Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Terzo Millennio Guerre Difendevano terre, fiumi e boschi. Duecento ambientalisti assassinati

Terzo Millennio

Difendevano terre, fiumi e boschi. Duecento ambientalisti assassinati

caceres berta 610di Andrea Pasqualetto
Il Brasile in cima alla lista nera del 2016: 49 delitti. I casi della nonna pescatrice Magalhães e dell’indigena Cáceres che lottavano contro le dighe. L’omicidio brutale dell’irlandese McCoy, paladino del verde sopra Dublino

Lottavano per difendere la terra, le foreste, i fiumi. L’aria. Per l’ambiente hanno vissuto e per l’ambiente sono stati assassinati. Sorprende il numero: almeno duecento nel solo 2016, l’anno più sanguinoso. Lo riferisce Global Witness, l’Ong internazionale che dal 2002 tiene la contabilità mondiale degli attivisti vittime delle loro battaglie. «Defenders of the Earth», difensori della Terra, li hanno ribattezzati nell’ultimo rapporto. L’area nera è l’America Latina con il 60% degli omicidi. In cima alla lista dei Paesi più colpiti, il Brasile: 49 delitti. Seguono Colombia, Filippine, India, Honduras, Nicaragua, Congo, Bangladesh. Ma il sangue dei volontari dell’ambiente è scorso anche in Iran, Messico e Sudafrica. E pure in Europa, in Irlanda, dove un ambientalista di Dublino è stato picchiato a morte con una mazza da baseball. Il rapporto parla di una recrudescenza del fenomeno. Agguati, pestaggi, minacce. In vaste aree i difensori del pianeta verde sono sugli scudi e denunciano i soprusi. E sempre più spesso muoiono. Ammazzati.

La nonna pescatrice contro la grande diga
nilce de souza magalhaesQuella diga non la voleva. Perché la pesca sul Rio Madeira era la vita della sua gente. Pescatrice, madre e nonna, la brasiliana Nilce de Souza Magalhães aveva più volte denunciato il grave impatto del progetto idroelettrico di Jirau sulla comunità di Porto Velho. Per costruire la diga, la popolazione era stata trapiantata in un luogo senza energia elettrica e acqua potabile. E senza pesca. Nilce presentò varie denunce, impulso per l’apertura di procedimenti civili e penali. Fu più volte minacciata. Scomparve il 7 gennaio del 2016; otto giorni dopo venne arrestato Edione Silva, 26 anni, che confessò il delitto. Il 21 giugno il corpo di Nilce fu trovato su una riva del Rio Madeira.

Il nemico del cemento sui colli di Dublino
michael mccoyEra un po’ il guardiano delle colline di Dublino, in Irlanda. E passeggiando proprio su uno di quei sentieri forestali, dove amava portare i suoi tre cani, il sessantatreenne Michael McCoy è stato ucciso. Era una mattina dello scorso ottobre. McCoy fu picchiato a morte con una mazza da baseball, dalle parti di Ballinascorney, dove abitava con la sua famiglia in una casa fra i boschi. Lui, la moglie e le tre figlie. McCoy si batteva perché non voleva alcuna costruzione sulle «sue» colline, nonostante non fosse area protetta. Nessuno è stato accusato per il suo omicidio, ma gli investigatori irlandesi sono convinti che il delitto sia legato a una delle sue campagne ambientali.

L’indigena che ha salvato il Rio Gualcarque
caceres bertaEra la notte fra il 2 e il 3 marzo dello scorso anno. Tre uomini armati irruppero nella sua casa di La Esperanza, nel dipartimento di Intibucà, in Honduras, e fecero fuoco. Berta Cáceres stramazzò a terra e non si rialzò più. Vicino a lei, il suo amico di battaglie ambientaliste Gustavo Castro Soto, un attivista messicano, rimasto ferito nell’agguato. Cáceres era una famosa attivista, premiata nel 2015 con il Goldman per l’ambiente, impegnata nella difesa delle terre degli indigeni lenca, minacciate dallo sfruttamento minerario da parte di grossi gruppi industriali. In particolare, cercava di bloccare il progetto «Agua Zarca», la diga sul fiume Gualcarque. Denunciò degli illeciti e ricevette minacce. «Arrivano dalla Desa», disse lei riferendosi all’impresa Desarrollos Energéticos a cui era stata affidata la costruzione della diga. Cáceres era particolarmente esposta nella sua battaglia, essendo la guida del Consiglio delle organizzazioni popolari e indigene dell’Honduras (Copinh). La Commissione interamericana per i diritti umani richiese così di adottare alcune misure di sicurezza nei suoi confronti perché aveva bisogno di protezione. Il 16 maggio 2016 il governo arrestò quattro uomini. Fra questi l’ex capo della sicurezza della Desa e un ingegnere dell’azienda.

La battaglia di una donna contro i big del carbone
capitan gloriaTre spari in un bar di Mariveles, nell’iso-la di Bataan. Così è morta Gloria Capitan il 1° luglio 2016. Aveva 57 anni e da tempo combatteva contro la costruzione di una nuova centrale a carbone nelle Filippine. Guidava un gruppo di militanti contrari alle politiche del colosso Mariveles, che punta a espandersi nella provincia di Bataan, a una sessantina di chilometri da Manila. Denunciava le ricadute dannose sulla popolazione di impianti e siti di stoccaggio aperti nel quartiere Mariveles. Organizzava campagne, presentava reclami alla Corte di giustizia, chiedeva la «chiusura permanente del progetto carbone». Le arrivò una minaccia anonima: «Non vorrei vedere qualcuno di voi sepolto sotto un tumulo di terra».

Il ranger ucciso dai miliziani
jules kombi kambaleJules aveva scelto di lavorare al parco di Virunga. Era finito fra i rangers che difendono il più grande spazio protetto nazionale della Repubblica Democratica del Congo, il più vecchio dell’Africa (fondato nel 1925). Per qualcuno, però, la risorsa più preziosa del parco non sono i gorilla di montagna, beniamini dei turisti, ma il carbone, ottenuto abbattendo gli alberi e bruciandoli. Si tratta di una delle fonti energetiche più redditizie per le Forze democratiche di liberazione del Rwanda. Nel settembre dello scorso anno, Jules Kombi Kambale, 30enne e una moglie incinta, è stato freddato dalle milizie del Ruanda. Tentava di difendere la vegetazione del suo parco.

Tratto da: corriere.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...


LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca