Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre Argentina: denunciato presidente Macri per accordo con Fmi

Terzo Millennio

Argentina: denunciato presidente Macri per accordo con Fmi

macri mauricio c imagoeconomicadi AMDuemila
Il procuratore federale argentino Jorge Di Lello ha aperto una procedura giudiziaria nei confronti del presidente Mauricio Macri per i presunti reati di abuso di autorità e violazione dei doveri di funzionario pubblico nel quadro dell'accordo firmato il 7 giugno scorso con il Fondo monetario internazionale (Fmi). La notizia è stata pubblicata nei giorni scorsi dall'agenzia di stampa Noticias Argentinas.
La procedura è uno sviluppo di una denuncia presentata dall'ex deputato Claudio Lozano e da Jonatan Baldiviezo, titolare dell'Osservatorio dei Diritti alla Città, in cui si sostiene che l'accordo con l'Fmi è stato ufficializzato nonostante non fosse previsto nella Legge di Bilancio e neppure avallato da una legge approvata dal Parlamento.
Con Macri il procuratore ha imputato il capo del Gabinetto, Marcos Peña, il ministro delle Finanze, Nicolás Dujovne, ed il presidente della Banca centrale, Dante Caputo. Da parte sua il procuratore Di Lello ha chiesto al giudice di firmare una ordinanza cautelare che sospenda l'esecuzione dell'accordo con l'Fmi.
La misura è stata sollecitata dai denuncianti, precisa l'agenzia, affinché si intimi l'esecutivo dall'astenersi da futuri ritiri o sollecitazioni di fondi nel quadro dell'accordo, e anche dall'utilizzazione del denaro già trasferito dall'Fmi ai
conti dello Stato nazionale.
Fra le altre iniziative, la Procura ha chiesto al ministero dell'Economia la totalità delle risoluzioni attraverso cui il governo ha contratto debito per il Tesoro e la Banca centrale. Attualmente, il ministro Dujovne si trova a New York negoziando con l'Fmi una accelerazione degli esborsi legati al prestito 'stand by' di 50 miliardi di dollari ottenuto in giugno, in cambio di forti misure di austerità e risparmio da parte del governo argentino, impegnato a controllare una crisi economica che ha portato ad una svalutazione del peso contro il dollaro di oltre il 35% nell'ultimo mese.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...


PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...


UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...

LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...


IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa