Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre Colpo di Stato in Sudan, presidente Al Bashir si dimette

Terzo Millennio

Colpo di Stato in Sudan, presidente Al Bashir si dimette

di Karim El Sadi
Cittadini circondano il palazzo presidenziale nella Capitale

I giorni scorsi un milione di manifestanti sudanesi erano riusciti a raggiungere, per la prima volta dopo mesi, il quartier generale delle Forze Armate del Sudan nella Capitale Khartum gridando “un popolo un esercito. Ora l’esercito, insieme al ministro della difesa e al primo vice-presidente Awad Ibn Ouf, stando all’emittente Al Arabiya, ha accolto la chiamata del popolo e ha rimosso dal potere con un colpo di stato il presidente Omar Al Bashir insieme a 100 personalità a lui vicine, tra cui il capo del governo Mohammed Taher Aila. Il golpe sorge dopo 4 mesi di violente proteste (20 le morti solo negli ultimi 3 giorni) quando i sudanesi hanno chiesto con forza le dimissioni del presidente Omar Al Bashir, ininterrottamente al potere dal 1989, e la fine del rincaro del prezzo del pane e della benzina che hanno messo in ginocchio il Paese, con l’inflazione al 44%. La partecipazione popolare alla manifestazione nata il 19 dicembre è aumentata considerevolmente lo scorso 6 aprile, in occasione del 34esimo anniversario dello spodestamento del dittatore Gaafar Nimeiri. Ma solo la scorsa notte si sono avuti segnali netti di qualche crepa che andava formandosi nel palazzo presidenziale, che tral’altro è stato in queste ore accerchiato dalla folla, quando l’aeroporto della capitale Khartoum è stato chiuso e le trasmissioni televisive e radiofoniche interrotte. L’esercito peraltro nei giorni scorsi è intervenuto più volte per impedire l’intervento delle forze di sicurezza fedeli ad Al Bashir volto a reprimere i sit-in dei manifestanti davanti al quartier generale delle forze armate. Secondo il Sudan Tribune, uno dei principali quotidiani sudanesi, il Presidente sarebbe agli arresti domiciliari e avrebbe rassegnato le dimissioni. Ora che al potere non c’è più nessuna autorità politica l’esercito ha fatto sapere che intende “formare un consiglio militare per gestire il Paese”. A breve è atteso “un importante annuncio” da parte dei vertici delle Forze armate che dovrebbero ufficializzare le dimissioni del presidente, nel mentre il tenente generale Abdul Fattah al-Burhan è arrivato alla sede della radiotelevisione sudanese. Ora che il popolo ha vinto e il governo Al Bashir è caduto non resta che chiedersi chi sarà incaricato alla guida del Paese. C’è chi prevede che l’esercito resterà al potere fino alle prossime elezioni presidenziali in programma nel 2020 ma si teme che il Sudan resti per un lungo periodo con “i fianchi scoperti” soprattutto ora che il futuro del Paese sembra essere sempre più incerto.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa