Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre In attesa del vertice europeo più difficile

Terzo Millennio

In attesa del vertice europeo più difficile

bandiere italia e ue c pavadi Giulietto Chiesa
l triumvirato italiano (Conte, Salvini, Di Maio) si è presentato al pre-vertice di Bruxelles con una proposta forte, concreta e realistica. Dentro la quale non c’è la soluzione completa ai problemi delle migrazioni, ma c’è l’essenziale per cominciare a ragionare

"Ce lo chiedono le nostre opinioni pubbliche", ha detto il premier Giuseppe Conte, e la cosa era così evidente da non ammettere repliche.

I "dieci punti" sono chiari e l'Italia si è presa la briga di scriverli prima del vertice europeo del 28-29. Si possono riassumere così: Chi sbarca in Italia sbarca in Europa. Cioè la responsabilità sui naufraghi sarà comune. Dublino dev'essere abbandonato come un documento che serviva, e male, solo all'emergenza. È in gioco Shengen. Secondo: occorrono investimenti collettivi in progetti per frenare l'emigrazione là dove essa comincia e parte. Per esempio nel Niger e in Libia. Occorrono centri di protezione internazionale nei paesi di partenza e di transito. Terzo: occorre dunque una iniziativa politica, diplomatica, economica dell'Europa in quanto tale nei confronti di un vasto numero di paesi, non solo africani (Afghansitan, Pakistan, Bangladesh, per esempio).
Si dovrà superare il criterio del "paese di primo arrivo" che deve farsi carico di troppe funzioni. E, infine, ogni stato europeo dovrà definire le quote di ingresso dei migranti "economici" (che sono la grande massa, oltre il 90%). Chi non lo farà dovrà essere sottoposto a penalità e dovrà rimborsare chi lo farà.

Questa la sostanza. L'Europa - che attraverso la diplomazia di Angela Merkel e la non diplomazia di Macron ha borbottato che ci penserà - non è pronta. Il prossimo vertice generale dell'Unione, del 28-29 giugno si annuncia burrascoso e cacofonico.

L'Italia, comunque, ha già dimostrato di non essere più sola. È ben vero che i suoi potenziali alleati sono a "geometria molto variabile", avendo ciascuno una propria agenda, diversa e in qualche caso incompatibile con quella di Roma. Per esempio il Gruppo di Visegrad, guidato da Orban non sembra incline ad accettare la sua quota di responsabilità in temi di emigrazione. Ed è altrettanto chiaro che il Ministro degl'interni tedesco è più interessato a indebolire Angela Merkel che non a manifestare solidarietà con Salvini.
Ma è evidente che la posizione italiana, assertiva e dura, sta scompaginando il quadro politico che, fino a ieri - e da decenni - era dominato da Berlino e Parigi. Il presidente Macron, con una certa dose di tracotanza, non aiuta a far quadrare il cerchio. Sembra piuttosto impegnato agli interessi "post coloniali" francesi che non a una qualche condivisione delle responsabilità europee. Basti pensare che a fine maggio, cioè pochi giorni orsono, ha convocato a Parigi una riunione di gabinetto sulla Libia, che, in sostanza, ha preparato un piano per "annettere" alla Francia la Cirenaica del Generale Haftar.

Ovvio che, se la discussione diventasse davvero calda, l'Italia avrebbe agio di chiedere conto delle responsabilità francesi proprio sui numerosi "punti di partenza" delle ondate migratorie. In ogni caso siamo alla vigilia di un dibattito in cui si dovranno misurare, uno ad uno, gli "europeismi ipocriti" che hanno contribuito a creare, in risposta, l'ondata cosiddetta sovranista.

Due parole ancora sul "triumvirato" italiano. Il "giovane" Conte se la sta cavando bene. Regge con dignità e acquista peso. Il che non è poco in un contesto così difficile e aspro. Anche gli altri due vertici, Salvini e Di Maio, reggono le tensioni internazionali che stanno creando. Per ora. Il test elettorale amministrativo di domenica 24 giugno (secondo turno) conferma l'avanzata imperiosa della Lega e qualche cedimento del Movimento 5 Stelle. Quest'ultimo a conferma dei sondaggi nazionali che vedono la Lega addirittura al primo posto dei consensi. Le difficoltà, per questo "triangolo", non mancheranno su numerosi altri temi del "contratto di governo" e sulla miriade di questioni che sono rimaste fuori da quel contratto, sulle quali Lega e M5S hanno posizioni tutt'altro che collimanti.
Per ora è così. Si naviga a vista, in attesa che i cosiddetti "mercati" si chiariscano le idee e comincino a sparare le loro bordate.

Foto © Pava

Tratto da:
it.sputniknews.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...

I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa