Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Omicidio Medina: Corte di Giustizia nei luoghi dell'attentato

Terzo Millennio

Omicidio Medina: Corte di Giustizia nei luoghi dell'attentato

nel luogo c admpdi Jean Georges Almendras
I membri della Corte di Giustizia paraguayana si sono recate nel luogo dove tre anni fa, esattamente il 16 ottobre 2014, furono uccisi il giornalista Pablo Medina e la sua assistente Antonia Almada, per una ricostruzione dei fatti nell’ambito del processo contro l’ex sindaco Vilmar “Neneco” Acosta, ritenuto mandante del duplice omicidio.
Lunedì 20 novembre, autorità giudiziarie, pubblici ministeri e periti della polizia scientifica, alla presenza del Giudice Sandra Quiñónez, hanno fatto un sopralluogo da diverse angolature, ricostruendo graficamente la scena del delitto al fine di acquisire ancora più prove nel processo in corso. L’accusato, Vilmar Acosta, ha scelto di non recarsi personalmente sulla scena dell’omicidio dove invece era presente anche la famiglia Medina.
È stata utilizzato lo stesso veicolo che guidava Pablo Medina quel 16 ottobre del 2014. I rilevamenti sono avvenuti con un imponente dispositivo di sicurezza e con numerosi agenti armati.
Gli avvocati dell'accusato Vilmar Acosta hanno spiegato che il loro assistito ha deciso di non presenziare perché fin da subito si era  opposto alla ricostruzione dei fatti sul luogo dell'agguato. Il Giudice Quiñónez ha fatto sapere che i testimoni hanno indicato ai giudici il punto da dove si sono visti uscire i sicari e come sono stati trovati i corpi di Pablo Medina e della giovane Almada.  
Secondo i corrispondenti di ABC Color, i giudici hanno ispezionato i punti strategici dove si erano nascosti i sicari due ore prima che passasse il giornalista, come anche una strada di circa 300 metri, dove c'è peraltro un incrocio che divide le strade verso Ypejhú e Crescencio González. È stato dimostrato che i sicari presero la prima strada per fuggire dalla zona, dopo aver commesso il doppio assassinio.  
Elbio Rojas, perito criminologo, secondo i corrispondenti di ABC Color, ha apportato preziosi dati sull’agguato, come ad esempio il punto esatto dove si trovava il camioncino e le impronte della frenata brusca del veicolo e delle motociclette utilizzate dai sicari.
Il pubblico ministero Vicente Rodríguez ha detto ai giornalisti presenti, tra cui gli inviati di Antimafia Dos Mil Jorge Figueredo e Félix Vera, che questo procedimento giudiziario è stato decisivo "perché è stato possibile verificare con esattezza l'itinerario degli autori dell'omicidio subito dopo aver commesso il fatto. Anche il Tribunale ha constatato che i sicari hanno intrapreso la strada più breve per fuggire verso la zona di Ypejhú, dove si sarebbero incontrati con Vilmar Acosta per 'festeggiare' il lavoro”.

Foto di Copertina: Antimafia Dos Mil - Paraguay

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia