Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Giulio Regeni, storia di un omicidio

Terzo Millennio

Giulio Regeni, storia di un omicidio

 8 SETTEMBRE 2015 
Giulio arriva al Cairo. La sua tutor a Cambridge, la professoressa Maha Abdelrhamann lo indirizza all’università americana del Cairo. E lo affida alla ricercatrice Rabab El Mahdi.

Giulio Regeni è un ricercatore dell'Università di Cambridge. Studia Scienze sociali. Gli viene proposta una tesi di dottorato sul ruolo dei sindacati in Egitto. Accetta. E torna per qualche mese dunque al Cairo, dove era già stato sempre per motivi di studio in precedenza. Cambridge lo affida a una docente dell'università americana del Cairo.

Approfondisci

regeni american university in cairo





  FINE NOVEMBRE  

Rabab lo mette in contatto con Hoda Kamel, responsabile dell’Egyptian center for economic and social rights

Approfondisci





  FINE NOVEMBRE  

Hoda Kamel presenta Giulio a Mohammed Abdallah, leader del sindacato degli ambulanti spiegandogli che potrà essere utile alla sua ricerca partecipata.




  INIZIO DICEMBRE  

Giulio ha i primi contatti con Mohammed Abdallah. Parte l'inchiesta segreta della National security, il servizio segreto civile egiziano. Abdallah denuncia come sospetta spia Giulio ad Aser Kamal Mohamed, capo dipartimento investigazioni municipali del Cairo.

Giulio Regeni incontra per la prima volta il sindacalista Mohamed Abdallah (in foto). Ex giornalista, è il responsabile di circa tremila venditori ambulanti tra il mercato di Ramses e il centro. Regeni non sa che Abdallah lavora anche come informatore della Polizia. E infatti non appena conosce Giulio, Abdallah decide di mettersi in contatto con gli apparati della sicurezza egiziana, nella convinzione di poter ottenere qualcosa per sè 'vendendo' Giulio.

abdallah mohamed




  INIZIO DICEMBRE  

Aser Kamal affida Abdallah agli uffici della National Security di Nasr City. Il sindacalista viene gestito dal generale Tarek Ali Saber, dal colonnello Husan Eldin Helmi Mohamed e dal maggiore della Sicurezza Nazionale Sherif Magdi Ibrahim Abdel Aal

Approfondisci




  11 DICEMBRE  

Giulio partecipa a un incontro sindacale durante il quale si accorge di essere stato fotografato da una giovane donna.

E' il primo episodio che mette in allarme Giulio. Viene fotografato da una sconosciuta a un incontro pubblico, a cui partecipa con un suo amico italiano per motivi di studio (tanto che poi scriverà alcuni report sulla questione, pubblicati anche dal quotidiano 'Il Manifesto'). La vicenda lo inquieta ma lo rassicura comunque l'idea che di lì a pochi giorni rientrerà in Italia per le vacanze di Natale.




  19 DICEMBRE  

Giulio e Abdallah si incontrano al mercato Ramses il 19 dicembre. La National Security continua la sua inchiesta

Giulio si fida di Abdallah. Al punto da prospettargli la possibilità di partecipare a un bando internazionale di ricerca che avrebbe garantito, qualora avessero vinto, un finanziamento da 10mila sterline per il sindacato da utilizzare per lo studio e lo sviuppo dei sindacati.

Approfondisci




  FINE NOVEMBRE  

Approfittando dell'assenza di Giulio, in Italia per le vacanze, l'Nsa convince il coinquilino Mohamed Khaled Atwa Al Sayed, un giovane avvocato, a perquisire la casa di Dokki. Di lì a pochi giorni l'indagine viene chiusa. Un documento della National Security libera Giulio da ogni sospetto: Giulio, scrivono, è legittimamente in Egitto e non sta svolgendo alcuna attività politica contro il regime.

Il documento che apparentemente chiude l'indagine su Giulio ne riconosce lo status di studioso legittimamente residente in Egitto e, dopo la sua morte, sarà trasmesso alla magistratura e al ministero dell'Interno egiziani che indagano sulla sua morte.

Approfondisci

regeni ingresso special puntata7




  6-7 GENNAIO  

Viene organizzata con l'Nsa la video registrazione dell'incontro nel mercato di Ramses

Nonostante l'inchiesta dell'Nsa fosse stata formalmente chiusa, Abdallah registra un suo incontro con Regeni con telecamere e cimici fornite dalla National security. In quell'occasione provoca Regeni: chiede di poter utilizzare a fini personali i fondi del bando di ricerca che gli aveva prospettato Giulio; chiede a Giulio se vuole organizzare manifestazioni contro il Regime il 25 gennaio, in occasione dell'anniversario della rivoluzione di piazza Tahrir. Giulio lascia cadere entrambe le provocazioni.






  25 GENNAIO  

Il 25 gennaio il colonnello della National security Husan Eldin Helmi Mohamed chiama il colonnello Muntaser Abdelrhaim di Dokki. 'Una telefonata di normale routine' spiegherà poi. Le celle telefoniche documentano che al momento della risposta si trovava nella zona di Doqqi, alla fermata di Al Buhuth.

Il 25 gennaio uomini della National security che avevano condotto l'inchiesta su Giulio hanno ripetuti contatti telefonici. Uno di loro, significativamente, parla dalla stazione della metropolitana dove, qualche ore dopo, Giulio scomparirà. Secondo Abdallah, l'Nsa, anche dopo la chiusura della sua indagine, gli aveva manifestato l'intenzione di continuare a tenere sotto sorveglianza il ragazzo.

Approfondisci




  25 GENNAIO 2016  

Giulio scompare all'interno della fermata della metropolitana di Al Buhuth. La sua ultima traccia è documentata dall'aggancio del suo cellulare alla rete wi fi del metro.

Alle 19:30 Regeni ascolta la canzone dei Coldplay “A Rush of Blood to the Head” — e manda un messaggio alla sua fidanzata. “Sto uscendo,” scrisse alle 19:41. La stazione della metropolitana dista solo pochi passi. Ma alle 20:18 Regeni ancora non era arrivato. Il suo amico italiano cominciò a tentare di raggiungerlo — all’inizio con dei messaggi sul cellulare, poi con chiamate frenetiche. Dalle 19:50 in poi il cellulare di Giulio Regeni tacerà per sempre

Approfondisci

regeni strada puntata 10


Tratto da:
lab.gedidigital.it/repubblica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa