Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Raúl Blázquez: ''La 'ndrangheta opera in Argentina''

Terzo Millennio

Raúl Blázquez: ''La 'ndrangheta opera in Argentina''

di Jean Georges Almendras - Video
La ministra Patricia Bullrich prende le distanze dalla realta, negandola categoricamente

Studioso del fenomeno mafioso e collaboratore di Antimafia Dos Mil, l'avvocato argentino (originario di Cordoba) Raúl Blázquez, è stato più volte intervistato dai mezzi di comunicazione argentini. Intervistato a fine marzo dal giornalista Alejandro Maidana per il suo programma televisivo "Conclusión", è stato categorico nell’affermare che "in territorio argentino sta operando l'organizzazione criminale mafiosa ‘Ndrangheta" aggiungendo inoltre che si sta investigando sul "possibile coinvolgimento della famiglia Macri con questa organizzazione”.
Durante l’intervista, durata oltre trenta minuti, Blázquez è stato interpellato sulla molteplicità degli aspetti del fenomeno mafioso, ed in questo contesto l'esperto giurista è stato molto esplicito nelle sue risposte. Ha fornito al collega Maidana una serie di informazioni sulla conformazione e l'origine della Criminalità Organizzata, distinguendo molto bene le caratteristiche strutturali delle mafie, dei gruppi criminali locali o di altre regioni che non raggiungono i livelli di struttura, di ideologia e di legami delle mafie che da oltre un secolo operano in diverse regioni dello stivale italiano, citando Cosa Nostra, in Sicilia, come la più antica, insieme ad altre di uguale importanza e struttura come la Camorra, a Napoli, la Sacra Corona Unita, in Puglia, e la ‘Ndrangheta, in Calabria. Tutte loro, sebbene si presentano come diversi elementi indipendenti, costituiscono una sola mafia, una sola criminalità organizzata.
Riguardo la presenza dell'organizzazione mafiosa 'Ndrangheta in Argentina non possiamo non riesumare, da un alquanto recente passato, alcune affermazioni della Ministra di Sicurezza del Governo Macri, Patricia Bullrich. Precisamente quando il sottoscritto chiese a lei personalmente (in occasione del Seminario Antimafia Italo-argentino che si è svolto in una sede del Congresso Nazionale, in Via Rivadavia, a Buenos Aires, a fine marzo), non solo sulla presenza di elementi di quell'organizzazione in Argentina, ma anche sul fatto che, secondo le nostre solide fonti giudiziali della Magistratura italiana, già da alcuni anni stanno entrando nel paese tonnellate di cocaina, in transito per l'Europa, ovviamente con il "nullaosta" di elementi fidati del governo e dei servizi di sicurezza, di fatto corrotti con ingenti somme di denaro, risultato di patti o di accordi tra narcos argentini e componenti della 'Ndrangheta.
La risposta della Ministra Bullrich non si è fatta attendere: ha negato tutto, senza alcuna esitazione. Ed ancora con tono "rassicurante" ha detto che si sarebbe lavorato seriamente per evitare che questo possa succedere.
Ma è un fatto che sta già avvenendo.
In concreto, ed a proposito di queste recenti affermazioni del Ministro di Stato Bullrich, la testimonianza di Blázquez giunge opportuna per il lettore al quale suggeriamo di vedere attentamente il video qui allegato.
Molte domande troveranno risposte. Risposte che mettono in rilievo l'importanza di un'educazione alla legalità, a livello cittadino; e la necessità di creare consapevolezza che il fenomeno mafioso non si limita unicamente al mito cinematografico di "Il Padrino" o al telefilm "I Soprano", ma va molto oltre.
"Nel particolare non mi sorprende che in tre anni e mezzo di governo di ‘Cambiemos’ non sia stato arrestato nessun capo mafia. La mafia è un'enorme struttura di potere che include servizi di intelligence, giudici, magistrati, tra cui, ad esempio i Bonadio e gli Stornelli. Io ho il mio cellulare e non ho alcun problema se vogliono controllarlo, ma non ho dubbi che se il magistrato Stornelli consegnasse il suo avremmo elezioni anticipate" ha detto l'avvocato Blázquez, durante l’intervista.
Si sta indagando sulla verità del "vincolo tra Vincenzo Macri (fermato a San Pablo con un carico di cocaina e limoni), ed un caso di narcotraffico. Su un possibile collegamento della famiglia Macri con la 'Ndrangheta. Questa verità non tarderà a venire fuori".
Dopo questa premessa, non ci resta che guardare attentamente l'intervista: un dovere, per meglio dire. Vederla, per comprendere quello che sta succedendo, forse vicino, molto vicino, e davanti al nostro naso.
Più che una raccomandazione, è un'esortazione, a voi lettori che sapete perfettamente quello che pensiamo riguardo alla mafia, e di quanto essa sia dannosa per la democrazia e per l'economia mondiale.

Fonte: conclusion.com.ar

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa