Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre Coronavirus: Piñera chiede l'indulto per gli ex ufficiali di Pinochet

Terzo Millennio

Coronavirus: Piñera chiede l'indulto per gli ex ufficiali di Pinochet

di Karim El Sadi - Fotogallery
Furia dei parenti dei desaparecidos: "Non accetteremo che vengano liberati"

Mentre in Italia c’è chi pensa alla scarcerazione di qualche migliaio di detenuti a fronte del rischio di contagio del virus in cella, in Cile c’è, soprattutto ai piani più alti del governo, chi vuole che ad uscire dalle prigioni, per gli stessi motivi, siano gli ex ufficiali del regime di Augusto Pinochet. Incredibile ma vero. Negli ultimi giorni nel Paese sta tornando in auge la discussione attorno alla “Ley Humanitaria", un disegno di legge presentato nel 2018 ma rimasto bloccato in Parlamento e poi ripresentato, che prevede la scarcerazione dei prigionieri più deboli e di bassa pericolosità sociale, come le mamme aventi figli di età inferiore ai due anni, gli anziani e i malati. Un modo questo per rimediare, in qualche maniera, all’annoso problema del sovraffollamento delle carceri, soprattutto di fronte all’espandersi della pandemia nel Paese (in Cile si contano 34 morti e oltre 4000 contagi). Un argomento che si può sicuramente discutere. La “Ley Humanitaria”, però, stabilisce una commutazione di pena dal carcere agli arresti domiciliari anche per tutti i prigionieri condannati per qualsiasi crimine con età superiore ai 75 anni, ai malati terminali e a coloro che hanno scontato più della metà della loro pena in carcere. Tra questi, dunque, figurano a pieno titolo anche gli ex militari finiti dietro le sbarre per aver sequestrato, torturato, violentato, e ucciso migliaia di cileni, tra oppositori politici e gente comune negli anni della dittatura di Pinochet (1973-1990). Personaggi che si sono macchiati di crimini contro l’umanità. Ma al governo non sembra importare, anzi, il presidente Sebastian Piñera condivide totalmente il disegno di legge e sta premendo affinché il Congresso possa approvarlo una volta per tutte, anche con nuovi termini, in quanto, a suo dire, “tutti abbiamo diritto a una morte degna”. "A una persona condannata per violazioni dei diritti umani o crimini di qualsiasi natura che sta morendo, che ha poche settimane da vivere, penso che dovremmo dargli il beneficio di morire a casa con i propri cari”, ha detto Piñera in un’intervista con l'Associazione regionale dei canali televisivi (Arcatel) riportata dal quotidiano El Mercurio.

L'interno del carcere di Punta Peuco dove sono detenuti gli ex ufficiali del regime cileno


Il disegno di legge riguarda tutte le carceri del Paese, come ha precisato il presidente in un secondo momento, specialmente il famoso carcere di Punta Peuco dove sono detenuti gran parte degli ex uomini di Pinochet che, tra l’altro, godono di ogni comfort oltre ad avere per giunta una stanza con bagni e spazi privati a testa. Circostanza questa, che collide, e non poco, con le preoccupazioni di contagio del governo. Secondo il presidente del Senato cileno, Jaime Quintana, infatti, a Punta Peuco il rischio di contagio è pressoché inesistente perché i reclusi godono di condizioni privilegiate rispetto a quelle di altri carcerati cileni. Sulla stessa linea è anche Dauno Totoro, direttore de La Izquierda Diario in Cile e leader del Partito dei lavoratori rivoluzionari. “A Punta Peuco i detenuti non sono sovraffollati o in cattive condizioni. Al contrario, è una prigione di privilegi per gente che ha commesso genocidi. L’ala destra e il governo vogliono approfittare del panico per aumentare l'impunità”. Un pensiero, questo, condiviso anche dai parenti dei desaparecidos e da oltre il 63% della popolazione, come dimostra lo studio della piattaforma cilena CADEM. La presidente del gruppo dei parenti dei desaparcidos, Lorena Pizarro, ha espresso la sua indignazione per il modo in cui la discussione si è rivolta a concedere l’indulto a coloro che sono stati condannati per aver commesso crimini atroci durante gli anni del regime. "Sono persone che hanno violato i diritti umani. - ha detto la Pizarro riferendosi ai detenuti di Punta Peuco - Stiamo assistendo a una grande campagna politica per liberarli e la verità ci sembra di un'infamia senza limiti. È aberrante che provano a trarre vantaggio politico da una situazione così drammatica”. "Non siamo d'accordo e non accetteremo che vengano liberati a causa della pandemia o perché sono poveri vecchietti", ha detto in aggiunta la presidente dell’ong, Alicia Lira, in un’intervista a Radio Cooperativa. Intanto la corte d’Appello di Santiago del Cile ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato da 29 militari accusati di violazione dei diritti umani, attualmente reclusi nel carcere di Punta Peuco. L’esercito aveva chiesto che i soldati potessero scontare la pena ai domiciliari, utilizzando come pretesto l’emergenza sanitaria ma i giudici hanno stabilito che i militari, di cui si chiede la liberazione dal carcere, non hanno subito nessuno abuso dei loro diritti costituzionali e, pertanto, questo ricorso è inammissibile.

Foto originali di copertina © eldesconcierto.cl / Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Roger Waters: l'ex leader dei Pink Floyd accusa il fascista Piñera

Cile: il governo rinvia il referendum costituzionale a ottobre per emergenza virus

Lettera aperta al presidente del Cile, Sebastián Piñera, del giudice Baltasar Garzón

Our Voice: ''Il virus più grande del Cile non è il Coronavirus, ma Piñera''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa