Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre Venezuela, dalla fuga 'di' notizie alla fuga 'dalla' notizia

Terzo Millennio

Venezuela, dalla fuga 'di' notizie alla fuga 'dalla' notizia

di Alberto Negri
Con un articolo e un video il New York Times smentisce che sia stato Maduro a far bruciare i camion con gli aiuti americani sul ponte. Ma sui media passa la prima versione

È la stampa bellezza, la stampa quella seria, e tu non ci puoi far niente, si potrebbe dire parafrasando la celebre battuta di Ed Hutcheson-Humphrey Bogart alla fine del film L’ultima minaccia. Con un articolo e un video pubblicati il 10 marzo il New York Times smentisce che sia stato Maduro il 23 febbraio a far bruciare i camion con gli aiuti americani sul ponte di Cucuta tra Colombia e Venezuela, come ha affermato Washington. In realtà sono state le molotov lanciate dagli oppositori a provocare l’incendio, probabilmente in maniera accidentale, mentre tentavano di lanciarle contro forze di sicurezza venezuelane.

Le immagini e la ricostruzione degli eventi lo attestano con chiarezza. Non solo, il quotidiano americano smentisce anche - dopo avere controllato la lista di Usaid, l’agenzia di cooperazione americana - che si trattasse di un carico di medicinali: erano scatole di sapone e dentifricio, guanti e mascherine sanitarie.
Ma non importa. Sui media è passata la notizia che il presidente venezuelano, certamente non un genio, è un dittatore feroce e disumano che priva il suo popolo delle medicine.

Si è messa di mezzo anche la Casa bianca, che ormai mente sistematicamente non solo con Trump - lo psycho-presidente descritto da Tommaso di Francesco sul manifesto - ma anche attraverso il suo ventriloquo, il vice Mike Pence. Pence allora aveva dichiarato che "mentre Maduro danzava a Caracas i suoi scherani bruciavano cibo e medicine". Dichiarazioni corredate da un video del dipartimento di Stato, diffuso a tutte le tv internazionali, che accusa Maduro. Il beneficio del dubbio ormai viene accordato dagli Usa solo al dittatore nordcoreano con l’atomica. Poi si è aggiunto anche il capo della sicurezza nazionale John Bolton, quello che da anni vuole fare la guerra all’Iran. Il tutto avallato dalla presidenza e dalle autorità colombiane che a loro volta hanno diffuso dei video dove però erano state tagliate le sequenze che consentivano di comprendere la reale evoluzione degli eventi.

Tutti i media si sono bevuti questa "solida" narrativa costruita dalla Casa bianca e confortata dalle «testimonianze» locali che aveva lo scopo di descrivere Maduro come il tiranno di un regime autoritario e impietoso. Ma al di là dell’opinione che si può avere del presidente venezuelano, l’aspetto impressionante sottolineato dal New York Times è la facilità con cui viene manipolata l’informazione e quindi anche l’opinione pubblica.

Un tempo, non così lontano, per verificare una notizia era necessario andare sul posto. Nel 2011 in Libia ho verificato che il lavoro da inviato era diventato davvero difficile anche davanti all’evidenza. Prima ci furono le famose fosse comuni sulla spiaggia, che non erano vere. Poi venne...

Per leggere l'intero articolo: ilmanifesto.it

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa