Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Estero ''Pochi minuti dopo ho sentito l'esplosione'', Matthew Caruana Galizia testimonia in tribunale

Terzo Millennio

''Pochi minuti dopo ho sentito l'esplosione'', Matthew Caruana Galizia testimonia in tribunale

caruana galizia matthew int guardiandi Edwina Brincat
Il figlio ricorda gli eventi mentre la raccolta di prove contro gli accusati continua

Il figlio di Galizia, Matthew, ha ricordato il fatidico giorno di ottobre in cui sua madre è stata uccisa durante la sua testimonianza in tribunale lo scorso mercoledì.
"Mi sono alzato intorno alle 9 del mattino. Mia madre ha preparato il caffè. Eravamo seduti alla stessa scrivania. La mamma ha ricevuto una telefonata verso le due del pomeriggio da HSBC per un appuntamento in merito ai suoi conti bancari e l'ordine di pignoramento. Ha lasciato la casa, ma è tornata per prendere il suo libretto degli assegni".
Caruana Galizia ha testimoniato nel procedimento relativo alla raccolta di prove contro i tre uomini che sono stati arrestati per il loro presunto coinvolgimento nella preparazione dell'autobomba che ha ucciso sua madre il 16 ottobre 2017. I tre uomini sono stati accusati dell'omicidio esattamente un anno fa.
Ricordando quel giorno, ha detto di aver sentito sua madre avviare la macchina.
"Mentre ascoltavo la musica ho sentito la macchina partire. Solo pochi minuti dopo ho sentito l'esplosione”.
"È molto tranquillo dove viviamo, quindi si sente quasi tutto. Mia madre guidava molto velocemente".
Caruana Galizia ha detto che è saltato fuori da dove si trovava dopo aver sentito l'esplosione ed è corso verso il cancello.
"Ho visto il fumo che si alzava in lontananza e a quel punto sono sceso dal vialetto verso la strada principale".
Caruana Galizia ha dichiarato inoltre che quando è arrivato sulla strada principale ha visto una torre di fumo alzarsi in lontananza.
"Gran parte della strada era in fiamme e io ero confuso. Pezzi di plastica, vetro e carne. Ho seguito il fumo con l'occhio e lì ho visto il campo con la macchina dentro".
Ha spiegato che stava ancora cercando di capire se fosse l'auto di sua madre quando ha visto il numero di targa e ha capito che era proprio l'auto che stava guidando.
"Ho provato a mettere le mani dentro la macchina ma non ci sono riuscito. Non c'era nessuno in macchina, è stata fatta a pezzi. Ho visto una donna con una bambina nelle vicinanze e ho detto di chiamare la polizia".
"Ho notato la gamba di mia madre a terra sul campo. In quel momento ho capito che non era sopravvissuta".
"L'auto non era stata spostata dal giorno prima quando l'avevo parcheggiata lì", ha detto.
"Eravamo solo io e mia madre a usare la macchina, forse una o due volte mio padre".
Rispondendo a una domanda dell'avvocato Martin Fenech, il testimone ha dichiarato: "Nessuno mi ha minacciato direttamente; purtroppo mia madre non è qui, era lei la persona a cui fare questa domanda".
"Non pensa che avrebbe dovuto parcheggiare l’auto dentro?", ha chiesto l'avvocato.
Caruana Galizia ha risposto: "Di solito parcheggiavo la macchina, la chiudevo e aprivo il cancello con un portachiavi diverso".
Parlando del pc portatile scomparso della giornalista uccisa, Caruana Galizia ha detto che tutto ciò che sapeva era che era stato consegnato alla polizia federale tedesca da un componente della famiglia.
Il procedimento proseguirà a gennaio.

Tratto da: Times of Malta

ARTICOLI CORRELATI


#Daphne e l'isola assassina: ma i mandanti restano impuniti

Giustizia e verità per Daphne

I figli di Daphne: ''Lottava da sola mamma, è stata ammazzata prima dal fango che dal tritolo''

Daphne Caruana Galizia: vogliamo i nomi dei mandanti

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa