Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi La lista grigia dei paradisi fiscali

Terzo Millennio

La lista grigia dei paradisi fiscali

paradisi fiscali 610di Rocco Artifoni
La prossima settimana l’Unione Europea dovrebbe pubblicare ufficialmente una lista nera dei paradisi fiscali. Si tratta sicuramente di un passo positivo, che va nella direzione della trasparenza fiscale, ma ancora prima della pubblicazione sono emerse alcune preoccupazioni.
Negli ultimi mesi l’UE ha analizzato 92 paesi e giurisdizioni extraeuropee sulla base di una serie di criteri per individuare i regimi fiscali che favoriscono il trasferimento di profitti su larga scala, ma questi stessi criteri sembra che non siano stati applicati agli Stati membri, con il risultato che alcuni tra i principali paradisi fiscali non compariranno nell’elenco.
Per Oxfam, la confederazione internazionale di organizzazioni non profit che si dedicano alla riduzione della povertà globale attraverso aiuti umanitari e progetti di sviluppo, la lista potrebbe rivelarsi ancora “più debole a causa delle forti pressioni politiche interne ed esterne, che l’Unione ha lasciato prevalere”.
Per essere efficace e credibile, la blacklist dei paradisi fiscali dell’Unione Europea “dovrebbe includere almeno 35 paesi extra Ue, oltre che 4 Stati membri”. Infatti, utilizzando gli stessi criteri per analizzare i 28 paesi Ue, Oxfam è arrivata alla conclusione che anche “Irlanda, Lussemburgo, Paesi Bassi e Malta “possono essere considerati paradisi fiscali e di conseguenza dovrebbero essere inclusi nella lista”.
Secondo Oxfam il processo ufficiale di compilazione della lista sta avvenendo nella più totale segretezza, lasciando i cittadini all’oscuro di tutto e permettendo ai Paesi fiscalmente poco trasparenti di sfruttare il proprio potere d’influenza politica ed economica.
Il report dell’organizzazione no profit è intitolato “La lista nera sfumata di grigio”, poiché c’è il rischio di ritrovarsi con un documento insufficiente ai fini della risoluzione di un problema così grave. Pertanto, Oxfam ha deciso di rivolgere all’Unione Europea tre raccomandazioni:

1) Potenziare i propri criteri di blacklisting, includendovi tutte le pratiche fiscali dannose ed estendere l’analisi anche ai propri Stati membri.
2) Anteporre gli interessi dei cittadini a quelli dei paradisi fiscali e delle grandi corporation, per avviare un processo virtuoso di correzione del sempre più insostenibile divario tra ricchi e poveri del nostro tempo.
3) Stabilire sanzioni rapide, efficaci e concrete per quei paradisi fiscali iscritti nella lista nera.

In effetti, la pubblicazione della lista è un’occasione imperdibile per cercare di neutralizzare l’impatto nocivo dei paradisi fiscali nei propri europei e soprattutto in quelli in via di sviluppo.
“Se l’UE vuole davvero porre fine a scandali fiscali come ‘Paradise Papers’, ‘Panama Papers’, e ‘Luxleaks’ il primo passo non può che essere quello di produrre una lista nera robusta, oggettiva e coerente”, dichiara Aurore Chardonnet, policy advisor di Oxfam sui dossier di giustizia fiscale.
A breve si potrà verificare qual è la strada scelta dall’Unione Europea.

Tratto da: liberainformazione.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa