Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre L'allarme di Hans Kristensen: ''Presto in Italia 40 nuove testate atomiche Usa''

Terzo Millennio

L'allarme di Hans Kristensen: ''Presto in Italia 40 nuove testate atomiche Usa''

di AMDuemila
L’esperto ieri intervistato da Il Fatto Quotidiano

In Europa, attualmente, ci sono 150, forse 100, ordigni nucleari stoccati dagli Stati Uniti d'America e il nostro Paese, l’Italia, è quello che ha il più alto numero di bombe presenti considerato che qui sono dislocate le due basi nucleari di Aviano e Ghedi che avrebbero 20 armi nucleare a testa. A stimarlo è una ricerca dello scorso novembre pubblicata da Hans Kristensen, autorevolissimo membro della Federation of American Scientists. Ieri, un un'intervista a Il Fatto Quotidiano in occasione dell'anniversario del lancio della prima bomba atomica su Hiroshima (che uccise sul colpo 70 mila persone) ha confermato che quelle cifre sono attuali e che in tutto il mondo, secondo le stime, "risultano circa 13.400 armi nucleari". Non solo.
Kristensen ha affermato che presto le vecchie bombe stoccate ad Aviano e Ghedi (B61-3 e B61-4) verranno presto rimpiazzate dalle nuove B61-12 "a meno che la Casa Bianca non dia nuove disposizioni". "Il numero rimarrà lo stesso di quelle già oggi presenti e la potenza sarà la stessa delle B61-4 in quanto la nuova bomba B61-12 usa la stessa struttura in termini di testata nucleare. - ha proseguito - Il potenziamento, dal punto di vista militare, non è da ricercare nella testata, ma nel kit di coda che triplicherà la precisione della bomba".
Kristensen ha dunque riferito l'esistenza di un "accordo bilaterale segreto, ma noto da anni col nome in codice Stone Ax" in cui sono definite "le regole che Usa e Italia hanno concordato per lo stoccaggio, la custodia e, potenzialmente, l’uso. L’accordo disciplina in particolare come vengono custodite le bombe nelle basi di Aviano e Ghedi". Il periodo in cui le nuove bombe arriveranno in Italia sarebbe quello che va "tra il 2022 e il 2023".
Kristensen ha anche spiegato come il Trattato di Non Proliferazione Nucleare (Tnp), a cui l'Italia aderisce, "non limita in alcun modo né regola il dispiegamento delle armi nucleari" anche se "proibisce il trasferimento diretto o indiretto di questi ordigni da una potenza nucleare a una non nucleare". L'escamotage è semplice poiché "il trasferimento delle bombe Usa all’Italia e le intese di condivisione di queste armi risalgono a un periodo precedente alla data in cui il Tnp fu firmato" quindi "né lo stoccaggio né le intese violano il Trattato dal punto di vista legale".
La presenza delle armi nucleari non ha nulla a che vedere con lo spostamenti dalla Germania di truppe americane e degli F-16 in quanto già sono presenti ad Aviano squadroni di F-16 con il compito di missioni nucleari.
Ma c'è un altro aspetto che va comunque considerato e che mostra palesemente l'ipocrisia del nostro Stato. Rispondendo ad una domanda specifica, infatti, Kristensen ha confermato che "questi ordigni sono stati consegnati per essere usati dall’Italia in caso di guerra e poiché l’Aeronautica militare italiana è stata dotata di essi ed è stata addestrata al loro uso, a mio avviso, non c’è dubbio che le intese violino eccome lo spirito del Trattato, nonostante da un punto di vista strettamente legale non sia così".

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa