Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre Petrolio in Yuan: la Cina è pronta a rivoluzionare il mercato petrolifero

Terzo Millennio

Petrolio in Yuan: la Cina è pronta a rivoluzionare il mercato petrolifero

moneta cinese c AFP 2018 STRdi Giulietto Chiesa
La notizia è che il 26 marzo la Borsa di Shanghai comincerà a vendere futures petroliferi in yuan. Per la prima volta in assoluto, cioè, gl’investitori stranieri potranno avere accesso a quel mercato nella moneta sovrana cinese. La fonte è ufficiale ed è la Commissione di stato per le questioni del mercato delle valute (CSRC).

Dunque avremo, al posto o, per meglio dire, in competizione con i petrodollari, i "petroyuan". E potrebbe essere un risoluto cambio di marcia strategico, in grado di modificare tutti i parametri dei mercati, tanto quelli petroliferi quanto quelli finanziari. Il condizionale è d'obbligo perché è ancora da vedere se gl'investitori internazionali si precipiteranno, o meno, su questi nuovi futures. Se si verificherà la prima delle due ipotesi, è evidente che la moneta cinese registrerà un balzo in avanti nell'intera economia globale.

La prudenza è dunque d'obbligo. Ma, com'è noto, la leadership cinese attuale non fa passi avventurosi. E, del resto, la mossa annunciata, e ormai in azione, ha una lunga storia di tentativi di preparazione, che risalgono a un quarto di secolo fa. Il primo tentativo di questo genere risale addirittura al 1993, ma fallì a causa dell'estrema volatilità dei cambi di allora. Per meglio dire, fu stroncato dalle contromosse dell'OPEC.

Ci hanno pensato bene e a lungo, dunque, prima di lanciare il sasso. E non c'è dubbio che i grandi giocatori prenderanno le misure per rendere difficile il successo dell'operazione. In occidente abbondano gli scettici. La borsa petrolifera di Shanghai — si valuta — non decollerà fino a che lo yuan resterà sotto il controllo rigido del governo cinese. Gl'investitori esteri magari compreranno e venderanno petrolio in yuan, ma facendo riferimento alle variazioni del cambio dollaro-yuan. Sarà cioè una operazione di facciata, senza grandi conseguenze. Ma resta il fatto che la potenza industriale e commerciale cinese è in formidabile crescita e, in termini petroliferi, il 2017 ha visto la Cina diventare il primo importatore mondiale di petrolio del mondo intero, con 8,43 milioni di barili al giorno. E la domanda cinese è in stabile aumento.

Dunque Pechino non è priva di strumenti per tenere sotto controllo i malintenzionati. La mossa di Xi Jinping avrà in ogni caso un enorme impatto planetario, visto che il petrolio resta la pietra miliare attorno alla quale ruota e ruoterà a lungo l'intera economia e finanza del mondo. È un conferma autorevole che le regole che hanno guidato il pianeta negli ultimi 50 anni stanno per cambiare, e sono già in via di cambiamento.

Le prossime mosse statunitensi dovranno essere lette attraverso questo prisma inevitabile, dettato dai rapporti di forza. L'impero del dollaro è sempre meno stabile, sebbene il controllo sia ancora nelle mani degli Stati Uniti. Anche sotto questo profilo la decisione degli esperti cinesi è illuminante del realismo con cui si sono mossi: è già stato deciso che l'oscillazione consentita dei prezzi dei futures di Shanghai non potrà superare il 4% in entrambe le direzioni, sopra e sotto il prezzo fissato al momento della chiusura della sessione precedente. La leadership cinese non si farà sorprendere da attacchi speculativi ai suoi danni.

Tratto da: it.sputniknews.com

Foto © AFP 2018/ STR

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa