Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre In Israele la ''Banalità del Male'' è cosa superata

Terzo Millennio

In Israele la ''Banalità del Male'' è cosa superata

di Karim El Sadi - Video
A Gaza uccisi due palestinesi, i loro cadaveri sono stati caricati e portati via da bulldozer israeliani

Una scena da brividi che fa piangere di rabbia estrema. Quella rabbia, che si cela negli abissi dell'anima. La dignità di un essere umano profanata e trattata come quella di una bestia, se non peggio. Di un oggetto inanimato. Succede in Palestina, di nuovo. Ieri sera a Khan Younis (Gaza) un gruppo di palestinesi si è recato nei pressi della barriera di sicurezza che separa la Striscia di Gaza con Israele per manifestare contro l'assedio dell'area. Due di questi sono stati deliberatamente uccisi a distanza da cecchini israeliani nascosti al di là del filo spinato. Questa mattina alcuni dei loro compagni sono venuti a recuperare i corpi per poterli restituire ai famigliari ma, al loro arrivo, l'esercito israeliano ha aperto il fuoco per allontanarli. Il sadismo di Israele però non ha limiti ed ecco che da una collinetta escono due bulldozer blindati dell'esercito. I ragazzi sanno cosa vogliono quei mezzi: prendersi i martiri. Quindi si apprestano a trascinare via come possono gli amici deceduti mentre dall'altra parte continuano i colpi di avvertimento dei tiratori scelti. Sono momenti concitati. Quattro palestinesi rimangono feriti dai proiettili, uno rischia di perdere una gamba. I bulldozer avanzano scortati da un carro armato e i ragazzi non possono fare altro che abbandonare i loro fratelli deceduti. Se ne vanno voltandosi con le lacrime agli occhi sbracciando disperati. Nel frattempo le telecamere riprendono tutta la scena. Il soldato a bordo del bulldozer carica uno dei cadaveri con la pala meccanica ma non ci riesce. Ci prova più e più volte maciullando ad ogni tentativo il corpo del giovane che ormai somiglia più a un pezzo di copertone. Sembra di assistere a una scena di Animal Planet: il predatore che si divora con due bocconi la piccola preda. Dopo alcuni minuti l'operatore del bulldozer riesce a trovare un modo per portarsi via il cadavere senza farlo cadere grazie a un lembo di felpa finito accidentalmente tra i denti della pala meccanica. Gli amici non riescono a credere ai loro occhi e nemmeno i giornalisti accorsi sul posto. La scena diventa virale sui social nei paesi arabi. Ma in Occidente nessuno vedrà nulla. E' la "Banalità del male" di cui parlava Hannah Arendt: l'uomo che compie azioni orribili, ma senza cattive intenzioni, solo per “incoscienza”, per un distacco dalla realtà malvagia dei suoi atti. Ma qui la cosa è differente. Sì, perché i sionisti sono perfettamente coscienti e convinti di quello che fanno e la loro convinzione non viene da una guida militare o politica che impartisce ordini. Viene da una guida spirituale, quella del loro "Dio". E come tale è insuperabile. Anche il crimine più efferato trova una sua ragione d'esistenza se volto ad assecondare quel principio diabolico dietro al quale i sionisti si trincerano ogni qual volta messi all'angolo dalla razionalità e dall'evidenza dei fatti. "Questa terra ci è stata promessa dal Signore", affermano. Pertanto chi, come i palestinesi, contesta anche solo con la propria esistenza questa affermazione, viene considerato un ostacolo da rimuovere. E il cadavere profanato del povero ragazzo è solo l'esempio lampante di tutto ciò.

(23 febbraio 2020)

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa