Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Crisi Lettera del Papa ai vescovi, 'tolleranza zero' sulla pedofilia

Terzo Millennio

Lettera del Papa ai vescovi, 'tolleranza zero' sulla pedofilia

papa bambini manila c ansa osservatoreromanodi Salvatore Izzo
Città del Vaticano. Papa Francesco detta la sua linea contro la pedofilia: tolleranza zero. In una lettera indirizzata a tutti i vescovi del mondo in occasione della festa dei Santi Innocenti, riportata integralmente dall'Osservatore Romano, si legge: "Troviamo il coraggio necessario per promuovere tutti i mezzi necessari e proteggere in tutto la vita dei nostri bambini perché tali crimini non si ripetano più. Facciamo nostra chiaramente e lealmente la consegna 'tolleranza zero' in questo ambito". Papa Francesco nella lettera è esplicito: "Voglio che rinnoviamo tutto il nostro impegno affinché queste atrocità non accadano più tra di noi ".

"La nostra madre Chiesa piange non solo davanti al dolore procurato nei suoi figli più piccoli, ma anche perché conosce il peccato di alcuni dei suoi membri: la sofferenza, la storia e il dolore dei minori che furono abusati sessualmente da sacerdoti", scrive Papa Francesco ai i vescovi del mondo. "La Chiesa - insiste il Pontefice - piange con amarezza questo peccato dei suoi figli e chiede perdono". Questo peccato, afferma Francesco, "ci fa vergognare: persone che avevano la responsabilità della cura di questi bambini hanno distrutto la loro dignita'". "Deploriamo questo profondamente e chiediamo - esorta il Papa - perdono. Ci uniamo al dolore delle vittime e a nostra volta piangiamo il peccato: il peccato per quanto è successo, il peccato di omissione di assistenza, il peccato di nascondere e negare, il peccato di abuso di potere".

Nella lettera Francesco evoca "il gemito di dolore delle madri che piangono la morte dei loro figli innocenti di fronte alla tirannia e alla sfrenata sete di potere di Erode". "Un gemito - spiega - che anche oggi possiamo continuare ad ascoltare, che ci tocca l'anima e che non possiamo e non vogliamo ignorare né far tacere". "Oggi tra la nostra gente, purtroppo, e lo scrivo con profondo dolore, si può ascoltare ancora il lamento e il pianto di tante madri, di tante famiglie, per la morte dei loro figli, dei loro figli innocenti", aggiunge il Papa sottolineando che "contemplare il presepe è anche contemplare questo pianto, è anche imparare ad ascoltare ciò che accade intorno e avere un cuore sensibile e aperto al dolore del prossimo, specialmente quando si tratta di bambini, ed è anche essere capaci di riconoscere che ancora oggi si sta scrivendo questo triste capitolo della storia". Secondo il Papa, "contemplare il presepio isolandolo dalla vita che lo circonda, sarebbe fare della Natività una bella favola. E' possibile - si domanda Bergoglio - vivere la gioia cristiana voltando le spalle a queste realtà? E' possibile realizzare la gioia cristiana ignorando il gemito del fratello, dei bambini?".

Il Papa si sofferma nel testo sulla figura di San Giuseppe, "il primo chiamato a custodire la gioia della Salvezza". "Davanti ai crimini atroci che stavano accadendo, san Giuseppe - ricorda - è esempio dell'uomo obbediente e fedele: fu capace di ascoltare la voce di Dio e la missione che il Padre gli affidava. E poiché seppe ascoltare la voce di Dio e si lasciò guidare dalla sua volontà, divenne più sensibile a ciò che lo circondava e seppe leggere gli avvenimenti con realismo". "Oggi anche a noi, pastori, viene chiesto - conclude il Papa di essere uomini capaci di ascoltare e non essere sordi alla voce del Padre, e cosi' poter essere più sensibili alla realtà che ci circonda. Oggi, tenendo come modello san Giuseppe, siamo invitati a non lasciare che ci rubino la gioia. Siamo invitati a difenderla dagli Erode dei nostri giorni. E come san Giuseppe, abbiamo bisogno di coraggio per accettare questa realtà, per alzarci e prenderla tra le mani".

Tratto da: agi.it

In foto: il Papa con i bambini di Manila © ANSA/ OSSERVATORE ROMANO

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca