Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre Sinwar (Hamas): ''Basta guerre, è ora di cambiare''

Terzo Millennio

Sinwar (Hamas): ''Basta guerre, è ora di cambiare''

palestinese con bandiera c imagoeconomicaIntervista
di Francesca Borri
Gaza. Mentre gli scontri al confine di Gaza si intensificano, il leader di Hamas, Yahya Sinwar, in una rara intervista con la stampa internazionale lancia un messaggio a Israele. "C’è una reale opportunità per il cambiamento. La guerra non è nel nostro interesse. Ma nella situazione attuale un’esplosione è inevitabile".

Non incontra spesso la stampa, ma è a capo di Hamas da più di un anno. Perché parla ora?
"Perché è adesso che c’è un’opportunità di cambiamento. L’opportunità di avere infine sicurezza e stabilità".

Un’opportunità? Adesso?
"Adesso. Sì".

La cosa più probabile, a Gaza, sembra una nuova guerra. In quest’ultima ondata di proteste si sono avuti quasi 200 morti.
"Mentre dall’altra parte un morto solo. Intanto direi che ‘guerra’ è termine fuorviante: non è che a Gaza a un certo punto c’è una guerra e gli altri giorni c’è la pace. Siamo sempre sotto occupazione: l’aggressione è quotidiana. Varia di intensità. Tutto qui. E comunque la verità è che una nuova guerra non è nell’interesse di nessuno. Di certo, non è nel nostro: chi ha voglia di fronteggiare una potenza nucleare con due fionde? E però, se è vero che non possiamo vincere, per Netanyahu vincere sarebbe anche peggio che perdere. Perché questa sarebbe la quarta guerra. Non può concludersi come la terza, che già si è conclusa come la seconda, che già si è conclusa come la prima.
Dovrebbero riconquistare Gaza. E non penso che Netanyahu, che sta già tentando di tutto per sbarazzarsi dei palestinesi della West Bank, e mantenere una maggioranza ebraica, desideri altri due milioni di arabi. No. Con la guerra non si ottiene niente".

Suona un po’ strano, detto da uno che viene dall’ala militare di Hamas.
"Non sono a capo di una milizia. Vengo da Hamas e basta. Sono a capo di una cosa decisamente più complessa: un movimento di liberazione nazionale. E il mio primo obbligo è agire nell’interesse del mio popolo: difenderlo, e difendere il suo diritto a libertà e indipendenza. Lei è una corrispondente di guerra. Ha voglia di guerra?".

No.
"E allora perché dovrei averne io? Chi conosce la guerra, non ha voglia di guerra".

Ma lei ha combattuto tutta la vita.
"Infatti non sto dicendo che non combatterò più. Sto dicendo che non voglio più guerre. Voglio la fine dell’assedio".

I confini di Gaza sono più o meno chiusi da 11 anni. Non c’è più neppure l’acqua. Com’è vivere qui?
"E come crede che sia? Il 55 per cento della popolazione ha meno di 15 anni. Non stiamo parlando di terroristi: stiamo parlando di bambini. Non hanno nessuna tessera di partito. Hanno paura. Paura e basta. Voglio che siano liberi".

L’80 per cento della popolazione vive di aiuti umanitari, ma Hamas in questi anni ha trovato le risorse per costruire i suoi tunnel.
"E per fortuna. Altrimenti saremmo morti tutti. È iniziato l’assedio, è iniziata la crisi e per sopravvivere a noi non è rimasto che costruire i tunnel. In certi momenti qui non entrava neanche il latte".

Non pensa di avere delle responsabilità?
"La responsabilità è di chi ha chiuso i confini, non di chi ha provato a riaprirli. La mia responsabilità è cooperare con chiunque possa aiutarci e mi riferisco soprattutto alla comunità internazionale".

E invece che armi, allora, non potevate comprare il latte?
"Se siamo ancora vivi, evidentemente l’abbiamo comprato. Il latte e molto altro. Cibo, medicine. Siamo 2 milioni. I tunnel sono soltanto in minima parte per la resistenza e perché altrimenti non muori di fame, è vero, ma muori bombardato. E per la resistenza Hamas usa fondi propri. Non pubblici".

Quindi Hamas ora è dell’idea di un cessate il fuoco con Israele. Che cosa intende per cessate il fuoco?
"Un cessate il fuoco. Calma assoluta".

Calma in cambio di calma?
"No. Calma in cambio di calma e della fine dell’assedio. L’assedio non è calma".

Calma per quanto tempo?
"Quello che conta realmente è che cosa succede intanto sul terreno. Perché se il cessate il fuoco significa che non veniamo bombardati, sì, ma continuiamo a non avere acqua, elettricità, niente, continuiamo a vivere sotto assedio, non ha senso. Perché l’assedio è una forma di guerra. E tra l’altro è un crimine per il diritto internazionale. Non c’è cessate il fuoco sotto assedio. Ma se Gaza torna normale, invece, se arrivano non soltanto aiuti umanitari, ma investimenti, imprese, sviluppo, se iniziamo a percepire una differenza, allora possiamo andare avanti. E quello che so è che Hamas si impegnerà al suo meglio".

Hamas, durante il cessate il fuoco, terrebbe le sue armi? O accettereste una protezione internazionale, i caschi blu?
"Tipo Srebrenica?".

Deduco che sia un no.
"Deduce bene".

Molti pensano a Hamas e non pensano alle mense. Pensano alla seconda Intifada. Agli attentati suicidi. Per gli israeliani lei è un terrorista.
"Che è quello che loro sono per me".

Sembra un ottimo inizio, per il cessate il fuoco...
"E che dovrei dirle? Abbiamo colpito civili? Hanno colpito civili. Hanno sofferto? Abbiamo sofferto. Mi racconti di un qualsiasi loro morto e io le racconterò di un nostro morto. Di dieci nostri morti".

Che cosa pensa del piano di pace di Trump? Anche se non è molto chiaro di che cosa si tratti.
"Si tratta dell’eliminazione di ogni nostra prospettiva di libertà e di indipendenza. Non c’è sovranità, non c’è Gerusalemme. Non c’è il diritto al ritorno... Mi è più semplice dire quello che c’è: il nostro no. E non soltanto di Hamas. Su questo, siamo tutti uniti. No".

Dovesse riassumermi tutto questo in una frase, in una sola frase, qual è il messaggio che vorrebbe restasse più impresso ai lettori?
"È tempo di cambiare. Tempo di finirla con questo assedio. E cambiare".

Tratto da: La Repubblica

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa