Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Omicidio Daphne Caruana Galizia, procura di Malta chiede tre ergastoli

Terzo Millennio

Omicidio Daphne Caruana Galizia, procura di Malta chiede tre ergastoli

di AMDuemila
Si tratta di George De Giorgio, Alfred De Giorgio e Vincent Muscat

Andranno a processo i tre presunti autori dell'uccisione della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia. La Procura generale di Malta ha formalizzato le accuse e chiesto condanne all'ergastolo per i fratelli George (55 anni) e Alfred (53) De Giorgio e Vincent Muscat (55), tutti pregiudicati. La loro individuazione avvenne grazie alle indagini condotte con la collaborazione internazionale di Fbi, Europol e diverse forze di polizia europee, da Scotland Yard a quella italiana, compresi specialisti finlandesi che contribuirono - tra l'altro - al recupero in mare dei telefonini usati per l'attentato. I tre finirono in manette a dicembre del 2017 e da allora il loro arresto è stato sempre confermato. Le accuse a loro carico sono sei: oltre all'omicidio volontario, per il quale gli inquirenti hanno chiesto il carcere a vita "con almeno 12 periodi di isolamento". Secondo il quotidiano Malta Today sono stati rinviati a giudizio per associazione a delinquere, "promozione e organizzazione" dell'omicidio, partecipazione attiva all'esecuzione dell'omicidio, oltre al possesso illegale di esplosivi e al loro utilizzo per uccidere (reato anch'esso punibile con il carcere a vita). "George De Giorgio, Alfred De Giorgio e Vincent Muscat si sono associati tra loro, così come con terze parti che sono ancora sconosciute, allo scopo di uccidere Daphne Caruana Galizia" hanno affermato gli inquirenti. "Gli accusati hanno anche concordato i ruoli che ognuno di loro avrebbe avuto: uno avrebbe sorvegliato l'area (attorno alla casa della giornalista, ndr) nei giorni precedenti il crimine, un altro l'avrebbe sorvegliata nel giorno del crimine, il terzo avrebbe fatto detonare la bomba". Nel frattempo il governo maltese, in diversi frangenti contestato e considerato complice dalla famiglia, ha espresso soddisfazione con una nota in cui sottolinea: "Questa è un'ulteriore prova della dedizione e del buon funzionamento delle istituzioni".

Dossier: Omicidio #DaphneCaruanaGalizia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa