Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Amazzonia: ucciso un altro indios ''Guardiano della foresta''

Terzo Millennio

Amazzonia: ucciso un altro indios ''Guardiano della foresta''

di AMDuemila
Greenpeace: “L’ultima vittima dell'incapacità dello Stato brasiliano di adempiere al suo dovere costituzionale di proteggere le terre indigene”

La mattanza degli indigeni dell’Amazzonia non ha fine. Un altro capo indios, Paulo Paulino, di etnia Guajajara, è rimasto ucciso oggi nella selva Amazzonica inun agguato dei taglialegna all'interno del territorio indigeno di Arariboia. Lo riferisce in un tweet Greenpeace Brasile in cui esprime rammarico per la tragedia. "Paulino Guajajara - si legge in un nota - è l'ultima vittima dell'incapacità dello Stato brasiliano di adempiere al suo dovere costituzionale di proteggere le terre indigene". Secondo informazioni ottenute dall’ONG nell'agguato sarebbe morto anche un taglialegna. Paulino era un 'Guardiano della foresta', uno degli indigeni incaricati dalle comunità amazzoniche di difendere l'habitat naturale. "Di fronte all'incapacità dello Stato di proteggere i territori indigeni - afferma l'associazione ambientalista - i 'Guardiani della foresta' hanno assunto questo ruolo per se stessi e tutti i rischi ad esso associati. Invase da accaparratori di terra e taglialegna, le terre indigene di Maranhao sono state teatro di una lotta asimmetrica, in cui piccoli gruppi di Guardiani scelgono di difendere, spesso con le loro vite, l'integrita' dei loro territori. Paulino e Laercio - conclude la nota - sono le ultime vittime di uno stato che rifiuta di conformarsi alla Costituzione federale".

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa