricerca della verità. Ma ora che finalmente le indagini hanno subito una svolta decisiva e gli occhi della stampa mondiale sono puntati sull’isolotto del Mediterraneo, anche la poltrona del primo ministro Muscat, dopo quelle di tre dei suoi membri di governo, sta per saltare. Lo riporta in questi minuti il quotidiano The Times of Malta che in prima pagina scrive “Muscat espected to step down”. Secondo il giornale il presidente Muscat ha annunciato che si dimetterà non appena verrà eletto un nuovo leader laburista nelle prossime settimane. Questa mattina Muscat ha incontrato il presidente di Malta George Vella e gli ha comunicato la sua intenzione di lasciare l’incarico. Il sospetto c’era già da ieri sera, durante una riunione urgente del Consiglio dei ministri, dove in 14 su 22 tra ministri e sottosegretari del governo laburista ha chiesto a Muscat di lasciare la guida del Paese.

Il governo vacilla
Le dimissioni non sono altro che la diretta conseguenza di una crisi politica accesa e divampata con le rivelazioni di due soggetti finiti in manette pienamente coinvolti nell’omicidio della giornalista: il tassista-usuraio Melvin Theuma e il magnate Yorgen Fenech. Quest’ultimo in particolare, additato da Theuma come la mente del delitto, ha tirato in ballo alcuni ormai ex membri del governo tra cui il capo di gabinetto Keith Schembri, il ministro del Turismo Konrad Mitzi e il capo dello staff del primo ministro Chris Cardona. Minacciando di rivelare quanto a sua conoscenza su di loro. Mitzi e Schembri infatti erano finiti nelle inchieste di Daphne relative, in particolare, alla società offshore con sede a Dubai “17 Black”, la stessa di cui è titolare Fenech. La mole di informazioni in possesso di quest’ultimo gli hanno consentito di tenere per il collo tutto il governo: Fenech aveva chiesto a Muscat la grazia in cambio di ulteriori dettagli utili ai fini dell’indagine sul caso. Muscat ha scelto la via del silenzio non esponendosi, e ha lasciato al capo della polizia e del procuratore generale la delicata decisione, i quali hanno respinto per due volte la richiesta. Inoltre il premier poco fa ha confessato di essere stato ricattato da Fenech (rilasciato su cauzione stamani per l’ennesima volta). Secondo una nota diffusa da ambienti governativi Muscat ha denunciato alla polizia di aver ricevuto un messaggio in cui si diceva che, se non si fosse espresso a favore della grazia presidenziale per Fenech, l'imprenditore milionario avrebbe testimoniato "di aver avuto due telefonate con lui mesi addietro", telefonate che Muscat ha assicurato non ci sono mai state. "E questo può essere facilmente verificato” aggiunge la nota.
Mitzi e Schembri in settimana hanno rassegnato le dimissioni a seguito del ciclone delle indagini e quest’ultimo è stato addirittura arrestato dalla polizia martedì notte salvo poi essere rilasciato questa mattina scatenando maggiormente l’ira dei maltesi che in questi giorni si sono piazzati in massa davanti al Parlamento. "Muscat ha ordinato alla polizia di rilasciare Schembri, il suo migliore amico", ha scritto su Facebook Matthew Caruana Galizia, figlio della giornalista assassinata il 16 ottobre 2017. "Yorgen Fenech ha confessato l'omicidio - ha affermato ancora Matthew su Twitter - egli ha lo stesso medico di Schembri, e questo medico ha confessato che inoltrava messaggi da Schembri a Fenech mentre quest'ultimo era in carcere. Nonostante questi indizi criminali, la polizia ha appena rilasciato Schembri”.

Situazione fuori controllo
Nel frattempo a Malta trascorrono ore concitate, i colpi di scena si susseguono uno dopo l’altro e sia il governo che tantomeno le istituzioni sembrano avere la situazione sotto controllo. Ieri sera, ad esempio, i giornalisti italiani Paolo Borrometi e Sandro Ruotolo insieme ad una quarantina di colleghi internazionali sono stati “letteralmente sequestrati dopo la conferenza stampa del Premier Joseph Muscat. - come ha riportato su Facebook il vice direttore dell’agenzia Agi Borrometi - Un fatto di una gravità assoluta, come testimoniano le immagini. Sono stati dieci minuti incredibili, sequestrati e bloccati senza una motivazione, fra le urla delle colleghe maltesi che avevano riconosciuto chi ci bloccava. Inizialmente pensavamo a poliziotti in borghese o uomini del secret service, apprendiamo invece che fossero picchiatori e criminali, pluripregiudicati, a quanto pare sostenitori del primo ministro maltese”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Caruana Galizia: crolla il ''castello di carte'', arrestato il ministro Keith Schembri

Caso Caruana Galizia: si spacca il governo maltese, il ministro Bartolo chiede le dimissioni dei colleghi Schembri e Mizzi

Omicidio Caruana Galizia: arrestato il mandante Yorgen Fenech

Omicidio #DaphneCaruanaGalizia

Omicidio Caruana Galizia: preso sospetto "intermediario'' dei mandanti. Parla solo se garantita la grazia, Muscat accetta

Daphne Caruana Galizia, a due anni di distanza ancora ignoti i mandanti

''Mia madre, fatta saltare in aria per le sue inchieste'': la morte di Daphne Caruana Galizia

Daphne Caruana, la giornalista che ha sacrificato la vita sull'altare della verità

Nasce ''The Daphne Project''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa