Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre Narcotraffico con sommergibili ''made in Colombia''

Terzo Millennio

Narcotraffico con sommergibili ''made in Colombia''

da liberainformazione.org
Forte la delusione degli esperti antidroga americani che si erano illusi di come gli aumentati controlli navali nel Pacifico degli ultimi tempi avessero portato all’annullamento della rotta marina privilegiata dai narcos con l’utilizzo dei sommergibili carichi di cocaina. E’, infatti, di alcuni giorni fa (il 12 maggio) l’individuazione di uno di questi natanti che trasportava ben due tonnellate di polvere bianca da parte dalle forze di sicurezza costaricensi rimasto incagliato nei bassi fondali di Llorona all’altezza del Parco Nazionale di Corcovado. Due colombiani componenti l’equipaggio sono stati arrestati mentre un terzo è riuscito a dileguarsi. Negli ultimi quindici anni, le forze navali americane, colombiane, honduregne, messicane e costaricensi, hanno sequestrato un centinaio di queste imbarcazioni inizialmente indicate dalla Dea (l’agenzia antidroga americana) come Self Propelled Semi Sumersibles (SPSS) in quanto navigavano appena con pochi centimetri di scafo sopra il livello dell’acqua e, quindi, abbastanza difficili da intercettare con sistemi radar e sonar. Nel tempo, la costruzione di tali minisommergibili, si è perfezionata fino ad arrivare alla completa immersione di una decina di metri. Costruiti in Colombia, in piccoli cantieri nascosti nella giungla nella valle del Cauca, questi natanti hanno un telaio in legno che viene rivestito in fibra di vetro o acciaio, una lunghezza che va dai 12 ai 18 metri e possono raggiungere una velocità di una quindicina di nodi con un’autonomia di più di cinquemila miglia nautiche. Tutti i minisommergibili sequestrati erano muniti di valvole per provocare il rapido autoaffondamento (eventi che si sono verificati) nella eventualità in cui il natante fosse stato intercettato da navi militari. I colori blu, verde scuro o grigio sono quelli che sono stati maggiormente utilizzati per assicurare una maggiore mimetizzazione del natante durante la navigazione. Rispetto al primo minuscolo sottomarino rinvenuto, abbandonato, nel 1994, nelle acque di Santa Marta (evento del quale sono stato anche testimone in un periodo di collaborazione istituzionale con la Polizia Antinarcoticos colombiana) che poteva trasportare non più di un centinaio di chilogrammi di cocaina, quelli successivi sono stati decisamente più sofisticati e ben costruiti dotandoli di periscopi per la navigazione sotto il livello del mare, di adeguate attrezzature motoristiche (due motori), di navigazione in sicurezza (un sistema Gps e una radio) e di confort interni per i membri dell’equipaggio. Equipaggio che viene selezionato, di norma, sul posto dove i sommergibili vengono armati, con esperti pescatori locali, in grado di navigare in prevalenza di notte e abituati anche a lunghe permanenze in mare (anche di un paio di settimane). Anche in questo ambito non sono mancate sorprese come quando, nel 2014, in un accampamento di una delle bande di narcos colombiani (Los Rastrojos) fu rinvenuto un piccolo sommergibile-drone che poteva essere radiocomandato e in grado di trasportare circa 250kg di stupefacente. Anche le formazioni guerrigliere colombiane hanno avuto minisommergibili a disposizione per trasportare cocaina. Su tutte le FARC (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia) che, ormai da pochi anni hanno siglato un accordo di pace con il Governo colombiano. Sono ancora fuorilegge i guerriglieri dell’ELN (Esercito di Liberazione Nazionale) che continuano ad essere coinvolti nel narcotraffico, anche utilizzando minisommergibili come è stato accertato poco più di un anno fa con il sequestro, nella zona del municipio di Itsmina (Chocò), di uno di questi natanti nella disponibilità del fronte Che Guevara dell’ELN, in grado di trasportare fino a 4 ton di cocaina. Con la novità che, per la prima volta, il sommergibile era azionato elettricamente da una serie di batterie.

Tratto da: liberainformazione.org

Foto © Reuters

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa